Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questa è la storia di un ragazzo di 13 anni rapito e torturato da due minorenni

I residenti della città italiana di Caltanissetta in Sicilia non sono sorpresi dopo aver appreso della notizia che i Carabinieri hanno catturato due minorenni accusati di sequestro e tortura di un bambino dall’età di 13 anni. Lo scorso settembre.

I due quindicenni arrestati si trovano nell’istituto penitenziario minorileA seguito di azione del Giudice di primo grado del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta.

Secondo il quotidiano italiano, i ragazzi avrebbero adescato il bambino con un messaggio WhatsApp in cui promettevano di vendergli sigarette elettroniche. Inizialmente, il ragazzo ha chiesto ai giovani di trovarsi meglio nella propria casa, ma alla fine ha accettato di andare dove si trovavano.

Secondo la ricostruzione dei fatti da parte degli inquirenti, due giovani hanno trascinato un ragazzino di tredici anni in un garage, che faceva parte dell’abitazione di uno dei due. Era immobilizzato su una sedia e le caviglie, i polsi e la bocca erano legati con del nastro adesivo.

Quando il ragazzo raggiunse il luogo, sia i parenti che il giovane li chiamarono Corriere della Serra, Gli dissero: “Ebbene, sciocco!”

I carabinieri hanno così descritto le azioni dei giovani: “Hanno trascinato un ragazzo di 13 anni in un garage di proprietà di uno di loro, lo hanno inchiodato a una sedia e gli hanno legato caviglie, polsi e bocca con del nastro adesivo”.

I giovani hanno schiaffeggiato il ragazzo su tutto il corposputandogli in faccia e minacciandolo con attrezzi da lavoro e un coltello, ha riferito il portale Notizie Italia.

Questi eventi si sono svolti nella città italiana di Caldaniceta, situata sull’isola di Sicilia. – Foto: HBO / HBO Max

Inoltre, i ragazzi gli hanno gettato addosso acqua imbevuta di olio per motori e hanno minacciato di dargli fuoco. “Ti daremo fuoco”, avrebbero indicato due giovani con un accendino.

Dopo circa un’ora e mezza di torture, il ragazzo di tredici anni è stato rilasciato sotto minaccia di morte se avesse raccontato a qualcuno l’accaduto.

Secondo alcuni resoconti dei media, la madre si è accorta che il bambino si comportava in modo strano perché era nervoso, spaventato e non smetteva di piangere. Su insistenza della donna, il bambino ha confessato tutto quello che gli era successo.

Secondo la polizia italiana, i due giovani si vendicheranno del ragazzo che li ha pubblicamente rimproverati entrambi per aver aggredito un suo amico.

Giovani violenti

Gwitiano si è reso conto che molti bambini e giovani accusavano questi minori di essere violenti.

Questa volta sono accusati di tortura, rapimento, minaccia, lesioni personali gravi e trasporto di beni con l’intento di commettere un crimine.

Reuters
Secondo le autorità, il ragazzo è stato invitato da due giovani a casa di qualcuno attraverso un finto messaggio WhatsApp. – Foto: Reuters

“Il comportamento dei due indagati è coerente con i comportamenti violenti, aggressivi e abusivi che hanno già commesso, congiuntamente e individualmente, in altre occasioni, nei confronti di altri minori. In primo luogo, la brutalità della violenza fisica e mentale che si è protratta per più di un’ora può essere definita atroce dal comportamento degli indagati”, ha scritto il giudice che ha ascoltato il caso.

Il giudice ha anche aggiunto che la dignità del bambino è stata calpestata: “Si è progressivamente attuata nella sofferenza alla dignità umana: dallo scherno alla violenza, comportamenti umilianti (come gli sputi), degradanti e insensibili, quasi giocando con uno stato psicologico. gli indagati, come ultimo atto sintomatico della perquisizione, prima della possibilità di essere accesi Sottoporsi a un severo test è il mezzo più appropriato per soddisfare un’intuizione.

READ  Focus su Richard Carapaz, Giro d'Italia: Gli incredibili che ha fatto nella 14a tappa | Giro d'Italia 2022