Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando lo sport viene utilizzato per nascondere le violazioni dei diritti umani

Di Alberto Senante (@asenante), Head of Media di Amnesty International,

Sempre più governi cercano di nascondere le atrocità commesse nei loro paesi organizzando concorsi o sponsorizzando o acquistando squadre che ripuliscano la loro immagine all’estero. Deploriamo questa pratica che tenta di nascondere le violazioni dei diritti umani dietro i valori e la discordia che lo sport provoca in tutto il mondo.

prossimo Coppa del mondo di calcio Si svolgerà a novembre per evitare l’aumento delle temperature in Qatar, paese che non si è precedentemente qualificato per questa competizione. Sempre più stadi stanno cambiando i loro nomi storici in nomi di marchi internazionali. Molti tornei di golf si svolgono nel mezzo del deserto. La Supercoppa di calcio spagnola non si gioca in Spagna, ma in Arabia Saudita. Lo storico Rally Parigi-Dakar non lascia Parigi e non arriva a Dakar.

I giocatori francesi alzano il trofeo dopo la finale della Coppa del Mondo 2018 in Russia tra Francia e Croazia allo stadio Luzhniki di Mosca il 15 luglio 2018. © Jewel Samad / AFP via Getty Images

Chi ama lo sport rimane sbalordito quando tali cambiamenti si verificano con crescente frequenza. la ragione? In inglese si chiamano Sport, cioè sbiancamento sportivo. È la strategia con cui Alcuni governi che non rispettano i diritti umani cercano di ripulire la propria immagine all’interno dei propri confini, ma soprattutto fuori dai propri confini, attraverso la loro associazione con lo sport. Per fare questo, celebrano nel loro paese le Olimpiadi, i Mondiali o i tornei più seguiti del pianeta. Battezzano campi da calcio, occupano spazi pubblicitari sulle magliette o acquistano squadre a titolo definitivo, pompando ingenti somme di denaro che in seguito diventano grandi firme per deliziare i loro fan.

Negli ultimi anni il fenomeno ha assunto una dimensione sconosciuta, ma la risorsa è antica quanto le competizioni stesse. Un esempio frequente è il tentativo del regime nazista di presentarsi come un paese moderno e potente con la celebrazione delle Olimpiadi del 1936. Due anni prima, il suo alleato Mussolini sembrava fare pressioni sugli arbitri fino a quando l’Italia non vinse i Mondiali che ospitava. Il dittatore pensava che sarebbe stato nel suo interesse politico.

Sport e politica sono sempre state strade che si intersecano di volta in volta. Con il pugno alzato contro il razzismo di due atleti americani ai Giochi del Messico 68. I boicottaggi olimpici scambiati tra i blocchi della Guerra Fredda. In “Football” la vendetta dell’Argentina contro l’Inghilterra dopo la guerra delle Falkland. Eventi orribili, come il combattimento del 1990 in una partita di calcio che ha annunciato la guerra nei Balcani. ed esempi promettenti, come la squadra di rugby sudafricana che diventa un’improbabile alleata di Nelson Mandela per ricucire le cicatrici che ha lasciato razzismo. O l’ultima spinta al movimento fatta da molte star dello sport statunitense Movimento Black Lives Matter.

Lavora al Lusail Stadium in Qatar che ospiterà la Coppa del Mondo FIFA 2022

Un operaio si trova accanto al cantiere edile del Lusail Stadium, sede delle partite della Coppa del Mondo FIFA 2022. © Valery Sharifulin / TASS via Getty Images

Inoltre, senza andare così lontano, ci sono sempre stati uomini d’affari e politici di dubbia reputazione che si sono occupati degli sport più popolari solo per migliorare la propria immagine o ampliare le proprie relazioni o influenza. Ma quello che stiamo vedendo ora è Una vera partita a scacchi tra alcuni dei governi più spietati del mondo Che sta riscuotendo sempre maggiore consenso da parte della comunità internazionale, anche grazie a questa nuova pratica della diplomazia soft. Allo stesso tempo, Quando gran parte della società sente il nome di questi paesi, pensa più alle medaglie, ai gol, alle partite di tennis e alle piste che alla pena di morte, agli attivisti incarcerati o alla discriminazione contro le donne.

READ  ◉ Boca oggi: i cambiamenti analizzati da Battaglia, la risposta di Nacho Fernandez a Riquelme e le ultime novità

In effetti, è logico, e dobbiamo ammettere che è anche intelligente, che i leader di Arabia Saudita, Qatar, Russia, Cina, Emirati Arabi Uniti o Guinea Equatoriale cerchino di migliorare la loro immagine esterna con qualcosa che generi interesse e simpatia per altri paesi. ma come Il giornalista veterano del Medio Oriente Angels Espinosa ha rispostoIn risposta a una domanda sulla celebrazione della Supercoppa in Arabia Saudita:questo riguarda noi […] Siamo noi che cerchiamo attività lì e chiudiamo gli occhi sulla realtà locale”.. e questo è Nella candeggina sportiva, la spugna che pulisce finisce sporca come la macchia che stai cercando di nascondere.

Qatar e Arabia Saudita guidano i sostenitori del “lavaggio globale”

Sebbene sia una pratica universale, è vero che grazie agli ingenti profitti derivanti dalla vendita di gas e petrolio, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti sono i migliori esempi di paesi che hanno una strategia chiara e sostenibile nel lavaggio sportivo per pulire la propria immagine. Ma, come possiamo vedere nel seguente elenco, Non sono gli unici.

I lavoratori migranti si fermano per un pasto nel distretto di Sports City a Doha, in Qatar, il 18 giugno 2011. © Sam Tarling/Corbis via Getty Images

Qatar

  • I prossimi Mondiali di fine 2022 si disputeranno in questo Paese senza alcuna tradizione in questo sport, ma più che disposto a spendere tanti soldi per presentarsi come un Paese moderno e aperto.
  • Dal 2010, Più di 6.500 lavoratori migranti hanno perso la vita In diverse strutture, secondo il quotidiano Guardian. Dal 2004, il Gran Premio della MotoGP si tiene sul circuito di Losail come parte del calendario mondiale di questa disciplina.
  • E dall’anno scorso si svolgono anche i test di Formula 1.
READ  El fútbol dispara el precio de Dazn en Alemania, Japón e Italia. ¿Qué pasará in Spagna? | Compagnie

Regno Arabia Saudita

  • Nel 2019 ha organizzato un torneo fuori dal circuito ATP dove molti dei migliori tennisti hanno donato $ 3 milioni di montepremi.
  • Dal 2021 Circuito di Gedda benvenuto Gran Premio di Formula 1 Segnare per il campionato del mondo.
  • Tre copie del prestigioso Rally Dakar in questo paese.

Cina

  • In soli 14 anni, Pechino ha accolto Giochi olimpici estivi (2008) e invernali (2022).. Se le autorità cinesi avevano inizialmente promesso che la celebrazione avrebbe significato un progresso nei diritti umani, gli organizzatori nell’occasione hanno avvertito direttamente che i partecipanti alle competizioni sarebbero stati puniti”Se il loro comportamento è contro le leggi cinesi”.
  • Inoltre, il Maestri di Shanghai È diventato uno degli eventi principali dell’attuale circuito tennistico con la celebrazione dell’ATP Masters 1000 dal 2009.

Per le Olimpiadi del 2008 a Pechino, la Cina si è impegnata a rispettare i diritti umani.  non ha rispettato

All’Assemblea Generale di Amnesty Canada del 2008, i membri dell’organizzazione hanno marciato in giacche gialle per chiedere che la Cina mantenga la sua promessa di migliorare i diritti umani nel paese come parte della sua offerta olimpica. © AI Canada

Israele

  • Dal 2020 Lo stato emergente di Israele Gareggia nei principali tour della scena internazionale, come il Tour de France, la Vuelta a España o il Giro d’Italia. Sebbene sia un’iniziativa privata di un milionario, il suo scopo dichiarato è quello di “Fai sapere al mondo che questo è un paese sicuro e libero”.

Russia

  • Il governo russo ha anche firmato negli ultimi anni per organizzare grandi eventi sportivi come l’ultimo evento Coppa del mondo di calcioo il Olimpiadi invernali di Sochi 2014.

Gli Emirati Arabi Uniti

  • Il Emirates Team Emirates È da anni una delle squadre principali della scena ciclistica mondiale, ma ha raggiunto la vetta negli ultimi due Tour de France con vittorie per il suo corridore Tadej Pogačar.
  • azienda Fly Emirates È una pubblicità per alcune delle squadre di calcio più importanti d’Europa, nonché per le squadre di rugby o per gli US Open di tennis.

Camerun, Egitto e Guinea Equatoriale

  • Questi tre paesi sono stati recentemente ospiti di Coppa delle Nazioni Africane, L’evento sportivo più seguito del continente.
READ  Nuovi scandalosi audio di Florentino Perez: commenti forti contro Mesut Ozil

Kazakistan

  • istituito dal governo attraverso diverse società pubbliche, Astanal’antico nome della capitale kazaka, dal 2007 è una delle squadre principali dei suoi grandi tour ciclistici, guidata da personaggi come Contador, Armstrong o Nibali.

Brasile

  • Rio de Janeiro ha ospitato la Coppa del Mondo 2014 e Rio de Janeiro ha ospitato i Giochi Olimpici due anni dopo come segno del decollo del paese. Tuttavia, i problemi di sicurezza sono peggiorati durante le due date, sono stati effettuati sgomberi e le proteste contro entrambi gli eventi sono state represse violentemente.

mappa globale della lavanderia

Comitato Olimpico Internazionale, FIFA, Società di Calcio: “Spugna Lavatrice Sportiva”

Come dicevamo, perché questo sbiancamento avvenga, sono assolutamente necessari i paesi che vogliono nascondere il loro primato sui diritti umani, così come le organizzazioni sportive internazionali (leggi il CIO, la FIFA, gli organizzatori della Formula 1, ecc.) e le grandi squadre che vogliono diventare “spugna” per lavare la sua immagine. Questi sono alcuni dei principali candeggina, ma c’è sicuramente di più.

Spagna

  • La Federcalcio spagnola ha disputato due volte la Supercoppa in Arabia Saudita, un accordo che durerà fino al 2029 in cambio di quasi 30 milioni di euro per celebrazione. Da diversi anni Emirates Airlines è uno dei principali sponsor del Real Madrid, mentre l’FC Barcelona è sponsorizzato da Qatar Foundation e Qatar Airways.

Un fondo saudita ha acquisito la squadra della Premier League inglese, il Newcastle.

Una vista esterna dello stadio prima della partita della Premier League tra Newcastle United e Wolverhampton Wanderers al St James’ Park il 27 febbraio 2021 a Newcastle upon Tyne, in Inghilterra. © Jack Thomas – WWFC / Lupi tramite Getty Images

Regno Unito

  • Il Manchester City è nelle mani di uno sceicco degli Emirati Arabi Uniti dal 2008, mentre un’altra squadra della Premier League, il Newcastle, è stata recentemente acquistata da un fondo saudita. Dal canto suo, l’Arsenal, uno dei grandi della Premier League inglese, gioca da anni all’Emirates Stadium.

Francia

  • Dal 2012, lo Stato del Qatar controlla il 100% del Paris Saint-Germain attraverso un fondo di investimento. La squadra parigina ha riunito negli ultimi anni molti dei migliori giocatori del mondo grazie alle notevoli spese del girone nazionale.

Nuova Zelanda

  • Emirates è lo sponsor principale della barca neozelandese che ha vinto le ultime due edizioni dell’America’s Cup, la cosiddetta vela di Formula 1.

__________________

Informazioni aggiuntive