Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Puzzle di serpente azteco a due teste

“Mostra eccezionale per un centesimo. Aztechi! Una tribù di umani scoperta di recente. Gli unici aztechi che abbiano mai fornito uova civilizzate. Sponsorizzato dalla regina Vittoria, dalla famiglia reale e dalla corte di Gran Bretagna, il 4 luglio 1853, a Buckingham Palace. Maximo e Bartola, erano una coppia sposata” Sono stati scoperti nella sconosciuta città di Examaya, in Centro America”, e facevano parte della moda che, infatti, era di gran moda in Inghilterra da decenni.


Leggi anche

Jose Leon Cano

Fino al ventesimo secolo, infatti, la percezione prevalente della cultura messicana era semplicemente una stranezza coloniale. Quindi, all’interno della metà del circo “Aztecamanía” del XIX secolo, dall’antiquariato ai vivi si mescolava. Si dice anche che i gioiellieri e le celebrità di Ponte Vecchio abbiano smantellato pezzi precolombiani a Firenze per riutilizzare i loro materiali preziosi. Era l’unico valore che si vedeva in loro.

Con eccezioni, come alcune delle esplorazioni di Humboldt all’inizio del diciannovesimo secolo, l’arte azteca iniziò a essere presa sul serio in Europa solo quando quel secolo stava per scadere. Nel Regno Unito, alla fine dell’era vittoriana, come risultò allora che anche il più prestigioso British Museum voleva raccogliere una collezione di questa eredità.

Origine non confermata

Lo stabilimento a tale scopo acquistò, nel 1894, un curioso pezzo da una dama di compagnia Margherita di Savoia, che la Regina oggi ricorda per la pizza che porta il suo nome. La duchessa Massimo, come la seconda consorte di Umberto I, apparteneva all’aristocrazia più corrotta nella scarpa. Era il Doria-Pamphili, come il palazzo che ospita la più bella galleria d’arte privata di Roma. Tuttavia, è stato un peccato che la fortuna sia diminuita a causa del divorzio precoce e dei parenti inclini al gioco d’azzardo e allo spreco.

La regina Margherita con il principe Vittorio Emanuele.

La regina Margherita con il principe Vittorio Emanuele.

dominio pubblico

Il serpente a due teste, uno dei tesori per antonomasia della civiltà azteca e grande protagonista dell’Esposizione Messicana del British Museum, potrebbe provenire da questa origine. La duchessa Massimo l’avrebbe venduta per contanti. Ma lo avrebbe fatto tramite intermediari affinché il suo illustre titolo non fosse disperso.

Già nel 1892, un mercante londinese offrì a un “misterioso gentiluomo d’Italia” un manufatto mexica per trecentocinquanta sterline. All’epoca era enorme, quindi il museo ha detto di no. Due anni dopo, l’operazione è stata chiusa, ora tramite il Christie’s Fund. La duchessa voleva centoventi sterline, ma doveva accontentarsi di cento.

READ  Elementi globali del mercato della medicina acustica sostenibile 2021-2026 | Zetruz

A che serve?

Il suo uso originale è sconosciuto, ma due fori nel cedro sul retro indicano che potrebbe essere stato un piatto pettorale. Lo stesso Montezuma potrebbe aver indossato questo gioiello al collo durante i rituali formali. Sebbene il mosaico portatile del serpente a due teste (alto 20,30 cm, largo 43,30 cm e profondo 5,90) sia circondato da misteri, sono anche molti i fatti che emergono dal suo esame. La sua doppia testa, simbolo già presente nell’arte Maya, indica la connessione tra cielo e terra. Solo il Sovrano Supremo o il Sommo Sacerdote poteva accedere a uno strumento di questo potere.

Ex direttore del British Museum, autore di un libro Bestseller Storia del mondo in 100 articoli, Grazie al serpente a due teste di un altro personaggio. Neil MacGregor lascia la porta aperta poiché gli splendidi mosaici turchesi potrebbero essere stati portati nell’istituto da Henry Christie, fondatore del suddetto patrimonio. Banchiere, ardente collezionista – benefattore, appunto, di molte delle gemme del museo – e associato alla scoperta dell’uomo di Cro-Magnon, postumo, l’etnologo e archeologo inglese proclamò Faith Quaker.

metodo quacchero

Per lei avrebbe incontrato a Cuba nel 1856, dopo aver visitato il Canada e gli Stati Uniti, con un ardente devoto di questa fede, Sir Edward Burnett Taylor. Questa è un’introduzione all’antropologia, e il primo professore della materia nel Regno Unito – dove alla fine del XIX secolo si chiamava ancora “Taylor’s Science” – si unì a un viaggio pianificato da Christie in Messico. Il primo libro classico di Taylor è nato lì Anahuak o Messico, messicani antichi e moderniMentre il suo ricco amico ha ottenuto diversi pezzi da portare in Gran Bretagna. E la pietra meravigliosa è stata trovata in mezzo a loro?

potrebbe essere. È un mistero, e non l’unico che circonda questa figura storica, ed è uno dei soli nove del suo genere conservati al British Museum. I mosaici messicani di turchese costituiscono una categoria così rara che in tutta Europa se ne contano meno di trenta.


Leggi anche

Carlos Carabana

Orizzontale

Un altro aspetto non noto con certezza è come questa creatura sia stata trasferita dall’impero azteco agli spagnoli, secoli prima che riapparisse nella Londra vittoriana. Come è noto, Hernan Cortes ha svolto un lavoro impressionante e tenebroso nelle terre di Montezuma. Scese nella primavera del 1519 con circa settecento uomini e sedici montagne, secondo il conte di Bernal Díaz del Castillo, un partecipante alla spedizione. Solo due anni dopo, lo scorso agosto, solo mezzo migliaio di anni fa, la caduta di Tenochtitlan portò alla caduta dell’Impero azteco.

READ  Risorse di benessere e salute mentale che TikTok mette a disposizione della community degli utenti

regalo doloroso

Molti esperti concordano sul fatto che il serpente a due teste, per la sua squisita fattura e l’indubbio valore materiale e ben conservato, sarebbe stato uno dei doni sontuosi con cui Montezuma tentò di conquistare l’apprezzamento di potenti estranei al loro arrivo guidato da un’incarnazione del dio Quetzalcóatl, come potrebbe essere spiegato da Curtis. Il fatto è che il capo dei conquistatori portò quei doni nel mondo antico, in cui non vedeva altro che curiosità, prima di intraprendere il suo piano. Questa azione salvò inavvertitamente una manciata di cose delicate, tra cui forse un serpente, dalla massiccia devastazione subito dal regno azteco.

tesoro turchese

Dal colore dell’acqua, il turchese indica anche l’eccezionale qualità del lavoro. Proviene dalla parte sud-occidentale degli attuali USA, da cave di grano e di tono di elevata purezza. Né ha salvato l’eccellenza artigianale. Alcune piastrelle sono piccole. Tagliarli, lucidarli e incollarli con resine a base vegetale per farli aderire perfettamente avrebbe richiesto due anni di meticoloso lavoro manuale per gioiellieri professionisti.

I denti aguzzi del serpente, databili dal 1400 al 1521, furono modellati nel tardo postclassico, con crosta bianca e gengive su crosta rossa. Mancano solo due parti. In origine, era caratterizzato da occhi di pirite nera su un guscio bianco, legato con cera d’api, e anche una lingua biforcuta che si muoveva in ciascuna bocca, rendendo il suo aspetto ancora più terrificante.

D’altra parte, non sarebbe una sorpresa che il mosaico abbia suscitato un profondo disgusto per Cortes e la sua famiglia. La cultura locale ruotava intorno alla morte con una grinta e una ruvidezza incomprensibili per questi primi europei. Allo stesso modo in cui ha comportato il sacrificio umano e la crudele sottomissione dei popoli circostanti – come i Mixtechi, un’altra possibile origine di questo misterioso pezzo – è possibile che la loro arte abbia messo a dura prova la loro poesia.

Non c’è alcuna glorificazione epica in esso, nessuna rappresentazione rustica o quasi nulla che non sia una rappresentazione cruda della morte e divinità ugualmente terrificanti, e molte di esse contengono componenti di Ovidio (Particella)CappottoAd esempio il primo, il cranio schiacciante di Tezcatlipoca, un altro turchese nel British Museum.Come esemplari di quest’ultimo, i molti serpenti piumati di Quetzalcóatl, una scultura della dea madre Quatlico, e naturalmente il mosaico del serpente a due teste .

READ  Rapporto sulla salute pubblica sul Coronavirus n. 562

Due culture si scontrano

L’onnipresente presenza dei rettili era dovuta al fatto che gli Aztechi li interpretavano come un simbolo di rinnovamento. In questo senso, il mutamento della sua pelle simboleggia la continuazione della vita e con essa la stessa terra, che, in un ciclo continuo, alterna nascita, mutamento ed estinzione, per fornirgli la sua nutriente fertilità. Ma i conquistatori non vedevano altro che un’ossessione ossessiva per gli insetti demoniaci come Peccato Originale.

Un simile malinteso si è verificato in Europa quando sono arrivati ​​i doni di Cortes, che purtroppo sono stati etichettati con pochi dettagli, complicando la loro successiva identificazione. Il mondo antico spalancò gli occhi con stupore allo sviluppo di questa civiltà inaspettata. La sua produzione artistica era ben lungi dall’essere un’opera selvaggia. Tuttavia, quello stupore era principalmente basato sulla magnificenza. Per gli standard del Rinascimento, queste erano opere molto particolari, lontane dalla rappresentazione realistica ecclesiastica.

Maschera turchese di Tezcatlipoca, XV secolo, orribile teschio di una divinità provvidenziale, anch'essa al British Museum.

Maschera turchese di Tezcatlipoca, XV secolo, orribile teschio di una divinità provvidenziale, anch’essa al British Museum.

Sean Curry/AFP a Getty Images

Albrecht Dürer è stato tra i pochi che hanno saputo intravedere l’intensa carica metaforica e lo splendore estetico di questi aneddoti. L’artista tedesco ha avuto l’opportunità di goderselo in una galleria di Amburgo che faceva parte, già dal 1520, di quella che potrebbe essere considerata una prima ondata di “mania azteca”.

Ma il Sanbenito, semplicemente strano, ha perseguitato l’eredità del Messico per molti altri secoli. Il serpente a due teste, oggi il più particolare nella Sala 27 del British Museum, era ancora incomprensibile alla fine dell’Ottocento, nonostante la moda dei creativi. In effetti, anche la duchessa Massimo scrisse nella sua corrispondenza che il pezzo era in condizioni accettabili, anche se non poteva definirlo bello.

Dai soldi alla celebrità

Anche l’istituzione stessa, il cui denaro si è ingrandito, ha dimenticato per anni nei magazzini l’ormai famoso mosaico turchese. Il British Museum è stato lento nell’osare mostrarlo, quindi lo è sempre stato. Ciò ha richiesto l’evoluzione nell’apprezzamento estetico e nell’apertura ad altre culture che il ventesimo secolo ha portato, con le sue scoperte d’avanguardia e una mentalità più cosmopolita. Solo da allora quest’opera d’ingegno è stata ammirata tanto difficile da digerire, brillante e feroce quanto la civiltà che l’ha partorita e la conquista che l’ha conclusa.

Questo articolo è stato pubblicato nel numero 641 della rivista storia e vita. Hai qualcosa da contribuire? Scrivici a redaccionhyv@historiayvida.com.