Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scopri le origini delle mummie di San Giovanni dal DNA umano nei pidocchi

Una delle mummie studiate era un uomo appartenente alla cultura Anselta. Vissuto 2000 anni fa nell’attuale San Juan, Argentina / Archivi

All’interno del ciclo riproduttivo dei pidocchi, la femmina depone le uova che si attaccano ai capelli umani. Queste lendini rimangono bloccate all’estremità della radice dei capelli. Sì, aderisce bene. Perché i pidocchi producono una sostanza simile al cemento molto forte. Questi microrganismi sono parassiti unici dell’uomo. Condividono la loro storia evolutivaLa scienziata argentina Alejandra Perotti, che fa ricerca presso l’Università di Reading nel Regno Unito, si è concentrata su questa relazione. Ha studiato il pidocchio in antiche mummie conservate nella provincia argentina di San Juan. È stato in grado di studiare per la prima volta il DNA umano antico dalle lendini.

“Le lendini possono essere viste come un organismo inquietante, ma studiandole possiamo avere un ponte per scoprire storie del lontano passato e degli ultimi anni”., Raccontare Infobae Biologo Beiruti. È membro del Comitato direttivo dell’Associazione europea dei roditori e ha ricevuto premi dalla Società Entomologica dell’Argentina e il Premio Cesar Milstein dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione.

Perotti, insieme ai colleghi della National St John’s University, del Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford, dell’Università di Bangor e dell’Università di Copenhagen in Danimarca, hanno pubblicato i risultati di una scoperta con molte implicazioni. Ci permette di capire meglio come erano le migrazioni in Sud America tra 2000 e 1500 anni fa e apre la possibilità di studiare gli scheletri e le mummie del passato senza che fosse fatto. Interventi su queste persone. Hanno dimostrato che la storia può essere compresa solo studiando le uova dei pidocchi che infettano gli esseri umani.

Capelli umani con uova attaccate "Cemento"/ Università di Reading
Capelli umani attaccati al “cemento” / Università di Reading

“Esemplari distruttivi sono sempre più difficili da ottenere per motivi etici e i metodi standard di frattura del cranio per accedere all’osso petroso o il campionamento dei denti residui sono vietati per motivi di conservazione”, hanno scritto nel lavoro pubblicato sulla rivista scientifica. Biologia molecolare ed evoluzione. Per evitare queste difficoltà, Perotti e i suoi colleghi hanno testato cosa potrebbe essere utile dallo studio del DNA umano trovato nelle lendini delle mummie conservate a San Juan.

READ  Sono andati in un bar, non hanno visto i prezzi e sono quasi svenuti dal biglietto: "Sono appena uscito a cena".

Le mummie appartengono alla popolazione umana che ha raggiunto le Ande tra 1500 e 2000 anni fa. Le cellule della pelle di queste persone sono rimaste intrappolate nel cemento prodotto dai pidocchi. Il team dello scienziato ha esaminato 6 pidocchi da ogni mummia a San Juan ed ha estratto il DNA umano. La qualità del materiale è stata quindi confrontata con l’osso petroso e i denti anch’essi disponibili.

I campioni di cemento nitrato fornivano la stessa concentrazione di DNA dei campioni dentali, il doppio della concentrazione di DNA osseo e quattro volte la concentrazione di DNA umano recuperato dal sangue all’interno dello stomaco dei pidocchi più recenti. Oltre alla tecnica stessa, lo studio ha permesso di scoprire chi sono queste persone. Da dove venivano i loro antenati? “L’antica analisi del DNA ci ha fornito informazioni su nuove antiche rotte migratorie all’interno del Sud America”, ha affermato il ricercatore.

“Una delle mummie viveva nell’attuale area di San Juan 2000 anni fa. Studiando il suo DNA con cemento prodotto dai pidocchi come fonte, siamo stati in grado di scoprire che era il discendente di persone che vivevano nel nord del bacino amazzonico , nelle attuali terre del Venezuela e del Brasile settentrionale. Perotti ha spiegato che si sapeva che c’era una migrazione molto grande, ma non si sapeva che arrivavano dall’est e poi andavano al centro e all’ovest in Argentina”.

Hanno scoperto la rotta migratoria studiando il DNA umano, ma si sono anche concentrati sul DNA dei pidocchi. “C’era una corrispondenza nel DNA umano e nel DNA delle lendini. Entrambi i DNA provenivano dall’Amazzonia. “Il pidocchio è uno specchio di ciò che è successo all’ospite”, ha detto lo scienziato. L’esistenza di queste rotte migratorie è stata suggerita molti anni fa dal professor Mariano Gambir de San Juan.

READ  Brasile: aumentano le possibilità di Lula di vincere il primo turno di domenica | La campagna elettorale entra nella fase finale

Mentre, Le altre due mummie sono legate a persone che abitarono la Patagonia più di 1.500 anni fa, secondo lo scienziato. “Abbiamo anche condotto uno studio comparativo con i dati delle basi del genoma e identificato un’altra rotta dalla Patagonia all’attuale centro-ovest 1.500 anni fa”, ha aggiunto.

Il team di Alejandra Perotti sta studiando anche pidocchi e lendini come fonti di informazione per chiarire sospetti reati e morti/archivio
Il team di Alejandra Perotti sta studiando anche pidocchi e lendini come fonti di informazione per chiarire sospetti reati e morti/archivio

Un’altra scoperta è stata che, esaminando le mummie, è stato registrato il più antico record di poliomavirus a cellule di Merkel. È un virus descritto nel 2008 Può essere trovato nella pelle sana. Il virus a volte provoca un cancro della pelle aggressivo. La squadra di Perotti l’ha trovata nel DNA intrappolato nelle lendini di cemento di una delle mummie. Il ricercatore ha ammesso che “questa scoperta solleva il sospetto che i pidocchi umani possano trasmettere il poliomavirus, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo”.

Le mummie sono state esposte a temperature estremamente basse prima della morte. Il freddo potrebbe essere uno dei fattori che hanno portato alla morte. Questo è stato determinato dalla breve distanza tra le lendini e il cuoio capelluto. I pidocchi dipendono dalla temperatura dell’ospite per mantenere le uova in un ambiente adatto alla loro crescita. Quindi gli scienziati sanno che quando le lendini sono più vicine al cuoio capelluto, significa che ci sono temperature molto basse nell’ambiente.Il dottor Beiruti non si ferma. Ha già altre indagini in corso.

molto hConduce indagini forensi con pidocchi e pidocchi per chiarire crimini o morti recenti. È coordinatrice dell’Advisory Group on the Forensic Effects of Animals, Plants and Soils (APST) nell’Unione Europea. Tra le altre opere, lo scienziato ha studiato la poesia di una donna anziana morta in Italia nel 2016.

READ  Lukashenko si aggrappa a Putin e minaccia Ucraina e Occidente: "Non scherzare con noi, è impossibile sconfiggerci"

La donna è stata trascurata e aveva gravi pidocchi. Valutando la biologia dei pidocchi, il numero di lendini e la loro posizione nei capelli, è stato possibile determinare per quanto tempo la donna era stata trascurata e la frequenza degli episodi di abbandono. Lo studio che è stato condotto sui pidocchi ha anche mostrato che la donna aveva preso un’overdose di farmaci che le ha causato la morte.

Continuare a leggere: