Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quale vitamina riduce il rischio di cancro

Il recente studio che ha rivelato l’effetto protettivo di questo nutriente.

Un recente studio fornisce nuove certezze sul ruolo di Vitamina D nel blocco cancro.

Il sondaggio è stato condotto tra l’Università della Finlandia orientale e l’ospedale universitario di Kuopio e pubblicato sul sito web Ricerca sul cancro della pelle.

Come dice la nota del sito web Notizie mediche oggila conclusione principale del lavoro è stata questa Le persone che assumevano regolarmente un integratore di vitamina D avevano un rischio inferiore di sviluppare il melanoma, una forma molto comune di cancro della pelle, rispetto a coloro che non assumevano un integratore di vitamina D.


Il salmone contribuisce alla formazione della vitamina D.

per questo provaSono stati osservati 498 adulti finlandesi, uomini e donne di età compresa tra 21 e 79 anni. Questo kit è stato scelto da un team di dermatologi a causa del suo alto rischio di cancro della pelle, come il melanoma, il carcinoma a cellule squamose o il carcinoma a cellule basali.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base alla loro regolarità nell’assunzione dei suddetti integratori: nessun beneficio, uso occasionale o uso regolare.

Da lì, hanno cercato di determinare se questo tipo di composto fosse collegato a livelli elevati di vitamina D nel sangue, noto come Siero di calcidiolo o 25-idrossi-vitamina D3, che è la “forma di deposito” della vitamina D nel corpo.

Sulla base dei risultati, il dott. Arup K. Indraprofessore di farmacologia all’Oregon State University, che non era coinvolto nello studio, lo ha suggerito La vitamina D può proteggere dallo stress ossidativo e dai danni al DNA legati al rischio di cancro.

READ  Ambito futuro del mercato Medicina dello sport per segmenti chiave, dimensione di crescita, tendenze emergenti e previsioni fino al 2030 || Impatto cumulativo di COVID-19

Ha anche affermato che questo nutriente “può essere coinvolto nella modulazione dell’immunità”.

L'esposizione alla luce solare controllata favorisce la formazione di vitamina D.
L’esposizione alla luce solare controllata favorisce la formazione di vitamina D.

Comunque, il dottore Kim MargolinIl John’s Cancer Institute di Santa Monica, anch’egli non coinvolto nello studio, ha dichiarato il contrario. a lei, “È quasi impossibile credere che un singolo nutriente possa avere un effetto statisticamente significativo e clinicamente rilevante sullo sviluppo di una malattia che richiede molti input diversi.“.

Come ottenere la vitamina D

“secondo La vitamina D naturale è prodotta dalla pelle in risposta alla luce solare, riducendo l’esposizione alla luce ultravioletta.La prevenzione del cancro riduce la quantità di vitamina D che il corpo produce naturalmente, il che può portare alla necessità di integrazione.L’oncologo Kim Margolin ha aggiunto.

A questo punto è bene precisare che per la sintesi della vitamina D sono necessari solo 15 minuti al giorno di esposizione diretta, senza protezione solare, su alcune parti del corpo nei tempi consigliati.

anche, Margolino Dettagli sul consumo di determinati alimenti come un altro modo per ottenere la vitamina D. Si parla anche di predisposizione genetica a valori alti.

Guarda anche