Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riapre al pubblico il monastero sequestrato dall’Italia all’estrema destra Bannon – il mondo

Roma, 9 novembre (EFE). La Cartuja de Trisulti, un monastero del XIII secolo a sud di Roma dove lo stratega americano di estrema destra Steve Bannon, ex consigliere di Donald Trump, progettava di creare un’Accademia delle Idee Sovrane, riapre oggi di fronte al museo. Al pubblico, dopo una lunga battaglia legale.

Da martedì è possibile visitare il monastero, le chiese, i monasteri e il refettorio che compongono il maestoso complesso di Trisulti sul Monte Rotonario, luogo naturale di grande bellezza, grazie alla collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Ministero dei Beni Culturali. La Regione Lazio (Centrale) guidata da Nicola Zingaretti.

“Victoria! Si apre una nuova e bellissima pagina per la Certosa di Trisulti a Collepardo. Non lo sarebbe per Steve Bannon, che voleva diventare Centro Europeo dei Sovrani. Grazie al Ministero dei Beni Culturali, l’area ha riaperto come luogo di cultura memoria, spiritualità e accoglienza”, scrive Zingaretti sui social.

La riapertura mette fine a una lunga battaglia iniziata quando Bannon, il populista che ha promosso Trump alla presidenza degli Stati Uniti e che è stato poi graziato dall’uomo d’affari poche ore prima di lasciare la Casa Bianca, ha scelto questa location per fondare la sua accademia sovrana. idee.

In Italia questo “guru” ha trovato l’interesse e il sostegno di politici di estrema destra come Matteo Salvini e Giorgia Meloni, rispettivamente leader della Lega e Fratelli d’Italia.

Nel maggio 2019 il ministero ha annunciato l’avvio di un procedimento per l’annullamento della concessione della certosa a Bannon e all’Istituto cattolico “Dignitatis Humanae”, che ha portato a un contenzioso.

READ  AliExpress ha aperto il suo terzo negozio fisico in Spagna

Un anno dopo, il Tribunale Regionale di Latina (centro) ha permesso allo stratega di mantenere lo statuto della carta, ma lo scorso maggio il Consiglio di Stato italiano, l’organo che controlla la validità delle decisioni amministrative, ha finalmente concordato con il Ministero dei Beni Culturali.

Un bando per l’occupazione di questo monastero, situato a circa 130 chilometri da Roma, è stato pubblicato nel 2016 e vinto dall’istituto “Dignitatis Humanae” associato al settore più conservatore della Chiesa, per un valore di 100.000 euro l’anno.

Questo istituto cattolico tra i suoi principali sostenitori è Bannon, che ha avuto l’idea di creare una scuola per formare politici e difendere i valori giudaico-cristiani per l’Occidente, insegnando materie come filosofia, teologia, economia e storia.

L’istituto aveva il sostegno di importanti membri dell’ala più conservatrice della Chiesa cattolica, come il cardinale americano Raymond Burke, molto critico nei confronti di papa Francesco.

Bannon ha tentato di creare in Charterhouse un “finto Vaticano” all’interno dell'”attacco di figure su Trump” al fine di “corrompere la Chiesa degli Stati Uniti”. E «per screditare papa Francesco», ha spiegato a Efe il giornalista Juan Vicente Po, autore di Decoding the Vatican.