Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sanchez e Schulz fanno pressione su Macron: è “molto importante” che MidCat operi nel 2025

aggiornato

Il presidente spagnolo avverte il collega che un aiuto da un milione di dollari come quello che sta preparando la Germania potrebbe portare a uno squilibrio nel mercato unico europeo.

Schulze esprime un chiaro sostegno per il collegamento del gasdotto a Medcat/ Video: EFE

C’era il sole a La Corua fino a poco tempo prima che atterrasse Olaf Schulz. La pioggia non ha mancato la data del vertice ispano-tedesco, segnato dalla crisi sociale, economica ed energetica in Europa a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina. “Sebbene il tempo non sia buono, le relazioni tra i due Paesi sono ottime”, ha detto in spagnolo il cancelliere tedesco. I due paesi presumono di essere in sintonia, ma mantengono le loro posizioni separate su questioni come il limite del gas in Europa o le regole fiscali. dove Pedro Sanchez S scholz Andando di pari passo per creare un fronte per fare pressione sulla Francia – con una posizione conservatrice – e la costruzione di MidCat, un collegamento del gas attraverso i Pirenei. I due pass sono impostati di fondamentale importanza” Che questa infrastruttura sia operativa nel 2025.

Ben 15 ministri di entrambi i paesi si sono incontrati a questo vertice, che è stato… piano aziendale congiunto, Un documento che racchiude le finalità della collaborazione e della promozione della cooperazione. Dice il testo, che conferma in faccia l’accordo tra Sanchez e Schulz Emanuele Macron Chi si rifiuta di dare il via libera a questo gasdotto e di dare la zucca per uno scopo che sostiene la Commissione Europea. I tre leader si incontreranno giovedì a Praga nell’ambito di una riunione informale del Consiglio europeo.

“Costruire un gasdotto pronto per l’idrogeno abbastanza grande attraverso i Pirenei da essere operativo entro il 2025 è di fondamentale importanza per realizzare un mercato interno dell’energia veramente solido all’interno dell’UE, accelerare la transizione verde e rafforzare l’autonomia dell’UE”. Strategia dell’Unione Europea. Ecco quanto è chiaro il messaggio che Spagna e Germania volevano inviare alla Francia che include il piano d’azione congiunto che hanno firmato mercoledì.

“Lo vedremo in modo amichevole con la Francia. Non abbiamo l’impressione che questo sia stato escluso”, ha detto Schulz di fronte al rifiuto francese. “Serve più interconnessione Europa Potrebbe non essere redditizio ora, ma si aiutano a vicenda.

Sanchez ha passato mesi ad agitarsi per questa iniziativa in Europa, cercando di unire le forze per spezzare la resistenza di Macron. Ma finora nemmeno il sostegno di Bruxelles ha funzionato. Di fronte a questa situazione, sebbene La Moncloa ritenga che l’opzione che dovrebbe essere sul tavolo sia il gasdotto trans-Pirenei, il capo dell’esecutivo spagnolo ha aperto le porte perché questo collegamento possa essere realizzato Italia (Livorno), ma come un grado di compressione piuttosto che un’opzione praticabile.

Distorce l’aiuto di Schulz al milionario

Uno dei problemi che ha rivelato la sgradevolezza della melodia che entrambi volevano evidenziare è stato l’aiuto di 200.000 euro del milionario per combattere l’aumento dei prezzi che la Germania avrebbe attuato.

Qui, si allinea chiaramente con l’avvertimento emesso da Commissione europeaIl primo ministro spagnolo ha chiarito che, pur rispettando le decisioni del collega tedesco, non chiede che la strada sia sua. “Rispettiamo la decisione, ma sotto tutti i punti di vista, le decisioni che mettiamo in tavola dovrebbero rafforzare il mercato unico. La pandemia è stata un’esperienza recente”.

Sanchez ha evitato di sconfessare esplicitamente la decisione della Germania. Ha espresso “simpatia” per la situazione nel Paese europeo a causa della crisi energetica causata dalla guerra. Ma ha parlato di un dibattito sollevato dal pacchetto milionario di Schulz in Europa: una misura del genere aggraverebbe le disuguaglianze tra gli Stati membri? Così ha detto: “Dobbiamo dare una risposta a livello europeo. E che non stiamo uscendo da questa crisi con paesi con maggiori differenze economiche, e che quello che avete intenzione di fare è che il mercato unico non sia prestazioni in modo così efficiente.

Schulz e WS.
Schulz e Sanchez parlano durante il loro incontro a La Corua.LavanderiaEFE

Le domande e le riflessioni di Sanchez e il fastidio espresso dal tedesco poche ore fa rsula von der LeyeN, il presidente della Commissione europea, ha fatto levare le zanne a Schultz. Il cancelliere tedesco ha osservato che ciò che ha offerto era “un altro pacchetto di aiuti” e ha citato esplicitamente Spagna, Francia, Paesi Bassi e Regno Unito come paesi che implementano o implementano i propri pacchetti di aiuti. Questo è vero, ma nessuno accenna all’importo del milionario tedesco. La sua difesa è stata “I programmi sono diversi. Tutti lo fanno e tutti possono farlo, e ci siamo assicurati che potesse essere. Dobbiamo fare tutto il possibile per abbassare i prezzi con le decisioni che prendiamo”.

regole fiscali

Differenze anche in termini di regole finanziarie nel quadro europeo. Una questione importante nei prossimi mesi di cui le due parti hanno evitato di parlare nelle loro apparizioni congiunte, nonostante fosse stato chiesto esplicitamente al riguardo. Sintomo di avere più rumore qui che accordatura.

È necessario chiarire, determinare la propria statura, che Patto di stabilità e crescita Richiede che i paesi abbiano disavanzi pubblici non superiori al 3% del PIL e debito al 60%. Tale norma è stata sospesa nel 2020 a causa della pandemia, ea maggio si è deciso anche di prorogarla fino al 2023, per le ripercussioni della guerra. Nonostante questo scenario, l’intenzione della Germania sarebbe quella di tornare alle proprie regole di bilancio entro il 2023. Per quanto riguarda il quadro europeo, Spagna, Francia e Italia Ancora una volta vanno di pari passo e chiedono che venga rinnovato e riparato prima di applicarlo nuovamente.

Quando Schulze ha visitato La Moncloa lo scorso febbraio, è stato molto deciso sulla necessità di tornare il prima possibile sulla pista delle regole fiscali e ora la Germania è aperta a riformare i sistemi del debito, riconoscendo sì, che l’Europa è in testa . Chiede invece un’applicazione più uniforme delle regole nel medio termine.

A questo punto l’obiettivo è avvicinare le posizioni, ma c’è ancora distanza, come dimostra la dichiarazione congiunta timbrata ad A Corua. Spagna e Germania si impegnano a “promuovere una crescita economica sostenibile a lungo termine e un’occupazione di qualità, garantendo la sostenibilità finanziaria”. “Con i nostri partner europei desideriamo discutere e raggiungere accordi insieme sul futuro sviluppo delle norme fiscali europee”, hanno aggiunto, in una dichiarazione in cui si chiarisce che non esiste una posizione comune e che la discussione è ancora aperta.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più

READ  Sarà il tunnel più lungo del mondo che collegherà l'Italia con l'Austria