Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali sono le possibilità che i bambini soffrano di COVID per periodi prolungati, secondo un recente studio internazionale

Tra il 25% e il 58% dei bambini aveva PCC mesi dopo la malattia acuta e la sua incidenza non era correlata alla gravità della malattia.

Sintomi persistenti, nuovi o ricorrenti, come ad es Situazione post-COVID-19 (PCC, Per il suo acronimo in inglese), come lo chiamava l’Organizzazione Mondiale della Sanità, si verifica in un tasso elevato dopo il recupero dall’infezione con il virus. Sebbene sia un fenomeno ben descritto tra gli adulti, la preoccupazione per i PCC nei bambini è in aumento.

Anche tra gli adulti, i medici dovrebbero prestare attenzione nell’attribuire i PCC dopo COVID-19 a SARS-CoV-2, poiché la ricerca ha più fortemente associati sintomi fisici persistenti con l’infezione da COVID-19 auto-riferita, ma con sierologia negativa, piuttosto che con infezione confermata.

Le condizioni post-COVID-19 tra i bambini rimangono scarsamente descritte. I primi rapporti lo stimavano Tra il 25% e il 58% dei bambini aveva PCC mesi dopo la malattia acuta e la sua insorgenza non era correlata alla gravità della malattia. Ora, in un recente studio pubblicato in La rete JAMA è apertascienziati Valutazione dei casi di malattia post-coronavirus nei bambini a 90 giorni dall’infezione da COVID-19.

“Abbiamo scoperto che in alcuni bambini, COVID-19 è associato alla segnalazione di sintomi persistenti dopo 3 mesi”,

Autori Guida e supervisione consigliate per i bambini SARS-CoV-2 positivo, in particolare coloro che sono ricoverati in ospedale con molteplici sintomi gravi e gli anziani. ha detto Anna Funk, una professionista del reparto pediatrico di Cumming Scuola di Medicina appartenente al L’Università di Calgary in Alberta, Canadaprimo autore dello studio.

“Abbiamo scoperto che in alcuni bambini, il COVID-19 è associato a una segnalazione di sintomi persistenti dopo 3 mesi. I nostri risultati indicano che sono necessari una consulenza e un follow-up appropriati, soprattutto per i bambini a rischio di infezione prolungata da MERS-CoV”. Stefano Freeman dalla stessa istituzione.

Lo studio ha incluso pazienti di 36 dei 39 reparti di emergenza (DE) nello studio Children's COVID-19 Emergency Research Network (Getty Images)
Lo studio ha incluso pazienti di 36 dei 39 reparti di emergenza (DE) nello studio Children’s COVID-19 Emergency Research Network (Getty Images)

I ricercatori hanno effettuato a Analisi di coorte prospettica multinazionale Stimare la proporzione di bambini con infezione da SARS-CoV-2 con condizioni successive, definite come qualsiasi problema di salute persistente, nuovo o ricorrente riportato nell’indagine di follow-up di 90 giorni.

READ  La dieta e l'esercizio fisico possono ridurre il rischio di demenza?

Hanno confrontato la prevalenza dei casi post-COVID-19 tra i bambini che si presentano con la malattia, suddivisi per stato di ricovero, con un gruppo abbinato di bambini negativi. I ricercatori hanno anche identificato e valutato i fattori di rischio associati ai casi post-COVID-19 in questo gruppo.

Lo studio ha incluso pazienti provenienti da 36 dei 39 reparti di emergenza (DE) nello studio Children’s COVID-19 Emergency Research Network. I partecipanti sono stati reclutati tra il 7 marzo 2020 e il 20 gennaio 2021 presso 8 paesi: Argentina, Canada, Costa Rica, Italia, Paraguay, Singapore, Spagna e Stati Uniti.

"Uno specialista ha affermato che la vaccinazione contro il COVID-19 riduce il rischio di sviluppare la sindrome infiammatoria multisistemica e il COVID per periodi prolungati
Uno specialista ha affermato: “La vaccinazione contro COVID-19 riduce il rischio di sindrome infiammatoria multisistemica e COVID prolungato”.

I partecipanti idonei sono inclusi Ragazzi sotto i 18 anni Coloro che sono stati sottoposti a test SARS-CoV-2 nei PS partecipanti a causa di sintomi o fattori di rischio epidemiologici. Partecipanti effettivi Comprendeva 1.884 bambini infetti da SARS-CoV-2 che hanno completato un follow-up di 90 giorni. Di questi, la frequenza di 1.686 bambini è stata confrontata con lo stato di ricovero, il paese e la data di ricovero. Reclutamento, con 1.701 controlli negativi.

Sono stati arruolati un totale di 8.642 bambini, di cui 2.368 (27,4%) sono risultati positivi. L’età media dei 1.884 che hanno completato il follow-up era di 3 anni ed erano prevalentemente (52,8%) maschi. 110 bambini infetti da SARS-CoV-2 (5,8%) hanno riportato casi successivi, inclusi 44 dei 447 bambini che sono stati ricoverati in ospedale durante una malattia acuta (9,8%) e 66 dei 1.437 bambini che non sono stati ricoverati (4,6%).

110 dei bambini infettati da SARS-CoV-2 (5,8%) hanno riportato casi successivi, inclusi 44 dei 447 bambini che sono stati ricoverati in ospedale durante una malattia acuta (9,8%) e 66 dei 1.437 bambini che non sono stati ricoverati in ospedale (4,6%) ( Getty immagini
110 dei bambini infettati da SARS-CoV-2 (5,8%) hanno riportato casi successivi, inclusi 44 dei 447 bambini che sono stati ricoverati in ospedale durante una malattia acuta (9,8%) e 66 dei 1.437 bambini che non sono stati ricoverati in ospedale (4,6%) ( Getty immagini

Sintomi simili sono stati segnalati dal 5% dei bambini abbinati ricoverati in ospedale senza infezione da SARS-CoV-2 e dal 2,7% dei bambini abbinati non ricoverati in ospedale senza infezioni. I più comuni tra i bambini positivi erano affaticamento o debolezza (1,8%), distress respiratorio, tosse, mancanza di respiro o mancanza di respiro (2%). Stanchezza e debolezza sono state le condizioni post-COVID-19 più comuni in generale.

READ  Intersezioni tra salute e medici secondo il diritto delle professioni sanitarie

Molteplici caratteristiche sono state associate a un rapporto Almeno un caso dopo l’infezione e fino a 90 giorni dopo l’infezioneinclusa una degenza in ospedale per 48 ore o più, riportando 4 o più sintomi alla visita iniziale per ED e hai 14 anni o più.

I bambini infetti da SARS-CoV-2 avevano maggiori probabilità di riportare casi successivi rispetto a quelli risultati negativi, indipendentemente dal ricovero.. È stato riscontrato che la positività al SARS-CoV-2 è associata alla successiva segnalazione di casi dopo una visita al pronto soccorso, in particolare a problemi di salute sistemici, come affaticamento, debolezza e febbre.

I più comuni tra i bambini positivi erano affaticamento o debolezza sistemica (1,8%), respirazione e tosse e mancanza di respiro o dispnea (2%) (Reuters/Peter Nichols)
I più comuni tra i bambini positivi erano affaticamento o debolezza sistemica (1,8%), respirazione e tosse e mancanza di respiro o dispnea (2%) (Reuters/Peter Nichols)

Circa il 10% dei bambini ricoverati in ospedale con infezione acuta da SARS-CoV-2 e il 5% di quelli dimessi dal pronto soccorso riferiscono casi di malattia dopo 90 giorni.. Sebbene questi tassi fossero solo leggermente superiori ai tassi tra i controlli negativi, gli autori sperano che questi risultati possano informare le decisioni di politica sanitaria pubblica riguardanti le strategie di mitigazione del COVID-19 pediatrico e gli approcci di screening per le condizioni successive tra quelli con infezioni gravi.

questo studio È il primo a esplorare le condizioni post-COVID-19 tra i bambini Cerca assistenza al pronto soccorso.

Lo ha indicato un altro studio noto lo scorso maggio su 80.071 bambini con COVID-19 Il 25% ha sviluppato sintomi che sono durati almeno da 4 a 12 settimane o ha sviluppato nuovi sintomi persistenti entro 12 settimanei ricercatori hanno riferito sulla piattaforma MedRxiv, che è ancora in attesa di revisione tra pari. La revisione degli studi è stata condotta da Carol Perelman, della National Autonomous University of Mexico, dalla direttrice spagnola Sonia Villabol, del Weill Cornell Medical College negli Stati Uniti, e da altri ricercatori dagli Stati Uniti, dal Messico e dal Carolina Institute in Svezia.

Il 25% ha sviluppato sintomi che sono durati da 4 a 12 settimane o ha sviluppato nuovi sintomi persistenti entro 12 settimane (Getty Images)
Il 25% ha sviluppato sintomi che sono durati da 4 a 12 settimane o ha sviluppato nuovi sintomi persistenti entro 12 settimane (Getty Images)

dal consiglio di amministrazione Società Argentina di Pediatria d. Elizabeth Bogdanovich ha detto a Infobae “Bambini e adolescenti possono essere infettati dal virus Corona per lunghi periodi, La sindrome è ancora allo studio. La vaccinazione contro COVID-19 riduce il rischio di sindrome infiammatoria multisistemica e COVID prolungato..

READ  "Mi vedo fare questo per tutta la vita"

Continuare a leggere

COVID prolungato nei bambini: quali sono i sintomi e cosa consigliano gli esperti?
COVID prolungato nei bambini: gli scienziati forniscono indicazioni su come trattare la malattia
COVID-19 prolungato nei bambini e negli adolescenti: fatti e dubbi di recensioni scientifiche