Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scienziati hanno studiato la scoperta dei bambini nati da mamma in Italia

(CNN) – Un team di scienziati sta cercando di scoprire perché decine di bambini sono stati mummificati e sepolti in cadetti in un convento sull’isola italiana di Sicilia.

Il primo studio completo sulle mummie sarà condotto da Kirsty Squires, professore associato di archeologia biologica presso la Staffordshire University nel Regno Unito, e il lavoro sul campo inizierà la prossima settimana.

I ricercatori esamineranno i resti di 41 bambini sepolti in una stanza nelle catacombe dei cappuccini, una spaventosa destinazione turistica a Palermo, nel nord della Sicilia, anche se un totale di 163 bambini sono stati sepolti nelle catacombe.

“Vogliamo cercare di capire la vita di queste persone, la loro salute, il loro sviluppo”, ha detto Squires alla CNN giovedì. “Da lì, ci piace confrontare i dati biologici con il lato culturale delle cose”.

Gli sciatori hanno aggiunto che le mummie erano completamente vestite, alcune messe in culle e sedie, mentre altre stavano con dei bastoni usati per tenerle in posizione, e i ricercatori esploreranno l’importanza di indossare questi abiti.

mummie italiane

Palermo, Italia ??? 15 agosto: Le Catacombe delle Catacombe, vicino a Cuba il 15 agosto 2016 a Palermo, Italia (Foto di Stefano Montesi / Corbyz via Getty).

Poco si sa di questi bambini che furono sepolti tra il 1787 e il 1880 e fanno parte della più grande collezione di resti di mummie in Europa, contenente almeno 1.284 corpi.

“Sappiamo che provenivano da famiglie della classe media: il rituale di mummificazione era riservato ai ricchi, come l’aristocrazia, la classe media e il clero”, spiega Skiers.

“Quindi sappiamo che non sono i membri più poveri della comunità, ma lo sappiamo davvero”. Gli sciatori hanno aggiunto: “Perché non sono sepolti come le altre persone?”

READ  L'Italia rivela un drammatico calo dei ricoveri ospedalieri per COVID-19: 25,6 volte più probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva rispetto a quelli non vaccinati

Il team utilizza l’imaging a raggi X perché è un metodo non invasivo che non solleva le stesse considerazioni etiche della ricerca invasiva sui resti umani, secondo un comunicato stampa dell’Università dello Staffordshire.

“Utilizziamo una piccola macchina a raggi X per eseguire le radiografie in modo che le persone possano stimare la loro età in base all’eruzione, allo sviluppo dei denti e alla fusione ossea”, ha detto Skiers, cercando i segni della malattia.

Per completare il profilo biologico dei bambini, i ricercatori utilizzeranno i raggi X, per un totale di 574 o 14 per mamma, per determinare se sono stati mummificati solo a una particolare età o sesso.

“Saranno anche utilizzati per diagnosticare disturbi dello sviluppo, indicatori di depressione e presenza di lesioni patologiche, quindi progettati per determinare la salute e lo stile di vita dei bambini nella vita”, afferma il sito web del progetto.

Secondo Skiers, la mummificazione era una pratica comune nelle catacombe dal 1599 all’inizio del XX secolo, considerata dalla classe media “un mezzo per mantenere viva la propria identità sociale dopo la morte” e le famiglie visitavano i corpi dei parenti sepolti .

Gli sciatori e il suo co-ricercatore Tario Piombino-Muskali, dell’Università di Vilnius in Lituania, trascorreranno una settimana a Kedakamps con due radiologi e un artista. Tuttavia, ha detto che i risultati sono ancora a pochi mesi.