Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sardine, acciughe, orate e calamari sono tra i pesci con il più basso contenuto di mercurio

Sardine, acciughe, orate, orate o calamari sono alcune delle specie che si incontrano Valori limite di mercurio Raccomandato dall’Unione Europea, secondo uno studio dell’Istituto di Diagnostica Ambientale e Studi sull’Acqua (IDAEA-CSIC) che ha identificato pesci e crostacei destinati al consumo regolare con meno mercurio.

Lo studio pubblicato sulla rivista ‘Inquinamento ambientale’, Analizzato più di 1300 copie di 58 Specie di pesci e crostacei comunemente pescati nel Mediterraneo e consumati nei mercati locali di Spagna, Italia e Francia.

Tutti loro, campioni di 13 specie hanno sempre avuto concentrazioni di mercurio inferiori a quelle raccomandate Sicuro dall’Unione Europea.

I risultati hanno mostrato che i campioni di 13 delle 58 specie analizzate avevano sempre livelli di mercurio al di sotto dei limiti raccomandati dall’UE: sardine, acciughe, melù, caramello (o grana), orate, orate, istrici e triglie. , serrano, crocker, salpa, delfino e calamaro.

Il mercurio è altamente tossico per le donne in gravidanza e i bambini piccoli

Il ricercatore ha sottolineato che “il consumo di queste specie riduce il nostro apporto di mercurio, che è il prezzo da pagare quando si mangia pesce. Inoltre, questi pesci contengono una buona quantità di acidi grassi insaturi, che sono più benefici dal punto di vista nutrizionale .” IDAEA-CSIC Joan O. Grimalt.

Il ricercatore ha sottolineato che il mercurio è un elemento tossico che danneggia i reni, i polmoni, il cuore, i vasi sanguigni e il sistema nervoso, soprattutto nelle donne in gravidanza e nei bambini.

Per le sue proprietà fisiche e chimiche, il mercurio può percorrere lunghe distanze e depositarsi negli ecosistemi acquatici, dove viene assorbito dai pesci e da altri organismi.

Secondo i ricercatori che hanno analizzato il pesce venduto nei mercati di Minorca, Maiorca, Ibiza, Alicante, L’Amitla de Mar, L.L. Ambula, Genova, Civitavecchia, Alghero e Marsiglia.

“Secondo questi risultati, le autorità sanitarie dovrebbero prestare particolare attenzione ai tipi di pesce e crostacei che contengono i più alti livelli di mercurio e formulare adeguate raccomandazioni sanitarie preventive, soprattutto per le donne in gravidanza e i bambini”, ha concluso Grimalt.