Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scarabocchi in crisi: 400 parole vietate perché ritenute offensive e scoppiata la polemica

(Shutterstock.com)

Questo gioco, diffuso in quasi tutto il mondo, consiste nel guadagnare punti formando delle parole su una lavagna: ogni lettera ha un punteggio (più è difficile da usare) e alcuni quadrati raddoppiano o triplicano i punti della lettera o della parola. Il significato non conta affatto. Solo dettatura.

Fino ad ora, La regola generale dello scarabocchio è che qualsiasi parola nel dizionario può essere usata. Sono vietati solo i nomi propri. Ma dopo le proteste globali contro il razzismo iniziate in seguito alla morte dell’americano George Floyd, Oltre 400 parole, inclusi insulti razzisti come “N-WORD”, sono state rimosse dall’elenco di parole online ufficiale di Scrabble.cosa significa “negro”un nome razzista che si riferisce a persone di colore, oltre a insulti agli anziani e termini omofobici.

Mattel, che possiede Scrabble, ha chiarito che le modifiche hanno lo scopo di far sì che ciò accada Rendi il gioco più rilevante per la cultura Nel mezzo del tumulto globale.

Tuttavia, i giocatori di Scrabble hanno iniziato a lasciare il gioco in segno di protesta contro il divieto di parole “offensive” e in difesa del principio originale del gioco.

Inoltre, hanno sottolineato che non solo gli insulti sono stati banditi, ma anche altre parole meno conosciute che sono state bandite hanno lasciato i giocatori esperti confusi e frustrati. Ad esempio, uno dei termini proibiti inspiegabili era “gesuita”, definito come “un membro di un ordine sacerdotale fondato nel 1534 da sant’Ignazio di Loyola per svolgere un lavoro missionario”, e vale 200 punti preziosi nel gioco.

(Shutterstock.com)
(Shutterstock.com)

I membri della Scrabble Association di Londra hanno espresso insoddisfazione per le nuove regoleIl che ha portato a “aspre liti, amicizie rotte e dimissioni di alto profilo”, secondo l’editorialista del giornale. spettatoreE il Jonathan Maitland.

READ  La situazione è complicata a Machu Picchu: 2mila turisti sono bloccati e i binari del treno restano chiusi

“È difficile trovare qualcuno nella comunità di Scrabble che sostenga il divieto. Questo non significa che approviamo nessuna delle parole proibite. Tra questi ci sono alcuni spregevoli insulti razzistidisse Maitland. “Ma le parole non possono fermarsi: fanno parte della nostra storia, ea volte sono vergognose. E giocare con loro in un gioco di parole privato è molto diverso che usarli in qualsiasi altro contesto”.

I giocatori giocano a Scrabble alla WESPA World Youth Cup 2019 a Kuala Lumpur, Malesia, 30 novembre 2019. Foto scattata il 30 novembre 2019. REUTERS/Lim Huey Teng
I giocatori giocano a Scrabble alla WESPA World Youth Cup 2019 a Kuala Lumpur, Malesia, 30 novembre 2019. Foto scattata il 30 novembre 2019. REUTERS/Lim Huey Teng

Quando l’anno scorso è stato annunciato il divieto, Daryl FrancisUn noto autore di libri su Scrabble e che ha partecipato agli elenchi di parole ufficiali del gioco negli anni ’80 ha detto: “Le parole nei dizionari e nelle liste scarabocchiate non sono insulti”. “Diventano insulti solo se utilizzati per uno scopo o un intento offensivo o in un tono e contesto particolari. Le parole non dovrebbero essere rimosse dagli elenchi di Scarabeo per scopi di pubbliche relazioni mascherate da promozione di una sorta di miglioramento sociale”.

Mattel non ha rilasciato un elenco ufficiale di parole vietate, ma un gran numero di esse non è più accettato nel dizionario online di Scrabble.

La bilancia va contro la tradizione poiché, Storicamente, la calunnia, il giuramento e, più in generale, le cosiddette “parole imprecatrici” o volgarità, sono sempre state permesse. I criteri erano semplici: capire parte della lingua, di tutte le lingue. È anche un gioco in cui vinci per il punteggio di ogni lettera che usi e non per l’accuratezza della lingua.

READ  La Corea del Nord ha lanciato un missile antiaereo | È iperacustico e difficile da rilevare

Tuttavia, la situazione attuale ha un precedente: negli anni ’90, la Lega anti-diffamazione, creata per combattere l’antisemitismo, chiese a Hasbro di porre il veto all’uso di termini antisemiti e la società acconsentì. Ma anche se queste parole sono state omesse dal dizionario ufficiale del gioco commercializzato, L’opposizione dei concorrenti professionisti ha fatto sì che questo divieto non si estendesse ai tornei.

In questa occasione, almeno per il momento, la resistenza alla nuova lista nera non si è tirata indietro.

Continuare a leggere: