Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Schema piano energetico | Il governo ha concordato con il Fondo monetario internazionale su cinque punti principali

Il governo ha confermato, giovedì, di aver raggiunto un accordo con lo staff tecnico del Fondo monetario internazionale, e nell’ambito degli impegni presi, ha confermato che fisserà “piano energetico a medio termineSulla base di cinque punti: 1) Incoraggiare gli investimenti privati ​​e pubblici per aumentare la produzione e la trasmissione di energia, compresa la costruzione di gasdotti, l’espansione della capacità di produzione di gas naturale liquefatto e le energie rinnovabili. 2) riduzione delle perdite nel settore della distribuzione attraverso il miglioramento della misurazione, della fatturazione e degli incassi; 3) migliorare l’efficienza energetica e la conservazione delle risorse; 4) Migliorare il targeting e i progressi nel supporto energetico; 5) Garantire che le tariffe energetiche dei consumatori finali residenziali e non residenziali, nel tempo, riflettano meglio e in modo più prevedibile i costi all’ingrosso di gas ed elettricità.

1) Maggiori investimenti nella generazione e trasmissione. L’impegno principale del governo è aumentare la produzione di Vaca Muerta. Dopo il crollo registrato nel 2020, l’attività ha iniziato a riprendersi costantemente, favorita dallo stimolo fornito dal piano gas e dal miglioramento del prezzo del greggio. Nei primi due mesi del 2022 il numero di fratture è aumentato del 21 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (1.609 contro 1.327), secondo Luciano Fusillo, manager multifase di NCS. Un punto chiave di supporto al decollo è l’espansione della capacità di trasporto del gas perché i gasdotti che trasportano i liquidi verso i grandi centri urbani sono ora pienamente operativi. Da più di un anno il governo ha in programma di costruire un nuovo gasdotto chiamato Néstor Kirchner, ma solo nelle ultime settimane ha fatto un’offerta. Pertanto, ci auguriamo che venga costruito solo entro l’inverno del 2023. In questo caso l’investimento sarà pubblico e il gasdotto sarà gestito da IEASA (ex Enarsa). Al contrario, sono allo studio altre alternative per espandere la capacità dei gasdotti esistenti. L’aumento della capacità di trasporto è essenziale perché ridurrà la dipendenza dal carburante importato. Il prossimo inverno, ad esempio, il governo dovrà importare tra i 60 ei 70 carichi di GNL. L’anno scorso ha acquistato 56 spedizioni a un prezzo medio di 8,4 dollari per milione di unità termiche britanniche, ma il prezzo ha toccato il prezzo record di mercoledì di 65 dollari per milione di unità termiche britanniche a causa della guerra tra Russia e Ucraina. Pertanto, non è chiaro da dove proverranno i quasi 5 miliardi di dollari che questa importazione richiederà.

READ  La tempesta di neve negli Stati Uniti ha 80 milioni di persone in allerta | Colpisce direttamente 130.000 abitazioni della costa sud-orientale e del medio Atlantico e sono già stati cancellati 3.000 voli

Per quanto riguarda le energie rinnovabili, il governo ha recentemente deciso di ridurre drasticamente le sanzioni su circa 100 progetti Plan Renovar rimasti senza costruzione, principalmente a causa della crisi economica iniziata nel 2018. Quello che cerca è incoraggiare l’uscita da progetti che non stanno andando avanti da attuare Senza arrivare a legalizzare le vertenze per liberare priorità di trasmissione e capacità trasmissiva dell’impianto elettrico in modo che altre imprese possano realizzare nuovi parchi.

Il comunicato diffuso dal ministero dell’Economia ha inoltre evidenziato la necessità di ampliare la capacità di produzione di gas naturale liquefatto. Da tempo ci sono iniziative pubbliche e private per portare avanti la costruzione di impianti di liquefazione in grado di utilizzare il gas Vaca Muerta ed esportarlo sotto forma di GNL. Nel 2018, Transportadora Gas del Sur e la società statunitense Excelerate Energy LP hanno firmato un memorandum d’intesa per costruire un impianto di liquefazione a Bahía Blanca. L’YPF ha anche esplorato i progressi del proprio progetto, ma tutte le iniziative sono attualmente ostacolate, tra le altre ragioni, dalla mancanza di capacità di trasmissione per i principali gasdotti.

2) Rendi il lavoro dei distributori più efficiente. La dichiarazione di economia parla di miglioramenti nei contatori, nella fatturazione e nella riscossione. Le società private in genere cercano di migliorare questi aspetti del servizio perché sono direttamente correlati alla propria redditività, ma nel contesto del blocco tariffario degli ultimi tre anni, l’investimento è stato utilizzato principalmente per retribuire i dipendenti e le attività di manutenzione di base. Fornire il servizio. Andando avanti con la graduale riconfigurazione delle tariffe, le aziende aumenteranno sicuramente gli investimenti in queste aree sotto la tutela dell’autorità di regolamentazione.

READ  Il Mar Morto si ritira di un metro all'anno | Quali sono le ragioni e lo scenario futuro?

3) Migliorare l’efficienza energetica e conservare le risorse. La dichiarazione di economia non fornisce alcuna accuratezza su questo punto, ma sono molte le iniziative che possono essere attuate per rendere le famiglie più efficienti nel consumo di elettricità e gas nelle case e nelle industrie, come la divulgazione delle lampadine a basso consumo, l’isolamento dei tubi, la sostituzione vecchi refrigeranti, modernizzazione di caldaie e forni industriali, tra le altre misure. Il governo può sostenere questa transizione con prestiti a tasso agevolato.

4) Migliorare il supporto mirato e incrementale. In generale, la questione delle sovvenzioni è focalizzata dal punto di vista finanziario, ma è anche un problema di distribuzione quando viene applicata in modo generale senza discriminazioni in base al potere d’acquisto dei beneficiari. L’economista Nicholas Arcio ha dichiarato a fine gennaio in un’intervista a Radio Con Vos che “l’Argentina attualmente spende il doppio in sussidi energetici per programmi incentrati sui settori a basso reddito”. La segmentazione tariffaria annunciata dal governo mira a rendere più avanzata questa spesa in modo che lo Stato favorisca in misura maggiore chi ha meno.

5) Cercare prezzi che riflettano i costi del gas e dell’elettricità. È uno dei principi base dei quadri normativi. Se le tariffe riflettono i costi del servizio, ciò costituisce un’indicazione adeguata dell’efficacia delle decisioni di consumo. Viceversa, in caso contrario, i servizi ad alto costo potrebbero essere utilizzati in modo eccessivo e quelli a basso costo potrebbero essere sottoutilizzati, causando perdite di efficienza e costi maggiori per il sistema nel suo insieme.