Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rodrigo Figueiredo nel film italiano Due ma non due

Cosa è immeritato?
Rodrigo Figueroa sarà il protagonista del film italiano Due Ma Non Due / Foto per gentile concessione

Artista plastico venezuelano Rodrigo Figueiredo Partecipa al film italiano(a) dovuto ciò che non è dovuto (Due ma non due), ha vinto il Green Film Award in Festival di Venezia.

Il documentario è stato presentato in anteprima al Teatro Litta di Milano durante Visioni dal Mondo-Milano, ed è stato presentato in anteprima nei comuni aderenti al progetto CuoreBasilicata.

Cosa è immeritato? È la storia di persone che condividono l’impegno di dare valore alla propria vita. Si svolge nelle montagne dell’Alta Val d’Agri, in Basilicata. La famiglia Volpi alleva mucche Podoliche, che pascolano nel bosco e danno il latte solo se hanno accanto un vitello. Rodrigo è un artista alla ricerca di un muro per un dipinto che rafforzi l’identità di un luogo attraverso tradizioni e simboli condivisi. Giovanni e Benedetta possiedono una fattoria dove i cavalli vengono addestrati attraverso un rapporto basato su un tale rispetto che gli animali sono ora in grado di trasformare in meglio le situazioni vitali di qualsiasi cliente. Sono storie di persone unite dalla consapevolezza della non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Cosa è immeritato? Diretto da Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, e prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) patrocinato dal Lucana Film Committee e dai Comuni e sostenuto da Eni, fa parte del progetto CuoreBasilicata.

L’artista venezuelano ha condiviso la notizia della prima sui suoi social network, oltre a un estratto da una delle sue apparizioni in un documentario.

Il giornalismo indipendente ha bisogno del supporto dei suoi lettori per andare avanti e assicurarsi che le notizie scomode che non vogliono che tu legga rimangano a portata di mano. Oggi, con il tuo supporto, continueremo a lavorare sodo per un giornalismo senza censure!