Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Raro sarcoma aggressivo rilevato nella vena safena di un paziente portoricano

I leiomiomi vascolari rimangono una diagnosi rara e difficile.

Ecografia color Doppler: mostra una massa vascolare intraluminale all’interno della vena grande safena (VES).

I leiomiosarcomi sono tumori aggressivi che di solito insorgono nella vena cava inferiore, ma un caso molto piccolo è stato registrato nella vena grande safena.

Questo raro scenario è stato specificamente identificato a Porto Rico in un paziente di 67 anni che mostrava una massa asintomatica in crescita nella coscia destra.

La paziente, che ha una storia medica di ipertensione, diabete di tipo 2 e apnea notturna, si è recata presso la clinica di oncologia muscoloscheletrica del Puerto Rico Medical Center per una messa alla coscia destra.

Ha notato un piccolo nodulo nella parte interna della coscia cinque mesi prima della valutazione dei medici e ha negato di aver avuto traumi precedenti e interventi chirurgici precedenti, sebbene fosse preoccupata per il modo in cui il tumore stava crescendo. All’interno della sua storia familiare, ha riportato diagnosi di cancro ovarico e cancro ai polmoni.

È stata eseguita un’ecografia color Doppler della coscia destra (CD-US), che ha mostrato una lesione intraluminale (area vuota). Il contrasto ha confermato la presenza di una massa solida dell’aumento dei tessuti molli originatosi nella vena grande safena”, conferma il caso.

vena safena nella struttura Queste sono importanti strutture venose – situate vicino alla pelle – nelle gambe che sono responsabili della raccolta del sangue dalla pelle e dai tessuti adiacenti.

L’analisi dei tessuti era coerente con un leiomiosarcoma di alto grado che coinvolgeva la vena safena.

Il leiomiosarcoma è Sarcoma aggressivo delle parti morbido derivato da cellule muscolari lisce, solitamente dall’utero, dal tratto gastrointestinale o da altri tessuti molli, rappresentando circa il 6% di Tutti i sarcomi tissutali flessibile.

READ  Avanzamento di due farmaci contro il COVID-19: raccomandato dagli esperti dell'OMS

Nel frattempo, i sarcomi sono tumori maligni che insorgono nelle linee cellulari stromali mesenchimali (MSC), che sono cellule staminali pluripotenti che si trovano in Il midollo osseo è importante Per la fabbricazione e la riparazione dei tessuti scheletrici.

Valutazione microscopica: colorazione con ematossilina ed eosina del campione chirurgico a basso ingrandimento (10×) (a) e ad alto potere (40×) (b).
Immagini MRI a contrasto: mostra una massa di tessuto molle derivante dalla vena grande safena lungo l’aspetto distale mediale della coscia destra. Saturazione del grasso sagittale T1 con contrasto (a), saturazione del grasso assonale T1 con contrasto (b), saturazione del grasso assonale T2 (c) e saturazione del grasso assonale T2 (d).

D’altra parte, il leiomiosarcoma vascolare (LV) di solito progredisce da intraluminale a extraluminale. Il suo sviluppo relativamente lento può essere suddiviso in tre fasi: non ostruttiva, occlusiva e terminale.

Il paziente ha ricevuto 27 sedute di radioterapia. Dopo 24 mesi di follow-up, gli autori del caso hanno riferito che il paziente è rimasto libero da malattia.

La valutazione istopatologica è necessaria per confermare la diagnosi. L’escissione chirurgica rimane il trattamento di scelta e la radioterapia è considerata principalmente per il controllo locale della malattia. Questo caso rafforza l’importanza I medici conoscono le possibili offerte Gli autori concludono che le caratteristiche aspecifiche di questi sarcomi e l’importanza di un approccio diagnostico completo a questi tumori aggressivi sono dovute all’elevata incidenza di metastasi quando la diagnosi è ritardata”.

I leiomiosarcomi sono tumori maligni che rappresentano circa il 6% dei leiomiomi Tutti i sarcomi tissutali flessibile. Gli SMS che coinvolgono i principali vasi costituiscono meno del 2% di tutti i leiomiosarcomi.

READ  Perdite di milioni di dollari che potrebbero essere sostenute dai paesi del G20 se non ordinano le loro politiche climatiche

“Pertanto, intendiamo scrivere il caso di una donna di 67 anni in VGS in un momento in cui la letteratura è ancora limitata dal primo caso riportato da E. Aufrecht nel 1868. Ad oggi sono stati segnalati solo 44 casi in la letteratura”, affermano gli autori.

Tra i proprietari del caso c’era il Dr. Juan Bibelloni Rodriguez, MD, un oncologo chirurgico presso l’Ospedale Oncologico del Centro Medico: il Dr. Bar Robin Trisgallo; Lucas de Virgilio Salgado; Norberto Torres Logo d. Dr. Natalia Asinjo Molina e Dr. Norman Ramirez Luch, chirurgo ortopedico pediatrico, del Dipartimento di Ortopedia del Mayagüez Medical Center.

Controlla il caso qui.