Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quattro misteri della luna che nemmeno la NASA potrebbe risolvere

C’è acqua sulla luna?

La risposta è sì, c’è acqua sulla luna. Ciò che non si sa per certo è quanto si può trovare. Al momento si trovano congelati e solo in piccole quantità.

Nel 2020, la NASA ha persino indicato che sulla sua superficie sono presenti molti crateri, alcuni dei quali molto piccoli, che non raggiungono mai la luce solare, dove possono essere intrappolati in modo stabile.

Qual è l’origine della luna?

Gli scienziati non sono sicuri dell’origine della luna. In questo senso esiste una teoria dominante ma non definitiva.

La teoria più ampiamente accettata è nota come “Ipotesi del Big Bang”. Ciò indica che un oggetto delle dimensioni di Marte, un pianeta chiamato Theia, si è schiantato sulla Terra circa 4,5 miliardi di anni fa durante la prima formazione del Sistema Solare ed evidenzia la posizione di Kcet.

Questo effetto ha inviato pezzi di giovane Terra nello spazio. Questi pezzi sono stati messi insieme dalla gravità, intrappolati nell’orbita terrestre e infine trasformati nella luna che vediamo oggi.

Per la NASA, questo impatto è stato 100 milioni di volte maggiore della collisione di asteroidi che ha causato l’estinzione dei dinosauri.

Eclissi lunare. jpg

prospettiva sud

C’era vita sulla luna?

Se torniamo al momento dell’influenza di Thea, gli esperti ritengono che all’epoca fossero disponibili acqua e calore, due elementi essenziali della vita.

Lo stesso sito indica anche che la luna era una volta attiva dal punto di vista vulcanico e questa attività vulcanica potrebbe aver avuto un effetto sulla sua atmosfera. In questi scenari, la nostra luna naturale avrebbe avuto un’atmosfera oltre agli oceani, creando un ambiente ospitale.

READ  Hanno rivelato perché le giraffe hanno sviluppato un collo così lungo

Com’è l’orbita della luna?

A volte la luna sembra muoversi in modi misteriosi. In generale, lo fa in cerchi e ovali, a seconda della prospettiva.

Ma c’è qualcos’altro. C’è un’oscillazione regolare nella sua orbita che impiega 18,6 anni per essere completata. Non c’è nulla di nuovo o di pericoloso in questo movimento che fu segnalato per la prima volta nel 1728.

Terreno -1365995_1920.jpg

Questa oscillazione guida quei cicli e rivoluzioni. Secondo uno studio pubblicato di recente, si prevede che questo fenomeno causerà più inondazioni sulla Terra nella metà del prossimo decennio, se combinato con gli effetti del cambiamento climatico e dell’innalzamento del livello del mare.

A metà del ciclo lunare di 18,6 anni, le maree giornaliere regolari della Terra vengono soppresse: le alte maree sono al di sotto del normale e le basse maree sono al di sopra del normale.

Nell’altra metà del ciclo si amplifica: le maree si alzano e la bassa marea scende ancora di più. L’innalzamento globale del livello del mare sta spingendo le maree in una sola direzione: verso l’alto.

Quindi metà del ciclo lunare di 18,6 anni contrasta l’effetto dell’innalzamento del livello del mare sulle maree più alte e l’altra metà migliora l’effetto.