Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scegliere la pallanuoto: Hell for Gold | Gli sport

I Campioni Olimpici di Atlanta 96. Da sinistra, Micky Oka, Ballart, Pedrool, Chiqui Sans, Baia, Pedro García, Abarca, Chava Gómez e Andreu, in omaggio al Museo Olimpico di Barcellona, ​​​​a cui Estiarte non ha potuto partecipare, Moro e Sanz.Cristobal Castro

Erano persone che hanno vissuto gli aspetti migliori e peggiori dello sport, che si sono picchiati e schiacciati, hanno vissuto l’abisso del successo e del fallimento e in alcuni casi hanno lottato con l’abuso di alcol e droghe. “La migliore squadra c’era negli anni ’90. Per 10 anni abbiamo partecipato a tutte le finali continentali”, ha dichiarato Pedro Garcia, Questo è incredibile, uno dei componenti più importanti della squadra di pallanuoto maschile che ha vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1996 25 anni fa.

La gloria olimpica non è un’immagine statica. È passato un quarto di secolo da quando i membri della squadra nazionale sono stati premiati dalla Federazione Spagnola di Nuoto lunedì al Museo Olimpico di Barcellona e alla presenza del Presidente del Comitato Olimpico Spagnolo, Alejandro Blanco. La storia della gloria e dell’indimenticabile lato B della cricca guidata da Manel Estarte è molto viva. Il tempo migliora le dimensioni del successo. Da allora nessuna squadra spagnola è riuscita a raggiungere la medaglia d’oro olimpica: 9 finaliste hanno perso. Nessuno di loro ha vissuto il tumulto emotivo dei giocatori di pallanuoto che sono emersi dalla frustrazione della sconfitta nella finale di Barcellona 92 ​​(contro l’Italia, 9-8), tutti imprecando e piangendo nella piscina di Bernat Bicornell, in una festa sfrenata all’Aquatic Center Georgia Tech, ad Atlanta, dopo quattro anni (7-5 ​​alla Croazia). Un film di rivincita, come quello che, sotto la regia di Dani de la Orden e Alex Morol, si sta girando in questi giorni in quella finale di Barcellona dal titolo 42 secondi.

READ  Com'era la classifica dopo il pareggio dell'Estudiantes e la vittoria di Velez
Il podio ad Atlanta-96.  Da sinistra: Manel Estiart, Jesus Rollin, Josep Maria Abarca, Serge Pedrol, Dani Ballart, Jordi Baia (Angel Andreu coperto), Ivan Moro, Chiqui Sans, Chava Gomez, Mickey Oka, Carles Sanz e Pedro Garcia.
Il podio ad Atlanta-96. Da sinistra: Manel Estiart, Jesus Rollin, Josep Maria Abarca, Serge Pedrol, Dani Ballart, Jordi Baia (Angel Andreu coperto), Ivan Moro, Chiqui Sans, Chava Gomez, Mickey Oka, Carles Sanz e Pedro Garcia.

“Penso che non ci sia mai stata una finale bella e intensa come quella di Barcellona”, ha detto Estiarte, che ieri non ha potuto presenziare alle onorificenze a causa di un malessere. Aveva allora 30 anni ed era all’apice della sua carriera che gli è valso il soprannome di Maradona per la pallanuoto. Questa selezione è passata da Kombarca all’élite con la firma del tecnico croato Dragan Matutinovic e l’integrazione di un gruppo di giocatori di Madrid. “Avevano il naso all’insù e la faccia tosta… quando si trattava di competizione, la partita non era finita”, descrive Istiarti. Hanno introdotto uno stile e un modo per farlo proprio accanto allo stile classico dei giocatori catalani. I metodi severi di Matutinovic hanno quasi rotto il gruppo. “Era l’inferno.” “Era peggio del servizio militare”. “Volevo che giocassi alle macchine e uccidi”, ricordano i giocatori. Il tecnico risponde: “Senza i rigori del mio allenamento, la Spagna non avrebbe vinto nulla”.

A Barcellona 92, tutti si sentivano in dovere di vincere. Nessuno ha dormito alla vigilia della finale contro l’Italia. “Sopra, i calciatori hanno vinto la medaglia d’oro [3-2 a Polonia] Arrivati ​​alla villa, fecero un polverone e gridarono: “Ricordate Toto Garcia, che è stato allontanato dalla Nazionale molto tempo fa a causa della sua dipendenza. Matutinovic l’ha recuperato. Totò era consapevole del dramma che avrebbe scatenato se fosse risultato positivo per antidoping, ed è andato a vivere per alcuni giorni prima delle partite con la famiglia di Rafa Aguilar, l’assistente Matutinovic.

READ  Richard Karabaz, tra i candidati per la bici d'oro per la rivista Vélo | Altri sport | Gli sport

Otto ore di formazione

“Mi hanno fatto allenare con i ragazzi. Mi sento giù. Ho detto loro che volevo tornare. Ero già stato cacciato da La Bloom e vivevo in un appartamento. Avevo bisogno di qualcuno che mi controllasse”, spiega. Poi si è chiuso in un albergo vicino al medico della squadra e Matutinovic ha cacciato anche Salvador Gómez. Chava Anche se lo ha ripetuto, e stava per fare a meno di un altro oggetto di scena, Sergey Pedrol, anche se ha finito per fare affidamento su di lui. “In Europa, mi ha punito nella stanza per ribellione. La mia famiglia è lì!”, ricorda Toto.

Ci sono state altre tre volte nella finale di Barcellona contro l’Italia. Quando il secondo si è concluso, la Spagna aveva l’oro a portata di mano. Estiarty ha segnato un calcio di rigore. Mancano 42 secondi. Matutinovic ha ordinato alla difesa di urgente Questo è costato l’espulsione di un sans ceco. Gli italiani hanno forzato un terzo tempo supplementare e hanno finito per vincere dopo il tiro di Miki Oka sul palo a quattro secondi dalla fine.

“Ho pianto per diversi giorni”, dice Chiki Sans. “Sei affondato. Nessuno era così triste come abbiamo vinto i soldi “, dice Miki Oka. I metodi di Matutinovic sono stati devastanti. Otto ore di allenamento al giorno, 12 chilometri di nuoto, con maglie e cinture piene di palle come zavorre, 10 chilometri di corsa giù per una montagna, un un’ora di ginnastica e un’ora e mezza di pesi e una partita di calcio.» «Abbiamo fatto cose orribili», si lamenta Estartet.

Ai Campionati Europei del 1993, Matutinovic attaccò un arbitro e sospese 12 partite. È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Fu licenziato e Joan Janney prese il suo posto. La medaglia d’argento è stata ripetuta ai Mondiali del 1994, che hanno solo aumentato la voglia di rivincita ad Atlanta. La Spagna è passata da meno a più in quei giochi nel 1996 fino a incontrare la Croazia per la medaglia d’oro. La partita finale è stata dura. “Con 1-3, mentre Joan stava parlando con noi, ci siamo guardati e abbiamo detto: ‘Non usciamo di qui come a Barcellona, ​​​​se dobbiamo uccidere qualcuno, uccideremo con loro'” Cechke ricorda: “Nel ’92 abbiamo perso perché avevamo paura. Ti ferma, ti rende inferiore. Ma la squadra ha imparato, abbiamo aggiunto rispetto e umiltà. E ci siamo riusciti», saluta Istiarty.

READ  Inizia il 16 miglior viaggio a Wembley - calcio internazionale

Poi sono arrivate le medaglie d’oro ai Mondiali del 1998 e del 2001. “Manel Estarte era in testa. Jesús Rollin era l’anima”, riassume Baia. Rollin, il portiere, si è ritirato all’età di 36 anni e l’11 marzo 2006 è morto cadendo da un balcone presso il centro specializzato per la cura delle dipendenze di La Garriga (Barcellona) dove è stato portato in ospedale. Chava Gomez afferma: “Non c’è giorno in cui non lo ricordiamo”. La tragedia dopo la gloria della squadra è stata indimenticabile.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook e Twitter, o registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.