Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Saluto confuso alle delegazioni di Ucraina e Russia all’inizio del secondo incontro dei negoziati

I negoziatori sono arrivati ​​al secondo incontro per chiedere un cessate il fuoco

Il secondo round di negoziati tra Russia e Ucraina sull’invasione dell’esercito di Putin è iniziato giovedì a Belovezhskaya Pushcha, nella regione bielorussa di Brest, vicino al confine con la Polonia.

L’incontro è iniziato con saluto irregolarecosa o cosa Tensione mista a disagio e persino un sorriso.

Il ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov, è venuto al tavolo dei negoziati con poca intenzione di andare d’accordo con i suoi omologhi russi, e Si sedette dritto senza ulteriori protocolli. Ma poi si alzò per stringere la mano all’altra parte.

Lì, il compito di coordinare il turno di benvenuto è stato difficile, con Frequenti incroci e interruzioni delle mani tese. Alcuni sono riusciti a sorridere nonostante il contesto della guerra e le minacce di una riconquista.

Come accaduto nella prima tornata di negoziati, il 28 febbraio, i rappresentanti ucraini sono arrivati ​​all’incontro in abiti casual verde oliva e la delegazione russa di nuovo in giacca e cravatta.

(Reuters)

Abbiamo iniziato a parlare con i rappresentanti russi. Principali temi all’ordine del giorno: 1. Un cessate il fuoco immediato. 2 – Armistizio. 3 – Corridoi umanitari per evacuare i civili dalle città che sono state continuamente distrutte o bombardate. ha scritto Mikhailo Podolak, consigliere dell’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

I negoziati sono iniziati tre ore dopo il previsto dalla parte russa. Nuovi negoziati tra Russia e Ucraina, al termine dell’ottavo giorno di guerra, avrebbero dovuto iniziare, intorno alle 12 GMT, ha riferito il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, che ha notato “la complessità della logistica da parte ucraina che incontra in Polonia e poi viene qui, nella regione di Brest in Bielorussia. ”

READ  Israele ha lanciato un intenso raid aereo contro Hamas nella Striscia di Gaza e ha distrutto il sistema dei tunnel

Siamo pronti per i negoziati, siamo aperti alla diplomazia, ma Non siamo affatto pronti ad accettare gli ultimatum russiLo ha detto ieri il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

Medinsky ha affermato mercoledì che nel primo incontro delle delegazioni, svoltosi il 28 febbraio, sono state discusse “alcune proposte russe” per un “cessate il fuoco immediato”.

In alcuni, ha aggiunto, “in generale, c’è stata un’intesa al tavolo dei negoziati”, ma per altri, “come previsto, la parte ucraina si è presa del tempo per riflettere e consultarsi a Kiev”.

La Russia sta usando come pretesto per la sua offensiva – che ha ucciso più di 2.000 civili – la richiesta di “disarmo e disarmo” dell’Ucraina, così come il riconoscimento della sovranità russa sulla Crimea, che è stata annessa nel 2014, e l’indipendenza del le repubbliche popolari nell’Ucraina orientale, nonché lo status neutrale dell’Ucraina rispetto alla NATO.

(con informazioni da AFP ed EFE)

Continuare a leggere: