Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Salute e medicina per tutti

La relazione tra alcol e danno renale è dovuta all’incapacità di filtrare i reni a causa del sovraccarico tossico e dell’alterata secrezione di ormoni che regolano l’equilibrio idrico e minerale a livello locale e sistemico. Inoltre, è aggravato dalla riduzione del flusso sanguigno ai reni.

Alcol e danni ai reni

Il consumo di alcol è un comportamento che, sebbene socialmente accettato, in alcuni casi può trasformarsi in alcolismo, costituendo una malattia cronica che colpisce più del 10% della popolazione mondiale.

L’uso di etanolo aumenta il rischio di altre malattie come pancreatite ed epatite alcolica, cirrosi epatica, malattie immunitarie e cardiovascolari, malattie gastrointestinali, aterosclerosi, gravi danni ai reni e ai nervi, nonché diabete di tipo 2.

La dipendenza dall’alcol provoca una vasta gamma di danni all’organismo, la cui gravità è correlata alla quantità assunta e per quanto tempo.

Attraverso i reni viene eliminato l’1% di alcol e, attraverso il processo di filtraggio, viene mantenuto l’equilibrio tra acqua e solidi presenti nell’organismo.

La relazione tra alcol e danno renale è dovuta al fatto che questo veleno può causare un malfunzionamento del meccanismo di filtraggio, in quanto inibisce l’escrezione di alcol. Ormone antidiuretico (ADH)È responsabile del riassorbimento dell’acqua da parte dei reni. A causa di una quantità insufficiente di ADH, viene persa più acqua, causando la tendenza delle cellule a seccarsi.

Oltre alla sintesi e alla secrezione di altri ormoni come aldosteroneÈ responsabile del riassorbimento del sodio nei reni. Ciò si traduce in un ridotto ritorno di questo elettrolita e acqua nel plasma sanguigno.

In relazione a questo, più acqua espellono i reni, più viene eliminato anche il glucosio, che è un nutriente essenziale per le cellule nervose. Questo, oltre all’effetto diuretico dell’alcol, accentua la condizione e l’effetto della disidratazione, provocando una successiva sbornia.

READ  Inizio del primo programma post-laurea in prescrizione e ricerca sulla cannabis | Medicinale

In grandi quantità, l’alcol può causare sindrome da necrosi tubulare acuta, che può portare a insufficienza renale acuta.

Malattia renale e dolore

Il consumo continuo di alcol per anni può causare sintomi come dolore ai reni, subito dopo l’ingestione, che è un’indicazione dell’effetto apparente dell’alcol e del danno renale primario.

Di solito, questo dolore varia da persona a persona, ma di solito compare quando la persona interessata si china o fa un movimento, il che comporta una pressione sui reni. Questo dolore serve come sveglia per il corpo a smettere di bere alcolici.

In rari casi, dove il consumo di alcol è da 1 a 5 drink, può causare questo Insufficienza renale acuta o danno renale acuto.

L’artrite reumatoide si verifica quando i reni smettono improvvisamente di funzionare per un tempo molto breve (di solito due giorni o meno). Questa condizione è molto grave e richiede un trattamento urgente. Di solito questa lesione, se diagnosticata e trattata in tempo, è quasi completamente curabile.

secondo Insufficienza renale cronica, come conseguenza di un danno renale che si forma e peggiora lentamente, che può portare a sintomi tardivi e, successivamente, a condizioni critiche rapide e morte.

La relazione tra assunzione di alcol e danno renale, se mantenuta nel tempo, può raddoppiare il rischio di sviluppare malattie renali croniche.

Inoltre, il danno epatico dovuto al consumo cronico di alcol provoca malattie epatiche, che sono responsabili della ridotta irrorazione sanguigna renale e del conseguente danno renale.

Alcune prove sono state ottenute anche per un’associazione tra consumo di alcol e una maggiore incidenza di urolitiasi (calcoli renali) e infezioni del tratto urinario, che potrebbero essere secondarie a questa marcata disidratazione cellulare.

READ  La suite di vaccini COVID-19: le tre domande a cui la scienza cerca di rispondere

Attualmente, si stima che circa 850 milioni di persone nel mondo soffrano di Un tipo di malattia renale.

Cos’è il binge drinking?

Il consumo eccessivo di alcol è definito come:

  • per me una donnaBevi più di 7 drink a settimana o più di 3 drink al giorno.
  • Per gli uomini, non bere più di 14 drink a settimana o più di 4 tazze al giorno.

Tuttavia, differisce in ciò che è considerato una bevanda. Un bicchiere da 150 ml di vino da tavola, un bicchiere di birra da 350 ml e 443 ml di liquore contengono tutti la stessa concentrazione di alcol (etanolo), mentre ciascuno è considerato una bevanda.

A seconda di come una persona è influenzata dall’alcol, potrebbe essere necessario regolare la quantità di bevanda consumata, poiché alcuni hanno una tolleranza all’alcol inferiore.

I problemi con l’alcol si verificano per vari motivi: bevendolo troppo, troppo velocemente o troppo spesso.

I segnali di avvertimento che hai un problema con l’alcol includono bere più o più a lungo di quanto inizialmente pensato, o tentativi falliti di ridurre o smettere di bere.Inoltre, la persona potrebbe avere problemi a lavorare, a casa o a scuola.

La consapevolezza di avere un problema con l’alcol può portare a cercare un aiuto professionale ed evitare l’enorme impatto che l’alcol ha sulla salute, come il legame tra alcol e danni ai reni.

Con le informazioni ottenute da Elementi essenziali per la salute dalla Cleveland ClinicE il edizioni sanitarieE il ScieloE il Università Nazionale di LinnE il Fondo americano per i reni S Mayo Clinic.