Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoprono che Android sta monitorando il tuo telefono cellulare (anche se non gli dai il permesso di farlo)

Inserito:

13 ottobre 2021 09:44 GMT

Sebbene alcune app di sistema siano indispensabili e solitamente utilizzate quotidianamente (come la fotocamera o le app di messaggistica), ce ne sono molte altre che condividono le tue informazioni private, anche se potresti non averle mai aperte.

Questo mese, i ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito) e del Trinity College (Dublino, Irlanda) hanno pubblicato un studio Hanno avvertito che molte aziende di “smartphone” Android tracciano il tuo telefono cellulare in ogni momento.

Secondo i ricercatori, questo accade Anche se l’utente controlla la propria privacy digitale E prendendo precauzioni di base, come rimuovere app sospette e rifiutare suggerimenti per tenere traccia delle loro azioni quando installi una nuova “app”. Gli esperti concludono che qualunque cosa tu faccia, esistono le cosiddette “applicazioni di sistema”, che sono installate di default nella RAM del dispositivo ed è quasi impossibile rimuoverle o rimuoverle completamente.

Dopo aver analizzato le abitudini di condivisione dei dati di alcune comuni varianti del sistema operativo Android, comprese quelle sviluppate da Samsung e Xiaomi e HuaweiGli autori dello studio hanno concluso che “con una piccola configurazione”, fin dal primo momento e anche quando il telefono cellulare è inattivo, queste applicazioni invieranno costantemente i dati del dispositivo agli sviluppatori del sistema operativo e a un gran numero di terze parti. .

Sebbene alcune app di sistema siano essenziali e utilizzate quotidianamente (come la fotocamera o le app di messaggistica), ce ne sono molte altre che non smettono di condividere informazioni private, anche se l’utente potrebbe non averle mai aperte.

Ad esempio, nel caso di Samsung, l’app LinkedIn invia “dati di telemetria” ai server di Microsoft, inclusi dettagli come l’identificatore univoco di un dispositivo e il numero di app Microsoft installate su di esso. Inoltre, i dati hanno anche detto Condiviso con qualsiasi fornitore di analisi a cui è collegata l'”applicazione”, come Google Analytics.

READ  Hanno scoperto un nuovo tipo di pterosauro da impronte insolite

Un altro esempio è l’app di messaggistica di Google, preinstallata sui telefoni Xiaomi, che condivide i timestamp di ogni interazione dell’utente con Google Analytics, nonché i registri di ogni messaggio di testo inviato.

Quando vengono raccolti i dati forniti da queste e da molte altre “app” di sistema, Viene creata una “impronta digitale” unica Che può essere utilizzato per tracciare un dispositivo e quindi scoprire chi è l’utente.

Infine, i ricercatori sostengono che Google non stabilisce regole sul fatto che gli sviluppatori possano raccogliere queste informazioni, ma solo su cosa possono fare con esse una volta raccolte. Per questo motivo le “applicazioni” di sistema In grado di bypassare le impostazioni esplicite di esclusione della privacy all’utente, poiché sono in esecuzione in background, indipendentemente dal fatto che siano aperti o meno.