Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Referendum costituzionale cileno: una schiacciante vittoria del “no” mette in gioco il governo di Gabriel Borek

Santiago, Cile. – In un vero freno alle voglie di rifondazione che ne sono scaturite Focolaio sociale del 2019, ha scelto il Cile Rigetto della proposta di nuova costituzione È stata una forte battuta d’arresto Al governo di Gabriel Borek, Questo era in linea con l’ambiziosa riforma con una tintura graduale, ma questo Non sapeva come contattare il centro politico e il carattere moderato di gran parte della popolazione cilena Non era coerente con i cambiamenti strutturali proposti.

Con il 99% delle tabelle contate, secondo i dati forniti dalla circoscrizione elettorale cilena (Servel), ha prevalso il 61,9% delle preferenze “non approvate” contro l’”approvazione” del 38,1%, un risultato che supera tutto quanto sopra. aspettative che Si è trasformato in un vero “successo” e basta sorpreso negativamente il partito al governo, che subì una disastrosa battuta d’arresto nella sinistra popolare e nei comuni affini, fu sconfitto in altri luoghi emblematici e non riuscì ad avvicinarsi all’80% che ottenne la vittoria di “approvazione” nel referendum d’ingresso.

Le persone che rifiutano la nuova bozza di costituzione festeggiano dopo aver appreso i primi risultati del referendum, a Santiago, il 4 settembre 2022.Martin Berenti – Agence France-Presse

Il popolo cileno non era soddisfatto della proposta di costituzione presentata dalla Convenzione al Cile, Così ho deciso di bocciarlo alle urne (…) Bisogna ascoltare la voce della gente. Non solo questo giorno, ma tutto quello che è successo in questi anni difficili che abbiamo vissuto. Non dimentichiamo perché siamo arrivati ​​quiLo ha detto il presidente Gabriel Borek da una delle sale del Palacio de la Moneda, e lo ha immediatamente annunciato Lavorerà su una nuova Magna Carta.

READ  Si muove il governo Claudia Lopez: se ne va il ministro della Mobilità e si insedia Luis Ernesto Gomez

“Prometto di fare tutto da parte mia, per costruire con il Congresso e la società civile Nuovo itinerario dei componenti“, ha sottolineato, e ha anche commesso un errore. Le persone non erano soddisfatte della proposta. Accetto umilmente questo messaggioBorek ha aggiunto.

Il giorno registra con un file La partecipazione storica ha superato il 70%. E che avesse un voto obbligatorio, i primi risultati evidenziavano il vantaggio di opporsi al testo redatto per un anno dalla Convenzione costituzionale, organismo composto principalmente da forze di sinistra, di carattere egualitario e amalgamate. Tanti diritti sociali nel testo. Ma ha anche svolto un lavoro che lo ha visto protagonista in una sfilza di controversie e ha accumulato varie domande.

Una coppia che sostiene la nuova bozza di costituzione risponde dopo aver ascoltato i primi risultati ufficiali del referendum, in piazza Italia a Santiago, il 4 settembre 2022.
Una coppia che sostiene la nuova bozza di costituzione risponde dopo aver ascoltato i primi risultati ufficiali del referendum, in piazza Italia a Santiago, il 4 settembre 2022.Martin Berenti – Agence France-Presse

Alle 17:00 (ora locale) sono comparsi i primi segnali di una giornata difficile per le forze di sinistra con il conteggio delle prime tavole dai Magallanes. A meno di un’ora dal resto del Paese, i risultati hanno dato un chiaro vantaggio al “rifiuto” e Allo stesso tavolo in cui Borek ha votato “sì” ha anche perso, di gran lunga.

Con la lettura del terzo e quarto resoconto di Servel, l’anima nei nascondigli dei comandi pertinenti si rese conto dell’anima che i risultati stavano iniettando. Mentre i seguaci dell ‘”approvazione” si affrettavano a lasciare gli hotel per i festeggiamenti, il “no” afferrava vari punti nevralgici delle città più importanti del paese con festeggiamenti chiassosi.

I cittadini hanno parlato ad alta voce e con forza, in Uno dei momenti più importanti della storia del nostro Paese. “La bocciatura ha vinto, è stata imposta in modo chiaro e clamoroso”, ha detto la senatrice democristiana Zimina Rincon, uno dei volti contrari alla nuova attuazione della Magna Carta.

I sostenitori della nuova costituzione si abbracciano ascoltando i risultati parziali del referendum
I sostenitori della nuova costituzione si abbracciano ascoltando i risultati parziali del referendum Cristobal Escobar – AFP

A loro volta, i rappresentanti della sinistra hanno lamentato la pesante sconfitta. “Siamo scioccati e tristi, ma naturalmente ammettiamo la sconfitta. Ci sarà un momento per analizzare tutti questi fattori e pensiamo che sia un momento di calma ora, per cercare spazi di riflessione e per trovare le cause e la voce di questo popolo cileno fortemente espresso”, ha affermato Flavia Torrealba, Presidente di la Federazione Regionale Verde.

READ  Perché potrebbe essere un problema

L’ex membro tradizionalista del Partito Comunista, Barbara Sepúlveda (PC), ha insistito per volere una nuova Legge fondamentale. “Il Cile avrà una nuova costituzione. Prima o poi riapparirà la decisione democratica del popolo e questo processo rappresenterà la grande maggioranzaL’ex attore ha detto.

A La Moneda c’erano facce lunghe con il passare del pomeriggio e persino l’attrezzatura audio preparata per la celebrazione in Plaza de la Constitución è stata smantellata. Infatti, è stato annunciato un’ora dopo la chiusura delle urne Una lettera inviata dalla Presidenza della Repubblica ai leader dei partiti politici nazionali per partecipare a un dialogo incentrato sul processo costituzionale previsto per lunedì alle 16:00 (17:00 in Argentina).

Il presidente cileno Gabriel Borek esprime il suo voto durante un referendum in cui i cileni decidono se approvare o rifiutare una nuova bozza di costituzione, a Punta Arenas, in Cile, domenica 4 settembre 2022 (AP Photo/Andrés Poblete)
Il presidente cileno Gabriel Borek esprime il suo voto durante un referendum in cui i cileni decidono se approvare o rifiutare una nuova bozza di costituzione, a Punta Arenas, in Cile, domenica 4 settembre 2022 (AP Photo/Andrés Poblete)Andres Bibliti – AP

In ogni caso, la sorpresa più grande è venuta dalla grande differenza e da come il “no” è stato imposto in enclavi elettorali storicamente vicine al governo come l’area metropolitana, che ha dato un vantaggio di quasi dieci punti a favore dell’opposizione alla nuova Magna Carta . Immediatamente all’interno della sinistra si sono levate voci che chiedevano un’accelerazione dei cambiamenti all’interno del governo e un cambio di governo che sta costruendo ponti con i settori più moderati.

La vittoria del “no” di oggi è principalmente spiegata dalle aree in cui Borek ha ottenuto buoni risultati alle elezioni presidenziali, ma l’opzione “sì” non è riuscita a raccogliere voti. Comuni come La Florida, Puente Alto o Maipu in cui Borek ha ottenuto un buon risultato, c’è stato un pareggio alle elezioni generali. La differenza nell’area metropolitana è determinante per l’interpretazione del risultato, insieme a un’elevata partecipazione elettorale”, ha analizzato Mario Herrera, Direttore della Scuola di Scienze Politiche e Pubblica Amministrazione dell’Università di Talca.

READ  Ponti di solidarietà per la cultura cubana

La relazione tra il testo fondamentale e la responsabilità nei confronti dell’amministrazione Borek è una parte importante dell’interpretazione del risultato. Ha aggiunto che la campagna di approvazione non ha messo in luce i tratti del testo sul legame con l’immagine del presidente e della conferenza costituzionale.