Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quello che hanno trovato all’interno di una grotta di 40.000 anni è sorprendente – Notizie

La recente scoperta fatta in una rete di grotte, nascosta da più di 40mila anni sulla Rocca di Gibilterra, potrebbe portare alla scoperta di nuove scoperte sulle abitudini dei Neanderthal.

La rete è stata scoperta per la prima volta nel 2012, quando gli esperti hanno iniziato a esaminare Vanguard Cave, parte del complesso Gorham Cave, per determinarne le vere dimensioni.

Tuttavia, lo scorso agosto, il team guidato dal biologo evoluzionista Clive Finlayson ha trovato una lacuna nel sedimento, che li ha portati a uno spazio di 13 metri nel soffitto della grotta.

/ Codice Casa /

/codice di incorporamento finale/

“È un’ottima fotocamera”, ha detto Finlayson ai media britannici. guardiano. In un certo senso, è più simile alla scoperta della tomba di Tutankhamon; Stai entrando in uno spazio in cui nessuno è entrato da 40.000 anni. È davvero preoccupante».

Sul tetto della stanza c’erano le ossa delle zampe della lince, le vertebre della iena maculata e l’osso alare del grifone. “Qualcosa ha trascinato le cose là fuori molto tempo fa”, ha detto Finlayson.

Abbiamo anche trovato sei o sette esempi di segni di artigli graffiati sulle pareti della grotta. Questi tipi di segni di artigli sono solitamente associati agli orsi e abbiamo resti di orsi nella grotta, ma mi sembra un po’ piccolo. Mi chiedo se la lince che abbiamo trovato fosse un femore che graffiava le pareti”.

Sebbene le ossa non siano interessanti di per sé, poiché non mostravano tagli o segni coerenti con l’intervento umano, il team ha anche trovato un grande guscio di balena di cane che solleva molte possibilità.

READ  Immagini di una strana scoperta in Egitto: 110 tombe insolite dell'era pre-faraone

“Questa parte della grotta è probabilmente a 20 metri sul livello del mare oggi, quindi ovviamente qualcuno l’ha portata lì 40.000 anni fa”, ha detto il professore. “Questa è davvero un’indicazione che le persone erano lì”, ha detto il biologo.

Altrove nelle grotte è stata trovata anche l’occupazione neandertaliana dell’area: da case e strumenti di pietra ai resti smembrati di animali, tra cui cervi, caribù, foche e delfini. Nel 2017, i ricercatori hanno scoperto i denti decidui di un bambino di quattro anni di Neanderthal.

“Una delle cose che abbiamo trovato in molti livelli di questa grotta è una chiara prova di occupazione: falò, ecc. Quello che non abbiamo trovato è dove sono stati sepolti. Come ci aspetteremmo, la telecamera in fondo alla grotta può essere abbastanza suggestivo; è piena speculazione, ma non seppelliresti le persone nella tua cucina o nel tuo soggiorno.”

Queste grotte ci hanno fornito una grande quantità di informazioni sul comportamento di queste persone. Lontano dall’antica visione degli esseri bruti e scimmie, ci rendiamo conto che erano umani sotto tutti gli aspetti e capaci della maggior parte delle cose di cui erano capaci gli umani moderni. Sappiamo anche che si sono scambiati i geni”.

Per il professore, la vera ricerca è scoprire chi erano i Neanderthal, come vivevano, come morivano e come sopravvivevano. Inoltre, ha rivelato come questo potrebbe influenzare la nostra comprensione dell’umanità: “Sono orgoglioso di dire che ho fatto il test e ho due virgole nel DNA di Neanderthal. Si potrebbe dire che non si sono mai estinte perché ce ne sono ancora così poche. in noi”, ha concluso Finlayson.

READ  Il cartello di Sinaloa: il ruolo principale svolto da Emma Coronel e da altre mogli della droga nell'organizzazione