Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quasi mille persone intercettate al largo della Libia, record in un giorno يوم

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 giugno 2021 – 21:39

Tripoli, 13 giugno (EFE). Circa un migliaio di persone che sono andate alla deriva in mare su barche affittate e abbandonate sono state intercettate dalle mafie che operano in Libia e sono rientrate subito nel Paese oggi, nonostante fosse considerato un luogo “pericoloso”, secondo quanto riportato dal quotidiano britannico Guardian. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

Si tratta, secondo l’organizzazione, della più grande operazione di rimpatrio di un giorno avvenuta finora quest’anno in Libia, che è il nucleo della cosiddetta “rotta migratoria nel Mediterraneo centrale”, una delle più attive e mortali del mondo.

I migranti, provenienti da diversi paesi del Sahel e dell’Africa subsahariana, ma anche dal Medio Oriente e dall’Asia, sono stati intercettati da tre motovedette a Tripoli e due a Zawiya, vicino al confine e da una delle barche principali. I centri operativi delle mafie locali che da anni traggono profitto dalla tratta di esseri umani.

Una volta tornati al porto, hanno ricevuto i primi soccorsi dalle agenzie umanitarie prima di consegnarli alle autorità libiche per l’immigrazione, che li hanno trasferiti in centri di detenzione, secondo diverse ONG, che non rispettavano i requisiti minimi di dignità.

Mille migranti si aggiungono agli oltre 200 intercettati da venerdì dalle motovedette libiche sulla costa occidentale, centro delle operazioni di diverse mafie che traggono profitto dal traffico di esseri umani.

“Come è successo con altre 11.000 persone quest’anno, sono finite in prigione in condizioni spaventose, con estorsioni e maltrattamenti”, ha detto Safaa Michli, portavoce dell’Organizzazione internazionale dei miracoli in Libia.

READ  Il G20 riafferma l'impegno per gli obiettivi climatici, ma senza scadenze

Un totale di 615 persone, la stragrande maggioranza del Sahel e di altri paesi dell’Africa subsahariana, sono state intercettate nella prima settimana di giugno nelle acque del Mediterraneo quando hanno tentato di raggiungere l’Europa dalle coste libiche.

Inoltre, una nave di salvataggio noleggiata dall’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere, giovedì, è riuscita a salvare 26 persone – 15 delle quali minori non accompagnati – al largo delle coste libiche nonostante le “molestie” da parte delle motovedette in quel Paese.

Economia corsara

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, 10.711 persone – di cui 443 minorenni – sono state intercettate finora dalle motovedette libiche nel 2021 e sono rientrate in quel Paese, appena un migliaio in meno rispetto a tutto il 2020.

Altri 188 annegarono e altri 487 scomparvero nei naufragi avvenuti su questa strada che collegava le coste della Libia con le coste dell’Italia e di Malta.

A questi numeri si aggiungono i quasi 4.000 migranti che hanno lasciato la Tunisia e quasi 150 persone che sono morte in naufragi al largo delle sue coste, alcuni su imbarcazioni che hanno lasciato le coste della Libia occidentale e sono state spinte più a ovest dal mare e dai venti.

Secondo la Global Initiative to Combat Transnational Organised Crime (GI-TOC), una nota ONG, l’economia privata, che collega il Nord Africa e la regione del Sahel, ha prosperato grazie al cessate il fuoco concordato in Libia, non alla guerra , è insieme. Con l’instabilità delle frontiere, principale motore della migrazione irregolare nel Mediterraneo centrale. EFE

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.

READ  Il G7 informa l'Iran sull'attacco mortale alla petroliera; Gli Stati Uniti rilasciano "prove"