Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ritorno alle lezioni frontali in Italia: le scuole hanno bisogno di certificati sanitari da genitori e compagni di studenti

Un insegnante e studenti del Liceo Scientifico “Isaac Newton” di Roma questo lunedì. (AB / Andrea Medici)

Quasi quattro milioni di studenti sono tornati alle lezioni frontali in Italia lunedì dopo un anno di formazione online a causa di un’epidemia, Tra queste misure di sicurezza rigorose Certificato sanitario obbligatorio per chi frequenta la scuola, Compresi genitori e coetanei stanno studiando l’adattamento dei test della saliva agli studenti.

Si è ricominciato questo lunedì in dieci zone, Il resto arriverà gradualmente la prossima settimana Otto milioni di studenti di scuole materne, elementari e superiori nel Paese, Con altre novità, sicuramente Indossa una maschera in classe.

Ma era necessario».Green Pass “, un certificato limitato per dirigenti, insegnanti e altro personale in linea di principio, Nonostante il governo lo consideri, ha suscitato polemiche “Misurazione di sicurezza e protezione, soprattutto per i bambini”, Coloro che non dovrebbero rispettare.

Un insegnante la mostra "Capo Verde" Per il personale della scuola (AB / Andrea Medici)
Un insegnante mostra il suo “pass verde” a un lavoratore scolastico (AB / Andrea Medici)

Annunciato senza preavviso venerdì scorso, I responsabili delle scuole, I responsabili del controllo del passaggio attraverso una nuova piattaforma digitale, Criticare che l’azione è stata cambiata all’ultimo minuto, Senza tempo per organizzarlo o denunciarlo alle vittime. Il mancato rispetto comporterà una multa da 400 a 1.000 euro.

“Capisco la necessità per i genitori che vengono a scuola con i propri figli di estenderlo, ma questo creerà un problema più grande”. Tra questi, dice Antonello Gianelli, Presidente dell’Associazione Dirigenti Scolastici, “Con il rischio di creare grandi accumuli”.

Nello stesso senso, i sindacati si sono espressi, e ci credono È “a metà strada e causa notevoli problemi nella sua attuazione”. Uno di loro, l’ANIEF, ha definito oggi lo sciopero “inefficace e discriminatorio”.

Il ritorno a scuola è iniziato lunedì in dieci regioni, con il resto che ha gradualmente raggiunto otto milioni di studenti di scuole materne, elementari e superiori in tutto il paese la prossima settimana (AP Photo / Andrew Medici)
Il ritorno a scuola è iniziato lunedì in dieci regioni, con il resto che ha gradualmente raggiunto otto milioni di studenti di scuole materne, elementari e superiori in tutto il paese la prossima settimana (AP Photo / Andrew Medici)

Alle 9:00 (7:00 GMT) ora locale, due ore dopo aver iniziato a funzionare, la piattaforma digitale ha fatto molto 900.000 verifiche di superamento, “un risultato straordinario”, Secondo il ministro.

READ  La prossima settimana l'Italia ha annunciato che l'uso di una mascherina esterna non era obbligatorio

“Sostengo le vaccinazioni, i test, le certificazioni, la salute di tutti, i bambini e noi nell’ambiente”., Lui dice Efe Andrea all’ingresso della scuola del figlio nel centro di Roma, non tutti i genitori hanno lo stesso aspetto.

a rinoceronte, “Richiedere Certificato è limite di libertà, mascherine e distanza sufficienti”, Anche se lo capisce “Gli insegnanti devono essere vaccinati perché la scuola è un’istituzione pubblica e devono lavorare”.

Il governo Mario Tracy ha fatto della scuola una delle sue priorità (foto AB / Andrew Medici)
Il governo Mario Tracy ha fatto della scuola una delle sue priorità (foto AB / Andrew Medici)

Comunque, C’è speranza tra i genitori di tornare alle lezioni faccia a faccia: “Noi e i bambini ci aspettiamo un po’ di normalità. Speriamo che non si chiuda e che possano andare a scuola”, ha detto Violetta, la madre di uno studente.

governo di Mario Draghi Quando si scommette sul certificato sanitario come strumento essenziale per la riapertura, il ritorno a scuola è una delle sue priorità: questa settimana dovrebbe essere obbligatorio per tutti i dipendenti del settore pubblico.

“L’ultima scuola del paese sarà chiusa. (…) Se un centro riceve un certificato di focus, il centro sarà isolato.. Non riteniamo necessario commentare simili invenzioni”. Il 93% del personale scolastico è vaccinato E intorno Il 63% degli studenti ha ricevuto almeno una dose.

È allo studio l’imposizione di test casuali sulla saliva per controllare il virus tra gli studenti, In questo momento sono da fare su base volontaria: il programma prevede il monitoraggio di almeno 55.000 studenti ogni quindici giorni ed è in attesa dell’approvazione delle autorità sanitarie per l’approvazione definitiva.

Il 93% del personale scolastico è vaccinato e circa il 63% degli studenti riceve almeno una dose.  (immagini Getty)
Il 93% del personale scolastico è vaccinato e circa il 63% degli studenti riceve almeno una dose. (immagini Getty)

Alcuni specialisti come virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasgo Avverte di possibile aumento nei casi: “Dobbiamo essere pronti per un’altra ondata di condizioni, Possibile e programmato, come si vede in altri Paesi, a causa del clima autunnale e dell’apertura della scuola, luogo di interazione e comunicazione tra di noi”.

READ  La leggenda Gigi Riva, felice di Mancini, va in Italia con opzioni

Quindi non manca nulla, Gli studenti hanno chiesto una protesta davanti al Ministero della Pubblica Istruzione E più di 50 scuole a Roma, Firenze, Genova, Palermo e Barry, “per la mancanza di impegno nella ristrutturazione e nella pianificazione decisionale e di investimento per le nuove generazioni”.

(Con informazioni da EFE)

Continua a leggere: