Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Raccolte in un libro testimonianze agghiaccianti di abusi sulle suore nei monasteri di Roma | Libri | intrattenimento

Le sanzioni continuavano. Per fortuna non fisicamente, ma sempre psicologicamente: mancanza di privazione del cibo, mancanza di divertimento.

EFE

La denuncia arriva da dentro le mura della Santa Sede. velo di silenzio Raccoglie testimonianze agghiaccianti sugli abusi di potere che alcune suore hanno subito dopo essere entrate in convento e sulla diserzione che subiscono quando decidono di andarsene, come spiega in un’intervista a vigilia un’attrice Salvatore Sernozio, giornalista per i media ufficiali del Vaticano.

Il libro appena uscito in Italia edito da San Paolo, “E’ nata da diverse inchieste di stampa che hanno attirato la mia attenzione, ma soprattutto da un incontro con un’amica che non vedevo da tempo, anzi una suora tanto apprezzata per il suo ordine religioso e per come era quando è tornata a casa : irriconoscibile”, rapporti.

Poi Cernuzio inizia ad indagare, recandosi in una comunità religiosa di Roma dove si sono rifugiati Suore che lasciano i monasteri e non sanno dove andare Da quel momento riceve testimonianze di donne che Avevano bisogno di essere ascoltati Le hanno chiesto di ascoltare gli altri che conoscono e che hanno vissuto la stessa cosa”.

Undici testimonianze, la punta dell’iceberg

Il giornalista sottolinea che le undici suore che ha trovato hanno chiesto l’anonimato.

Il giornalista sottolinea che, oltre a subire soprusi, soprattutto di potere, alle suore non è stata data la dovuta attenzione: secondo i dati aggiornati al 2018 della Congregazione degli Istituti di Vita Consacrata e Comunità di Vita Consacrata e Comunità di Vita Apostolica, solo sul 3% 8 degli istituti del mondo sono stati oggetto di visita apostolica. “Considerando che questo è un numero ufficiale, si può presumere che sia solo la punta dell’iceberg di una crisi generalizzata”, afferma.

READ  Congedo familiare per Paula Chavez e Pedro Alfonso dopo aver rivelato una crisi coniugale

“Stupido! Dov’è la tua testa? Presta un po’ di attenzione”. Un grido echeggiava ancora nella testa di Marcela. Meno di una settimana fa ha lasciato il seminario dove aveva trascorso più di vent’anni della sua vita, e sebbene il capo nervoso che dettava la giornata secondo il suo umore fosse scomparso, Continui a vivere con sensi di colpa, shock e paura di essere rimproverato quando sei in ritardo di dieci minuti“È la testimonianza di questa suora dell’America Latina.

Le sanzioni continuavano. Per fortuna non fisicamente, ma sempre psicologicamente: mancanza di privazione alimentare, divieto di gioco, insulti pubblici. “Gridava continuamente, anche in chiesa prima dell’Eucaristia, forse per una luce o una macchia sul pavimento”, dice Marcella, un nome che è stato inventato per garantire l’anonimato.

Ho bisogno di aiuto psicologico dopo aver lasciato il monastero

La donna ha iniziato la psicoterapia: “Ho avuto traumi in passato. Ho sempre paura di sbagliare…”, Mi sono confessato nel libro perché molti di loro, come fa notare Cernuzio, avevano bisogno di sostegno emotivo e la cosa peggiore è stata che in monastero gli è stata negata questa possibilità. “Hanno detto loro che la preghiera sarebbe stata buona”, spiega.

Le testimonianze indicano anche che in molte di queste violazioni si nasconde una corrente razzista contro le donne dei paesi poveri. “Non sei ancora suora, non sai cosa fare, non hai il diritto di dirlo, non capisci niente” loro hanno detto Anna Maria, nata in Camerun, alla quale continuavano a fare commenti razzisti e non gli era nemmeno stato detto che sua madre era morta quando lei aveva un anno.

READ  Google Messaggi potrebbe presto avere un'interfaccia utente tablet rinnovata e una nuova utile funzionalità: EzAnime.net

Alexandra, una santa donna di 31 anni, rivela che dopo aver ammesso al capo della congregazione di essere stata aggredita sessualmente da un prete con cui stava lavorando a un progetto, l’ha accusata di provocarsi. “Ha tenuto duro, ma sarebbe stata una mia impressione. Quello che mi ha rovinato è stata la sua risposta. Mi ha detto che anche altri si erano lamentati di problemi simili e che ovviamente, se questo è successo, è stato perché le suore hanno provocato i preti”. affermazioni.

“È rimasta letargica per settimane, oberata di pensieri, schiacciata dallo shock, sentendo sporcizia e paura”.Scriveva Cernozio, che sperava soltanto che il libro «fa bene a queste monache e giova alla Chiesa».

Il suo lavoro è presentato dalla Procuratrice del Sinodo dei Vescovi, Nathalie Becquart, prima donna a votare in questo Consiglio. “Ci fa sentire il grido e la sofferenza delle consacrate che sono entrate nelle comunità religiose per seguire Cristo e si sono trovate in preda a situazioni dolorose che, per la maggior parte di loro, le hanno spinte ad abbandonare la vita consacrata”., sottolinea Christina Cabrigas. (IO)