Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali sono le cinque città con il più alto aumento degli affitti al mondo, che stanno diventando troppo care anche per i più ricchi?

L’appartamento di Grosby a Manhattan

Dopo la fine delle restrizioni imposte dalla pandemia globale e dei controlli tra Paesi, gli affitti delle abitazioni private sono aumentati del 10,2% in cinque grandi città del mondo nel terzo trimestre del 2022 rispetto al 2021.

Lo indica l’ultimo rapporto Knight Frank Prime Global Rental Index, pubblicato trimestralmente durante il monitoraggio degli affitti residenziali di lusso in 10 città.

Delle città analizzate dalla società di consulenza immobiliare, solo due – Hong Kong e Auckland – hanno registrato un calo dei prezzi degli affitti di lusso, secondo Business Insider.

In particolare, “la posizione finanziaria di Hong Kong è stata colpita dalle restrizioni dovute alla pandemia, mentre l’offerta è stata forte nel settore immobiliare di lusso di Auckland”, ha scritto Knight Frank nel suo rapporto.

Per quanto riguarda “l’aumento apparentemente continuo degli affitti in altre città, ci sono buone notizie. Il tasso di crescita sta rallentando: l’aumento degli affitti del 10,2% è in calo rispetto all’11,9% registrato da Knight Frank nel secondo trimestre dell’anno”.

Le prime cinque posizioni sono:

-New York, che “si è ripresa dall’epidemia e gli affitti sono saliti alle stelle”.

E in questo caso, “l’aumento del prezzo degli affitti nel terzo trimestre rispetto all’anno precedente è stato del 31,3%, così New York guida la classifica mondiale per il terzo trimestre consecutivo.

“Sebbene l’aumento del 31,3% sia stato inferiore al picco del 39% registrato nel secondo trimestre, gli affitti sono rimasti elevati a causa della carenza di scorte e della continua domanda”, ha affermato Kate Everett-Allen, responsabile della ricerca residenziale internazionale di Knight Frank.

L'appartamento di Grosby a Manhattan
L’appartamento di Grosby a Manhattan

“Il numero di proprietà disponibili per l’affitto a Manhattan è diminuito del 5% rispetto al trimestre precedente ed è diminuito del 65% da settembre 2020.”

“Gli affitti sono aumentati a New York mentre la città si riprende dalla pandemia, uno sviluppo che ha fatto preoccupare alcuni inquilini per i contratti di locazione in scadenza”, ha osservato BI.

Singapore: i prezzi sono aumentati grazie alla forte domanda dopo la riapertura dei confini.

– Variazione dei canoni nel terzo trimestre rispetto allo scorso anno: 22,9%.

“L’apertura delle frontiere, insieme all’introduzione di nuovi visti per attrarre i migliori talenti da tutto il mondo, ha portato a un boom della domanda”, ha detto Everett Allen di Singapore.

“La domanda è aumentata a causa della migrazione e delle persone che hanno bisogno di alloggi temporanei mentre aspettano che la costruzione sia completata nelle loro case dopo che la costruzione è stata interrotta a causa della pandemia”.

“Anche i giovani, che tradizionalmente vivono con le loro famiglie fino al matrimonio, cercano un affitto a causa dell’aumento del lavoro a distanza”.

Secondo l’indice ufficiale dei prezzi degli immobili residenziali privati, i prezzi degli immobili residenziali sono aumentati anche a Singapore nei tre trimestri di quest’anno.

READ  "Giornata della libertà": da oggi il Regno Unito ha revocato le restrizioni a causa della pandemia, quindi Boris Johnson ha chiesto cautela

Per frenare il mercato tra le incerte prospettive economiche globali, il governo di Singapore ha introdotto nuove regole che limitano per 15 mesi la possibilità dei venditori di proprietà residenziali private di acquistare un appartamento sovvenzionato dal governo, aumentando la domanda di immobili in affitto.

Si prevede che gli affitti nel mercato immobiliare residenziale privato di Singapore continueranno ad aumentare nel 2023, ma a un ritmo più lento dal 13% al 16% nel 2023, passando dal 26% al 29% nel 2022, a causa di un aumento del numero di case che entrano messa in servizio.Secondo la società immobiliare Orange Tea.

-Londra: I prezzi sono aumentati di quasi il 19% nel bel mezzo della crisi inflazionistica.

La variazione dei prezzi degli affitti nel terzo trimestre rispetto allo scorso anno è stata del 18,6%.

Forte aumento dei prezzi degli appartamenti a Londra Reuters
Forte aumento dei prezzi degli appartamenti a Londra Reuters

Secondo Knight Frank, “Il terzo trimestre riflette un rallentamento rispetto ai picchi degli affitti estivi a Londra, con prezzi in aumento del 19% nel terzo trimestre e del 27% nel secondo”.

“L’aumento degli affitti ha reso la vita miserabile per i londinesi, con alcuni che affrontano aumenti fino al 60%”, secondo una ricerca di The Guardian.

Tuttavia, “il governo del Regno Unito ha dichiarato di non sostenere il controllo degli affitti in quanto scoraggerebbe gli investimenti nel settore”.

-Toronto: “Gli affitti sono favoriti dalla forte domanda, poiché i tassi di interesse scoraggiano gli acquisti di case”.

L’aumento dei prezzi degli affitti nel terzo trimestre rispetto allo scorso anno è stato del 14,5%.

Gli affitti a Toronto sono esplosi grazie alla forte domanda poiché i tassi di interesse dissuadono Bloomberg dall'acquisto di case
Gli affitti a Toronto sono esplosi grazie alla forte domanda poiché i tassi di interesse dissuadono Bloomberg dall’acquisto di case

“Gli affitti a Toronto sono stati aumentati dall’aumento dei tassi di interesse, che scoraggia i potenziali acquirenti di case dall’acquisto”, secondo Urbanation, una società canadese di analisi di dati immobiliari, in un rapporto pubblicato a ottobre.

READ  Solo e senza elettricità: la storia di un marinaio che ha trascorso quattro anni intrappolato in una nave

“Ci stiamo avvicinando a quel punto in cui gli affitti stanno diventando impossibili per gli inquilini”, ha dichiarato Sean Hildebrand, Presidente di Urbanation.

-Sidney: Nella città australiana, è in aumento di circa il 9% su base annua, ma il tasso di aumento sta rallentando.

Pertanto, la variazione dei prezzi degli affitti nel terzo trimestre rispetto all’anno precedente è stata dell’8,9%.

Sidney Reuters
Sidney Reuters

“Come in Canada, gli affitti delle case a Sydney sono stati aumentati dai tassi di interesse più elevati e dall’aumento dell’immigrazione in seguito alla riapertura dei confini”, secondo Knight Frank.

“Nel frattempo, l’offerta di case non ha tenuto il passo con la domanda, portando a guerre per gli affitti”, ha riferito News Corp..

“Lo stato del New South Wales, dove si trova Sydney, sta indagando sulla pratica delle offerte di affitto e sta valutando la possibilità di riformare il sistema”, secondo l’outlet.

Continuare a leggere: