Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Queste sono le procedure per andare a lavorare se non sei stato vaccinato

A ottobre l’Italia diventerà il primo grande Paese in Europa a richiedere un permesso di ingresso per lavorare, sia nel settore pubblico che in quello privato, sotto minaccia di sospensione dal lavoro. Ma non è il primo Paese dell’Unione Europea a prendere una misura così drastica. Grecia e Slovenia hanno già iniziato questo percorso questa settimana, ma l’Italia, con una popolazione di 60 milioni di abitanti e la terza economia più grande della zona euro, è un laboratorio su larga scala.

Nel caso della Grecia, a partire da lunedì, tutti i lavoratori non vaccinati dovranno sottoporsi a uno o due test per il coronavirus a settimana, a seconda della loro professione. Colpisce sia i dipendenti pubblici che i dipendenti delle aziende private, che devono pagare di tasca propria i test – al costo di dieci euro – se non hanno il certificato di vaccinazione. La Grecia è al di sotto della media europea, con il 56% dei suoi 10 milioni di persone vaccinate.

Misure simili

In Grecia, i lavoratori che non sono stati vaccinati devono sottoporsi a uno o due esami a settimana

Qualcosa di simile accadrà in Italia ad ottobre: ​​per ottenere un permesso COVID, i lavoratori devono essere stati vaccinati o aver superato il COVID o, in mancanza, devono fare un test antigenico ogni 72 ore – il governo ha esteso il periodo di 48 ore – se non vogliono essere sospesi. Anche in Italia i dipendenti dovranno pagare i test, ma qui il dirigente ha fissato il prezzo di questi test a un massimo di 15 euro per gli adulti e 8 per i minori, che possono essere assunti nella maggior parte delle farmacie del Paese. Saranno esentati solo coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici e che riceveranno i test gratuitamente.

READ  Gli investimenti diretti esteri a Nuevo León crollano dell'11% nel primo trimestre del 21 - El Financiero

La Grecia ha anche imposto la vaccinazione obbligatoria agli operatori sanitari e ai lavoratori dei centri per anziani, come l’Italia, dove sono stati sospesi 728 medici che non volevano essere vaccinati.

Un gruppo di manifestanti manifesta vicino al parlamento a Lubiana contro le restrizioni che richiedono la presentazione di un permesso di ingresso per lavorare.

AP

In Slovenia questa settimana c’è stata una grande protesta, dispersa dalla polizia con cannoni ad acqua e gas lacrimogeni, mentre migliaia di manifestanti a Lubiana hanno alzato la voce contro l’entrata in vigore di severe restrizioni Covid-19, compreso un permesso sanitario per i lavoratori.

La piccola repubblica da mercoledì ha richiesto ai dipendenti di dimostrare di essere stati vaccinati, risultati negativi al Covid o di aver sconfitto l’infezione, come misura per favorire una campagna di vaccinazione in un paese in cui solo il 45% dei suoi due milioni di persone è stato vaccinato. Foro. E non solo per lavoro, ma è necessaria anche la tessera covid per accedere a molti negozi, servizi sanitari (salvo emergenza) e altri servizi, con lamentele alle stazioni di servizio dopo che la catena più grande chiede di esibire questo pass.

Più restrizioni

In Slovenia è necessaria anche la tessera covid per entrare in molti negozi o servizi sanitari

In Italia la covid card è davvero necessaria per qualsiasi tipo di evento sociale, come andare al cinema o al museo, entrare in un ristorante, stadio sportivo o palestra, o prendere il treno tra le regioni. Le misure per i lavoratori entreranno in vigore il 15 ottobre, e se non avranno la famosa certificazione – qui conosciuta come Green Pass – saranno sospesi dalla paga ma non potranno essere licenziati. Andare al lavoro senza di lui conta come un’assenza, e dopo cinque assenze partirà la sospensione. Al massimo, fermeranno le spedizioni fino al 31 dicembre, quando l’emergenza finirà. Rischiano anche multe fino a 1.500 euro.

READ  Laboratori della Cantabria, Crescita sui tetti | Attività commerciale

Il governo italiano di Mario Draghi ha scelto di avere una mano forte di fronte all’arrivo dell’autunno e alle possibili nuove variabili. L’esecutivo non lo vuole in alcun modo dovrebbe introdurre nuove restrizioni che minaccerebbero la ripresa economica. Finora il 75% delle persone di età superiore ai dodici anni ha già una guida completa in questo paese.