Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riprenditi una fabbrica, organizza una città, combatti per tutto


In Italia si svolge un interessante processo di organizzazione e di lotta. Una struttura del Consiglio Industriale Democratico è emersa dalla lotta per mantenere i posti di lavoro in una fabbrica che era stata chiusa da polemiche e carburante, “Insorgiamo!” Movimento. (Alziamoci). Tuttavia, è andato oltre la propria lotta e ha accolto le richieste dei reparti più trascurati di Firenze dove si trova la fabbrica. Gli ha permesso di mobilitare 30.000 persone tra settembre 2021 e 26 marzo e di convocare l’Assemblea generale nazionale domenica prossima per discutere i problemi, i bisogni e le richieste dei lavoratori e della gente.

Per saperne di più su questo processo, abbiamo parlato con il suo autore, Giacomo Tursi La voce della LotteLa zona Giornale di sinistra della rete internazionaleE capo dell’Internazionale Rivoluzionaria (FIR).


Come è nato questo nuovo fenomeno politico?

Tutto è iniziato con gli operai della fabbrica GKN di Camby Picencio (fuori Firenze), che producevano stampi per automobili e ne proteggevano il lavoro.
Il 1° luglio, in Italia, a diversi mesi dall’epidemia, il governo ha reintegrato i datori di lavoro “per giusta causa”. Ecco perché il proprietario della fabbrica, il fondo britannico Melrose, ha subito inviato una mail al personale di Firenze annunciandone la chiusura. Tutti questi hanno in programma di assumere contemporaneamente dei lavoratori in un’altra fabbrica del nord Italia.

I lavoratori lo occuparono immediatamente e iniziarono una campagna politica per acquistare e sostituire la fabbrica, poiché sarebbe molto difficile riprendere la produzione di assali per auto acquisendo lavoratori senza l’assistenza del governo.

Tutto questo è stato fatto da poche centinaia di lavoratori in un anno. La fabbrica ha probabilmente l’unica struttura democratica del consiglio di fabbrica in Italia, simile alla Classic. Ha permesso ai suoi 500 lavoratori di scioperare, anche se i funzionari sindacali si sono opposti.

Fin dall’inizio, hanno girato il paese e hanno cercato di unirsi ai lavoratori in difficoltà, ai giovani e a tutti gli attivisti di sinistra che vedevano sul loro cammino.

Così hanno chiesto due mobilitazioni a Firenze, a cui hanno partecipato ciascuna più di 30.000 persone, molte delle quali giovani.

Come è proseguita la lotta e di cosa si trattava il movimento “Insorgiamo”?

La lotta di questi lavoratori si è evoluta in una lotta politica insieme a molti altri settori. GKN è il processo più classico della lotta di classe, con l’integrazione delle rivendicazioni di molti settori diversi di gran lunga superiore alle richieste iniziali dei lavoratori.

Il movimento, che riunisce diversi settori dei lavoratori, dei giovani, dei popoli, delle organizzazioni sindacali e della sinistra, si è identificato con lo slogan “Insorgiamo”, che in spagnolo significa “risalire” e ha una lunga storia. Il nome deriva da uno dei momenti più importanti della lotta di classe in Italia con la rivolta fiorentina all’indomani della guerra discriminatoria contro il fascismo e l’occupazione nazista durante la seconda guerra mondiale dal 1943 al 1945.

In altre parole, la scelta del nome del movimento è un’indicazione importante che deve essere costruito nell’arena politica come lotta contro la classe dirigente, i suoi partiti e l’organizzazione sociale che mantengono, e non è semplice. Protesta “contro i continui attacchi economici alla classe operaia”.

È questo movimento che convocherà l’Assemblea Generale Nazionale domenica prossima per discutere le richieste degli sfruttati e come lottare per loro.

Quali sono le sfide del movimento?

A mio avviso, sebbene questo movimento abbia avuto successo e sia progredito finora, ciò che deve essere fatto in questo momento è creare un salto di qualità che consentirà di modificare ulteriormente l’equilibrio di potere, come hanno fatto gli ex lavoratori della GKN. Ha fatto.

In altre parole, il movimento deve dare obiettivi fermi alle rivendicazioni e all’organizzazione in modo che il GKN possa condurre una lotta politica generale al di là dell’impulso iniziale dei lavoratori. Il processo di reindustrializzazione in quella fabbrica (che non è ancora stato realizzato).

Il movimento ha bisogno di un programma di lotta su cui si possano creare e ispirare nuovi campi.

Quali sono le vostre richieste da La Voce delle lotte e dalla fazione degli Internazionalisti Rivoluzionari (FIR)?

Sappiamo che questa domenica, 15 maggio, l’Assemblea non sarà “ferma” ma sarà il primo passo, seguito da discussioni, incontri e decisioni democratiche.

Stiamo combattendo come un internazionale rivoluzionario, quindi ¡Insorgiamo! Il movimento, una volta formato, porta alla creazione dell’arena politica della libertà di classe nel nostro Paese. Cioè, un movimento che affronta le burocrazie sindacali contro i nostri interessi, il diritto politico di creare populismo nel mezzo della crisi e le variazioni socio-liberali che hanno garantito gli attacchi neoliberisti negli ultimi 30 anni. Lavoratori e persone italiane.

Con l’avvicinarsi delle elezioni del prossimo anno, non dobbiamo dimenticare che aumenterà la pressione per utilizzare le nostre lotte e il nostro movimento interamente a fini elettorali e per provocare “meno male” per soluzioni di sinistra “giuste” e “realistiche”. Per questo, darci oggi un piano d’azione e una prospettiva politica contro questa pressione è una parte fondamentale della nostra “urgenza”.

Proponiamo quindi 4 punti fondamentali per combattere il governo della Troika, i banchieri e gli uomini d’affari di cui è portavoce, nonché l’espansione militaristica che circonda la guerra in Ucraina. Ciò richiede l’agenda della classe operaia e degli oppressi. Un programma, anche se non abbiamo ancora un rapporto di potere sufficiente, rivela una via d’uscita dalla crisi capitalista, dalle sue guerre e dalla catastrofe ambientale a favore della classe operaia. E la maggior parte delle persone.
Per questo motivo, inizialmente abbiamo sollevato 4 punti, che sono i seguenti:

1) Lavoro 6 ore, 5 giorni senza riduzione salariale. Ciò consentirà la distribuzione del lavoro tra coloro che sono occupati, coloro che sono disoccupati e coloro che sono a rischio. Importo flessibile del salario automaticamente adeguato all’inflazione.

2) Per un vero cambiamento ecologico, contro i profitti e l’eccesso di potere delle multinazionali. Congelamento delle tariffe, nazionalizzazione delle grandi compagnie energetiche senza compenso.

3) Non combattere. Per il ritiro immediato delle truppe russe dall’Ucraina. Combatteremo contro la NATO e l’espansione militare imperialista. Unisciti allo sciopero indetto dal sindacato di base il 20 maggio.

4) Per il coordinamento delle lotte contro la paralisi a cui ci stanno portando le burocrazie sindacali. Il piano di lotta per costruire uno sciopero generale per tutte le nostre rivendicazioni.

GKN deve affrontare la sfida lanciata dall’alleanza di fabbrica. Come hai scritto, dopo la mobilitazione e il successo dello scorso anno, è dovere di ciascuno di noi dedicarsi alla formazione del movimento, che è ancora piccolo rispetto alle sfide e ai compiti che il nostro tempo presenta.

READ  Sosa domina le Asturie prima del Giro di Italia