Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riuscirà la Spagna a salvare l’Europa dal freddo se ci sarà un taglio del gas russo?

La Spagna è, senza dubbio, uno dei paesi meglio posizionati per rispettare l’obbligo imposto da Bruxelles di immagazzinare una quota elevata di gas per il prossimo inverno, ma la domanda è se sarà in grado di rifornire il resto d’Europa. Il Paese detiene quasi il 30% della capacità di rigassificazione da gas a gas del Vecchio Continente Non c’è altro da fare che immagazzinarlo a causa del basso livello di interconnessione con gli altri paesi.

Nello specifico, Enagás – il gestore del sistema – ha Impianti di rigassificazione gas-gas A Barcellona, ​​​​Cartagena e Huelva. Inoltre, possiede il 50% del terminal Bahia Bizkaia Gas (BBG), a Bilbao, e il 72,5% del terminal Sagas, a Sagunto. Da parte sua, lo stabilimento di El Musel (Gijón), che non è mai stato operativo dalla sua nascita, ha recentemente ricevuto dal governo il via libera per avviarlo.

In questo senso, se si aggiunge un altro centro in Portogallo, La penisola iberica gode di una posizione privilegiata rispetto alla Francia, che ne ha solo tre, e la Germania che non ne ha. Tutti hanno la tecnologia per scaricare e ricaricare le autocisterne. Tuttavia, il problema arriva quando si tratta di inviare questo gas dalla Spagna.

Il vantaggio di possedere impianti di rigassificazione gas-gas è una maggiore indipendenza energetica. queste Consentire l’importazione di gas naturale liquefatto su navi da qualsiasi paese. È anche vero che questo tipo di trasporto è più costoso perché il gas raggiunge meno 160 gradi Celsius allo stato liquido e poi lo converte in uno stato gassoso.

Come aumentare il legame

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la Spagna sta studiando come inviare più gas ai paesi vicini. Origina Spedizione di gas via nave a Livorno (Italia) da Barcellona e aumento della capacità del gasdotto con la Francia. In questo senso, esso È stato ripreso il gasdotto Midcat, che avrebbe trasportato il gas nel paese gallico attraverso il confine attraverso la Catalogna. È iniziata nei primi anni 2000, ma è paralizzata dal 2019 dall’alto costo – stimato in un investimento di 3.000 milioni di euro -.

READ  La Spagna ha il secondo più grande disavanzo e il quarto più grande debito nell'Unione Europea | Economia

Ora, la “battaglia” sta in chi la finanzia. La Spagna ha due gasdotti con la Francia, attraverso i Paesi Baschi e la NavarraChe permette la consegna di circa 8000 milioni di metri cubi all’anno, quasi il 2% della domanda europea lo scorso anno. La terza vicepresidente e ministro per la Trasformazione ambientale, Teresa Ribera, ha affermato che l’Unione Europea è quella che sopporta il pagamento, in quanto assicurerà il futuro approvvigionamento e trasporto di gas naturale miscelato con gas rinnovabili verso i paesi vicini. E poi, idrogeno verde.

in tale contesto , Enagás prevede di investire 1.500 milioni di euro in un gasdotto sottomarino che collegherà Spagna e Italia, che sarà operativo nel 2028, stima che Midcat sarà in grado di operare già nel 2025. Ciò è incluso nel suo piano strategico 2022-2030, che prevede un aumento senza precedenti delle interconnessioni energetiche. Tutto dipende ovviamente dall’approvazione da parte delle autorità europee dei piani congiunti del gestore del sistema spagnolo con i suoi omologhi a nord dei Pirenei e dall’altra parte del Mediterraneo.

Secondo il piano dell’operatore di sistema, Midcat trasporterà 7.000 milioni di metri cubi di gas fino al 2028 e da quell’anno sarà destinato all’idrogeno verde, mentre il gasdotto offshore con l’Italia trasporterà 10.000 milioni di metri cubi fino al 2039, quando si convertirà anche all’idrogeno. l’ultimo Attirerebbe i maggiori investimenti, raggiungendo 365 milioni nel 2022-2026 e 1.135 milioni nel 2027-2030. Dal canto suo, Midcat avrà 370 milioni nell’intero periodo e un collegamento con il Portogallo, 110.

I negozi di gas spagnoli sono già quasi l’80% della loro capacità e La soglia richiesta dalla Commissione Europea a ciascuno Stato membro per il mese di novembre Per proteggersi dalla possibilità che un russo interrompesse le forniture. Nello specifico, secondo i dati degli operatori europei pubblicati dal GIE-AGSI, al 4 agosto erano il 78,49%.

READ  "Vicini e commercianti soffrono di problemi psicologici ed economici"

Questi dati rappresentano dieci punti percentuali in più rispetto alla media dell’Unione Europea (UE) e il 6% in più rispetto al record dato dal Ministro per la Trasformazione Ambientale all’inizio di luglio. Allo stesso modo, la Spagna è uno dei paesi meno esposti al gas russo, anche se negli ultimi mesi ha aumentato i suoi acquisti. A giugno, ha importato un record di 8.752 gigawattora (GWh), rispetto ai 6.587 gigawattora dello stesso mese dell’anno scorso, secondo i dati Enagás.

Ridurre i consumi del 15% fino a primavera

Allo stesso modo, Bruxelles impone una riduzione del 15% del consumo di gas fino alla primavera La Spagna può applicare volontariamente una riduzione dal 7% all’8%.. Questa eccezione, in base alla quale i paesi che soddisfano gli standard possono essere protetti, è inclusa nel testo del regolamento che specifica che i paesi dell’UE con infrastrutture di trasporto del gas possono agire in questo modo.

Questa riduzione dell’ambizione di risparmiare sui consumi di gas non sarà automatica, ma Gli Stati membri dovranno dimostrare di soddisfare una serie di criteri rigorosi. Per limitare l’ambizione di ridurre i consumi, i paesi devono avere una bassa affinità con i paesi vicini rispetto alle dimensioni dei loro mercati.

Inoltre, per raggiungere questa esclusione e ridurre l’ambizione di risparmio, devono dimostrare di poter utilizzare la propria capacità di esportazione qualora i loro vicini ne avessero bisogno e di aver fatto buon uso della propria capacità di reindirizzare il GNL al resto del mercato sociale. Su quest’ultimo punto, la Spagna può giocare un ruolo importante..