Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qual è la situazione con il Covid-19 e le restrizioni di viaggio in altri paesi dell’UE?

Il Portogallo ha riaperto i suoi confini ai turisti dell’Unione Europea e del Regno Unito solo un mese fa.

Il mese scorso, il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno raggiunto un accordo di principio per fornire la certificazione Covid-19 per facilitare i viaggi estivi sicuri attraverso il blocco.

Diversi paesi hanno già iniziato a emettere certificati di viaggio digitali dell’UE, che saranno disponibili in tutti gli Stati membri il 1° luglio.

Il 17 maggio il Portogallo, una delle principali destinazioni turistiche d’Europa, ha riaperto ai viaggiatori.

All’arrivo, tutti i passeggeri di età superiore ai 20 anni devono presentare un risultato negativo del test Covid-19, sia PCR che antigene rapido, e sottoporsi a screening sanitario negli aeroporti.

Le misure di salute pubblica come l’uso di mascherine, il distanziamento sociale e l’igiene delle mani rimangono in vigore in tutti i luoghi pubblici in Portogallo.

Luoghi e ristoranti devono chiudere alle 22:30. m.

A Lisbona, in mezzo all’aumento dei casi di Covid-19 negli ultimi giorni, sono state prese altre misure. Chi ora vive in città non può uscire tra le 15:00. pm il venerdì e le sei del mattino il lunedì.

Prima dell’epidemia di Lisbona, il Portogallo aveva uno dei tassi di infezione da virus più bassi dell’Unione europea.

Giovedì sono stati confermati 1.233 nuovi casi in Portogallo, la maggior parte dei quali nella capitale.

Il capo del governo spagnolo, Pedro Sanchez, ha dichiarato che l’uso obbligatorio delle mascherine nei luoghi pubblici all’aperto terminerà alla fine di questo mese. Foto del file: Pablo Blazquez Dominguez/Paul tramite Associated Press

La Spagna, insieme ad altri paesi che dipendono fortemente dall’industria del turismo come Portogallo, Italia e Grecia, hanno lavorato in modo aggressivo per introdurre i certificati di viaggio nell’Unione Europea e hanno già iniziato a emetterli.

READ  Majo Martino, furioso con Martín Salwe dopo aver ricevuto un voto a El Hotel de los Famosos

Pertanto, il Paese ha riaperto ai turisti che sono stati vaccinati almeno 14 giorni prima del viaggio, o che possono presentare un risultato negativo del test Covid-19 o dimostrare di aver sconfitto il virus negli ultimi sei mesi.

Le infezioni da Covid-19 in Spagna sono ora al livello più basso dall’agosto 2020 e la scorsa settimana nel Paese sono stati somministrati circa 3,5 milioni di vaccini.

Domenica, la Francia solleverà il coprifuoco Covid-19 in vigore dalla fine dello scorso anno.

Come la Spagna, la Francia impone una rigorosa politica di indossare la maschera, anche per le persone all’aperto.

Ciò dovrebbe iniziare un po’ all’inizio della prossima settimana, anche se probabilmente rimarrà sui trasporti pubblici e nelle aree affollate in cui non è possibile garantire il distanziamento sociale.

Giovedì la gente attraversa gli Champs Elysees a Parigi. Mercoledì, la Francia ha allentato diverse restrizioni Covid. File immagine: AP Photo / Michel Euler

Il governo francese ha annunciato che dal 22 giugno aggiornerà le sue politiche di viaggio online con il certificato digitale Covid dell’Unione Europea, il che significa che le persone potranno entrare nella provincia con la prova della vaccinazione, un risultato negativo della prova o la prova della guarigione del virus .

I casi di Covid-19 in Francia sono diminuiti drasticamente da metà aprile, con 2.786 nuovi casi segnalati giovedì.

Il Belgio ha già lanciato il passaporto digitale Covid.

Il paese ha iniziato a ritirare molte restrizioni dall’inizio di giugno. Caffè e ristoranti in Belgio ora consentono di mangiare al coperto per un massimo di quattro clienti per tavolo.

Giovedì 493 nuovi casi sono stati confermati in Belgio, in calo rispetto al massimo di 9.065 alla fine di marzo.

READ  Vernica Lozano è scoppiata in lacrime quando ha ricevuto un certo regalo

La Germania ha visto di recente una diminuzione dei casi confermati di Covid-19.

Giovedì, per la seconda volta dallo scorso settembre, sono stati segnalati meno di 1.000 casi.

A livello nazionale, il tasso di infezione è di poco inferiore a 50 ogni 100.000 persone a settimana.

Circa il 51% della popolazione tedesca ha ricevuto almeno un vaccino e il paese ora somministra più di 800.000 vaccini al giorno.

Berlino, che ha visto la maggior parte dei casi confermati del paese nelle ultime settimane, ha revocato diverse restrizioni di vecchia data sugli incontri al chiuso e all’aperto.

La Germania ha già iniziato a emettere certificati digitali Covid prima dell’adozione dello schema da parte dell’Unione europea dal 1 luglio, con oltre un milione di certificati presentati finora.

Le restrizioni in Italia sono variate da regione a regione durante la pandemia.

Le regioni italiane sono classificate come “bianche”, “gialle”, “arancioni” o “rosse”, a seconda della prevalenza di Covid-19 in ciascuna.

Non ci sono regioni nelle categorie rosso o arancione.

I turisti a piedi vicino al Campanile di San Marco a Venezia, Italia, giovedì.  File immagine: PA
I turisti a piedi vicino al Campanile di San Marco a Venezia, Italia, giovedì. File immagine: PA

Tuttavia, le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Bolzano, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta sono tutte nella regione “gialla”, con coprifuoco da mezzanotte alle 5 del mattino, e gli spostamenti fuori regione sono consentiti solo in alcuni casi.

Altre aree del Paese sono tutte aree “bianche” dove le uniche vere misure di salute pubblica in atto sono il distanziamento sociale e l’uso di mascherine al chiuso e all’aperto.

L’Italia, uno dei paesi che ha fatto pressioni per ottenere un certificato digitale Covid dall’Unione Europea, ha già iniziato a rilasciare i permessi.

READ  Il primo trailer del film Pinocchio diretto da Guillermo Del Toro per Netflix

La Grecia, altro Paese che fa affidamento sull’industria del turismo, ha già iniziato a rilasciare certificati Covid.

Il paese ha riaperto ai turisti a maggio.

Caffè, bar e ristoranti sono aperti, anche se devono essere chiusi entro le 12:30.

I visitatori che indossano maschere per il viso salgono sulla collina dell'Acropoli, con il Partenone sullo sfondo di Atene.  File immagine: AP Photo / Thanassis Stavrakis
I visitatori che indossano maschere per il viso salgono sulla collina dell’Acropoli, con il Partenone sullo sfondo ad Atene. File immagine: AP Photo / Thanassis Stavrakis

Anche le spiagge e i siti turistici sono completamente aperti e accessibili, anche se tutti devono praticare il distanziamento sociale.

Il governo greco prevede di dichiarare sicure entro la fine di giugno 80 delle sue isole, dove si trova la maggior parte delle principali aree di villeggiatura.

Giovedì in Grecia sono stati confermati circa 546 nuovi casi di virus, in aumento rispetto a oltre 4.000 casi all’inizio di aprile.

Attualmente, i turisti stranieri provenienti da paesi con un basso tasso di Covid-19 possono entrare nei Paesi Bassi.

Venerdì, il primo ministro olandese Mark Rutte ha annunciato un ulteriore allentamento delle restrizioni nel Paese dal 26 giugno.

La mitigazione è ora possibile, ha affermato, grazie al successo del lancio del vaccino nel Paese.

Il governo polacco ha anche iniziato a rilasciare permessi di viaggio ai viaggiatori che possono dimostrare di essere stati vaccinati o guariti dal coronavirus.

Gli altri arrivi devono presentare un risultato PCR negativo o un risultato del test rapido dell’antigene entro 48 ore dall’arrivo.

Il 26 giugno in Polonia è prevista la riapertura di istituzioni culturali, ristoranti, gallerie di intrattenimento, trasporti pubblici, impianti sportivi, discoteche e palestre con varie restrizioni o al massimo della capacità.