Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali paesi hanno più depressione e ansia a causa della pandemia di COVID-19?

L’ansia e la depressione sono state duramente colpite sulla scia della pandemia di COVID-19 iniziata nel 2020 (Getty Images)

un studio Pubblicato venerdì sulla rivista scientifica bisturi indirizzare il La prevalenza globale e il peso della depressione e dei disturbi d’ansia occupazione 204 paesi e territori nel 2020 a causa della pandemia di COVID-19. Ricercatori di diverse università e discipline diverse ma concentrati sulla salute mentale sono giunti alla conclusione che prima dell’anno scorso, I disturbi mentali sono stati le principali cause del carico sanitario globale, e disturbi depressivi e d’ansia sono stati i principali contributori a questo onere. Lo studio ha rivelato che l’America Latina è una delle regioni più colpite a livello globale.

L’emergere della pandemia di COVID-19 ha creato un ambiente in cui sono esacerbati molti determinanti della cattiva salute mentale.. La necessità di informazioni aggiornate sugli effetti del nuovo coronavirus sulla salute mentale in modo da informare le risposte del sistema sanitario è essenziale. in questo studio, Il nostro obiettivo era determinare l’impatto della pandemia sulla prevalenza globale e sull’onere del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia nel 2020.Gli scienziati hanno sottolineato nel documento.

Grafici

Argentina, tra i Paesi più colpiti – in rosso – dalla pandemia di disturbi di salute mentale (Grafica: The Lancet)

Come hanno fatto? Hanno condotto una revisione sistematica dei dati che riportano sulla prevalenza del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia durante la pandemia di COVID-19 e pubblicati tra il 1 gennaio 2020 e il 29 gennaio 2021. A loro volta, hanno indagato. PubMede Google Scholarserver di prestampa, fonti di letteratura grigia e consigli di esperti. Gli studi ammissibili hanno riportato la prevalenza di disturbi depressivi o d’ansia che erano rappresentativi della popolazione generale durante la pandemia di COVID-19 e avevano una linea di base pre-epidemia. Gli autori hanno utilizzato i dati raccolti nella meta-regressione per stimare il cambiamento nella prevalenza del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia tra pre-pandemia e metà pandemia (utilizzando i periodi definiti in ciascuno studio) dagli indicatori di impatto di COVID-19 (Mobilità umana, tasso giornaliero di infezione da SARS-CoV-2 e tasso di mortalità in eccesso giornaliero).

READ  Gli Stati Uniti denunciano l'opacità del piano vaccinale della dittatura di Maduro in Venezuela: "Non bisogna fare affidamento sul Carnet de la Patria"

È così che hanno usato questi modelli per stimare il cambiamento nella prevalenza pre-pandemia per età, sesso e posizione. “Utilizziamo le stime di prevalenza finali e i pesi della disabilità per stimare gli anni in cui le persone vivono con disabilità e gli anni di vita adattati alla disabilità (DALY) per il disturbo depressivo maggiore e i disturbi d’ansia”, hanno spiegato.

Tra gli avvertimenti citati dagli esperti, hanno evidenziato questo Questa pandemia ha creato un bisogno sempre più urgente di rafforzare i sistemi di salute mentale nella maggior parte dei paesi. Le strategie di mitigazione possono includere modi per promuovere il benessere mentale, concentrarsi sui determinanti di una cattiva salute mentale e interventi per curare le persone con un disturbo mentale. Non intraprendere alcuna azione per affrontare il peso del disturbo depressivo e dei disturbi d’ansia non dovrebbe essere un’opzione.

I disturbi mentali sono tra le principali cause del carico sanitario globale (EFE / Brais Lorenzo)
I disturbi mentali sono tra le principali cause del carico sanitario globale (EFE / Brais Lorenzo)

I disturbi mentali sono tra le principali cause dell’onere relativo alla salute globale. Il studio 2019 Onere globale di malattie, lesioni e fattori di rischio (GBD) ha mostrato che i disturbi mentali più disabilitanti erano la depressione e il disturbo d’ansia, entrambi classificati tra le prime 25 cause di carico a livello globale nel 2019.. Questo fardello è stato pesante per tutta la vita, per entrambi i sessi e in molti luoghi. Forse ancora più importante, non c’è stata alcuna riduzione della prevalenza o del carico complessivo di entrambi i disturbi dal 1990, nonostante la schiacciante evidenza di interventi che ne riducono l’impatto.

Secondo gli studiosi, L’emergere della pandemia di COVID-19 nel 2020 in questo contesto ha sollevato molte domande sugli effetti che ne derivano sulla salute mentale attraverso i suoi effetti psicologici diretti e le sue conseguenze economiche e sociali a lungo termine..

READ  Il segreto di una mummia egiziana incinta e il suo trasferimento in Polonia

Tra i principali risultati, notano che 5683 fonti di dati uniche ottenute dalla revisione sistematica, 1674 dopo la selezione dei titoli e degli abstract. Totale, 46 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione per il disturbo depressivo maggiore e 27 per i disturbi d’ansia. La mobilità umana, ovvero i grafici di confinamento, e il tasso giornaliero di infezione da SARS-CoV-2 erano significativamente associati al cambiamento nella prevalenza del disturbo depressivo maggiore e del disturbo d’ansia.

L'emergere della pandemia di COVID-19 nel 2020 in questo contesto ha sollevato molte domande sugli effetti che ne derivano sulla salute mentale (EFE / Domenech Castelló)
L’emergere della pandemia di COVID-19 nel 2020 in questo contesto ha sollevato molte domande sugli effetti che ne derivano sulla salute mentale (EFE / Domenech Castelló)

Dopo aver controllato la mobilità umana e il tasso giornaliero di infezione da SARS-CoV-2, il tasso di mortalità in eccesso giornaliero non è stato associato al cambiamento nella prevalenza del disturbo depressivo maggiore o dei disturbi d’ansia. Ciò era probabilmente dovuto all’elevata relazione lineare tra il tasso di mortalità in eccesso giornaliero e le altre due variabili di impatto di COVID-19, mostrate in carta scientifica.

Hanno evidenziato:Per entrambi i disturbi, ovvero ansia e depressione, le donne sono state colpite più degli uominiI gruppi di età più giovani sono stati più colpiti rispetto ai gruppi di età più avanzata.

“A differenza di altri shock demografici, Il COVID-19 è diventato globale, cambiando molti aspetti della vita della maggior parte, se non di tutta, la popolazione mondiale.. La nostra analisi indica che gli effetti sulla prevalenza e sull’onere del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d’ansia erano significativi., in particolare tra donne e giovani”, hanno concluso più di 50 autori della meta-analisi.

Sulla stessa linea con la pubblicazione di The Lancet, Il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e ministri della salute europei avvisare nei giorni scorsi La pandemia di coronavirus avrà un impatto “a lungo termine” sulla salute mentale della popolazione.

READ  Juan Guaido ha chiesto garanzie per elezioni libere ed eque il 21 novembre in Venezuela

“C’è chiaramente un aumento dei sintomi di ansia in più persone oggi”, Progresso In un’intervista a Informazioni psicologo Marcelo Sitkovic, il direttore medico di INECO. “Dall’inizio dell’epidemia, sono stati osservati quei sintomi che indicano più ansia, con nervosismo o irritabilità. In alcune persone, può anche portare a tachicardia e ad un estremo di attacchi di panico”, ha aggiunto Sitkovic.

Gli esperti concordano sul fatto che sono i bambini che hanno sofferto di più a causa dei vari schemi di reclusione (Getty Images).
Gli esperti concordano sul fatto che sono i bambini a soffrire maggiormente dei vari schemi di reclusione (Getty Images).

Di fronte all’ansia, lo specialista ritiene che si tratti – di fatto – di una risposta emotiva che consente alla persona stessa di confrontarsi con un contesto che non può modificare. Con la pandemia, c’è incertezza sanitaria ed economica ed è normale che i sintomi di ansia aumentino. Il problema è che facendo stretching troppo a lungo le persone iniziano a sentirsi stanche mentalmente“, Considero.

L’ansia comporta l’attivazione dei due sistemi endocrini del corpo umano: da un lato, adrenalina e noradrenalina a breve termine, e dall’altro, il rilascio di cortisolo a medio e lungo termine. Quando si verificano questi cambiamenti, possono verificarsi vari sintomi fisici. Gli esperti di salute mentale suggeriscono diverse linee guida per affrontare l’ansia ed evitare il disagio.

Secondo il dottor Sitkovich, Fai un’attività fisica, come fare una camminata veloce all’aperto e indossare una maschera. Il consiglio dell’Organizzazione Panamericana della Sanità è: “Non usare tabacco, alcol o altre droghe per affrontare i tuoi sentimenti. Se ti senti sopraffatto dalla situazione, parla con un professionista della salute mentale”.

Continuare a leggere: