Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scandalo in Brasile: Senovac dice al governo Bolsonaro di non criticare più la Cina in cambio dell’adempimento dei contratti sui vaccini

Xi Jinping e Jair Bolsonaro (Reuters)

Dirigenti di laboratorio Sinovac Hanno chiesto al governo Jair Bolsonaro smette di criticare la Cina per aver garantito il rispetto dei contratti sui vaccini Per quanto riguarda il virus Corona, come riportato dai diplomatici brasiliani nei documenti ottenuti dal portale o un palloncino.

I telegrammi inviati dall’ambasciata brasiliana a Pechino, presentati alla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) sulla gestione dell’epidemia da parte del governo, hanno riportato un incontro tra diplomatici brasiliani e alti dirigenti del laboratorio SinoVac, che hanno espresso la loro disapprovazione per le dichiarazioni. dall’agente.

“Può essere utile che l’accordo tra le società venga visto come una richiesta del governo brasiliano”

SinoVac ha firmato un accordo con il prestigioso Istituto brasiliano Butantan per produrre CoronaVac. Tuttavia, Nelle ultime settimane il programma concordato per la spedizione del principio attivo non è stato rispettatoSono essenziali per la produzione domestica di dosi, in quanto hanno ottenuto solo il 75% delle cifre concordate.

Nella riunione tenutasi il 19 maggio presso la sede della società, Secondo il rapporto diplomatico, il presidente della Sinovac Yin Widong ha affermato che cambiare la posizione del governo creerebbe un rapporto “più flessibile”.

I lavoratori mettono i vaccini Sinovac COVID-19 in vassoi presso il Butantan Biomedical Production Center, San Paolo, Brasile (Reuters)
I lavoratori mettono i vaccini Sinovac COVID-19 in vassoi presso il Butantan Biomedical Production Center, San Paolo, Brasile (Reuters)

Di fronte alle preoccupazioni per i dispersi, la risposta di Yan è stata politica. Sarebbe opportuno che il processo per il governo brasiliano “cercasse di sviluppare un rapporto più flessibile e positivo con il governo cinese”, hanno affermato i diplomatici. Nella conversazione, evidenzierebbe anche l’Indonesia e il Cile come esempi delle “ripercussioni positive di buone relazioni con Pechino In Cile, uno dei paesi che ha i migliori tassi di vaccinazione della regione, il 90% delle dosi applicate proviene da Sinovac.

READ  È stato riportato che il vaccino Novavax è efficace al 90% in...

Secondo il documento, Yin”Non ha confermato categoricamente che ci sarebbe stato un coinvolgimento diretto del governo nell’assegnazione degli input, ma ha sottolineato l’importanza di un buon dialogo tra Brasilia e Pechino‘, perché non era una questione puramente commerciale.

“Sarebbe opportuno che il governo brasiliano cercasse di sviluppare un rapporto più flessibile e positivo con il governo cinese”.

Per questo ha suggerito la possibilità di rilasciare una dichiarazione politica a sostegno delle esportazioni o addirittura un trattamento preferenziale. “Può essere utile che l’accordo tra le società venga visto come una richiesta del governo brasilianoHa aggiunto, secondo il documento, che sarebbe utile una dichiarazione di Brasilia in merito all’aspettativa di spedizione dei rifornimenti.

Globo Ha riferito che all’incontro era presente l’ambasciatore brasiliano a Pechino, Paulo Estivalet, il quale ha risposto che avrebbe trasmesso il messaggio al governo brasiliano.

Due settimane prima dell’incontro, Jair Bolsonaro aveva rilasciato dichiarazioni che hanno fatto arrabbiare la Cina. Secondo lui, il nuovo coronavirus farà parte di una guerra chimica di cui beneficerà il regime di Xi Jinping. Si tratta di un nuovo virus, e non si sa se sia nato in laboratorio o da un essere umano che abbia ingerito un animale improprio. Ma esiste. I militari sanno che è una guerra chimica, batteriologica e radiologica. Ha detto in una legge ufficiale: non stiamo affrontando una nuova guerra? Ha poi fatto riferimento al colosso asiatico, evitando di chiamarlo: “Quale Paese ha la più alta crescita del Pil? Non te lo dico”.

Jair Bolsonaro, sulla Cina: “Quale Paese ha il più alto tasso di crescita del Pil? Non te lo dico”

Dopo l’atto, il direttore dell’Istituto Putantan ha affermato che “tutte le dichiarazioni al riguardo hanno ripercussioni”, e ha ricordato che c’erano già state precedenti vessazioni dovute ad espressioni politiche.

READ  Marcus Galperin incrocia un uomo d'affari uruguaiano a causa del conflitto tra Israele e Hamas

Più tardi, su Twitter, l’istituto ha dichiarato che “ostacoli burocratici, politici e diplomatici, non ‘problemi contrattuali con butantan'”, che hanno ritardato la spedizione di IFA (l’ingrediente farmaceutico attivo) dalla Cina al Brasile per la produzione di CoronaVac. “i perdenti sono i brasiliani che hanno un disperato bisogno di un vaccino”.

La divulgazione del documento diplomatico contrasta con la testimonianza fornita dal ministro della Sanità Marcelo Quiroga e dall’ex ministro degli Esteri Ernesto Araujo, i quali hanno sostenuto davanti al Congresso che i discorsi di Bolsonaro non avevano alcuna attinenza con i negoziati e le forniture.

Continuare a leggere: