Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Punti dose: una breve rassegna della storia dell’Eurovision

Murcia. Benidorm. Quasi tutto è lo stesso a Benidorm. Ci sono meno turisti, ma ci sono turisti. Ci sono pochi lavori in corso, ma i mattoni non dormono mai. Questo centro turistico ha metà benzina, ma questa benzina… che benzina! Più forte dell’esafluoruro di zolfo. Benidorm non finisce, è la nostra identità.

In un altro tempo gemma d’amore, una razza pura ed essenza di Alicante PP, ha inventato il motto “Benidorm è amore”. Un gioco di parole, a intuizioneIl che spiega il magnetismo esercitato dalla città, che vi ritorna sempre, materialmente o letterariamente. Probabilmente a causa di questa forza gravitazionale Festival Internazionale della Canzone di Benidorm, chiamato fino al 2003 il “Festival della canzone spagnola di Benidorm”, che ha iniziato il suo viaggio nel 1959. Questo ritorno è possibile grazie all’accordo di cooperazione firmato da RTVE con la Generalitat Valenciana e il consiglio comunale del comune. Benidorm ospiterà uno straordinario evento musicale – preparandosi – per eleggere il rappresentante della Spagna all’Eurovision 2022.

Festival Internazionale della Canzone di Benidorm

Sedici anni fa, Benidorm amava la musica. Il Benidorm International Song Festival si tiene ogni anno, sempre in estate, dal 1959 al 2006. Il look di questa designazione festiva è ispirato al Festival della Canzone di Sanremo, creato nel 1951. Il festival era un altro strumento di propaganda per Benidorm e Soul Sounds tipico spagnolo.

Pedro Saragozza OrtsIl sindaco della città e promotore del tipo di turismo che formerà la città, ha incontrato lo scrittore e giornalista Carlos Villacorta, direttore dell’ufficio stampa della Segreteria Generale del Movimento, e il giornalista Teodoro Delgado Pomata. Questi tre uomini e la rete televisiva del movimento, che organizzerà il primo concorso, hanno concordato un incontro che fin dal primo momento è stato un successo colossale. Dynamic Duo, Raphael, Bruno Lomas o Julio Iglesias erano tra gli artisti registrati in cartellone. Voci che all’epoca erano considerate personaggi emergenti della canzone leggera spagnola.

READ  Mirtha Legrand ha rivelato la sua età, ha annunciato che sarebbe tornata in TV e ha pianto per Juanita Viale

La transizione ha portato un catalogo musicale più ampio e alternativo e, con esso, una mancanza di interesse per il festival. Dopo diverse edizioni scommesse su voci diverse – Federal Airlines, Social Security, Alphaville – nel 1986, il festival è stato cancellato. Dal 1993 al 2006, il Benidorm International Song Festival si è svolto di nuovo senza dolore, gloria o copertura mediatica.

Storia dell’Eurovision

Le origini dell’Eurovision Song Contest risalgono al Festival di Sanremo. Marcel Bezenson, l’ex presidente di Unione europea di radiodiffusioneHa avuto l’idea di creare un evento musicale che unisse diverse nazioni attraverso la musica. Il 24 maggio 1956 si tenne il primo evento, a cui parteciparono solo sette paesi. Al festival di quest’anno, che si è tenuto a Rotterdam, c’erano 39 partecipanti. Per inciso, il Regno Unito non ha avuto ragione e la Bielorussia è stata declassificata per aver infranto le regole introducendo di nascosto messaggi politici nella loro canzone.

Con la fine della Guerra Fredda si verificò una distensione tra le tensioni diplomatiche. Allo stesso tempo, c’è stato un movimento strategico secondo il quale l’European Broadcasting Union, che è responsabile della ritrasmissione e della produzione del festival, ha assorbito l’Intervention Network, l’organizzazione internazionale per la radio e la televisione per l’Europa dell’Est. I cambiamenti nella mappa politica hanno portato ad un aumento del numero di partecipanti, in particolare con lo scioglimento della Jugoslavia nel 1992. Diversi paesi dell’ex blocco orientale, che partecipavano alla versione del festival prodotta da Intervision, si sono messi in fila per competere.

Sebbene Eurovision inizi con il prefisso “euro”, non ha alcun rapporto diretto con l’Unione europea. Per questo partecipano paesi come Marocco, Israele, Cipro, Azerbaigian, Georgia e Australia.

READ  Lady Gaga e Salma Hayek hanno parlato di 'House of Gucci', il crimine dell'haute couture

La Spagna partecipò per la prima volta nel 1961. In quell’anno, Conchita Bautista Ha ottenuto il nono posto con la canzone Stare con te. Sette anni dopo, Maciel ha mangiato Londra con lui Il lo la. L’anno successivo, la Spagna vincerà ancora grazie a Salomechi ha interpretato io vivo cantando. Nel 1999, il nostro paese è entrato nei cosiddetti “Big Four”, il quartetto che si è qualificato direttamente per la finale, senza dover combattere nella fase di qualificazione per la finale. Nel 2011, l’Italia è entrata a far parte del club ed è stata chiamata – senza sorpresa di nessuno – i “Big Five”. Perché questo trattamento preferenziale? Come al solito, per la buccia. Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Spagna sono i cinque maggiori contribuenti dell’Unione europea al gruppo radiotelevisivo.

Durante i primi episodi della storia dell’Eurovision, ai partecipanti è stato chiesto di cantare nella lingua ufficiale del loro paese – e questo ci ha lasciato con canzoni iconiche come in blu in blu, popolarmente conosciuto come volareInterpretato da Domenico Modogno. I compositori hanno ritenuto che se i giudici potessero comprendere il contenuto, sarebbe stato più facile raggiungere il successo, quindi hanno scelto formule come no no noIntorno agli anni ’80, il dominio della lingua cadde e i poeti lirici furono in grado di comporre liberamente idiomaticamente.

Foto: Cesar/Wikimedia Commons

Eurovision è kitsch Con passaporto internazionale. Al concorso hanno preso parte Conchita Wurst, Paloma San Basilio, Giulio Iglesias, Rafael, Apa, Celine Dion, Al Bano, Romina Bauer, Las Ketchup, Baccarat o Tato, ma anche Franco Battiato e Françoise Hardy. The European Unity Project è scritto sulla base di canzoni e coreografie.

READ  Gloria Cara svela perché non ha condannato il produttore che l'ha offesa - Paparazzi Magazine

Sociologia dopo Eurovision

occupazione Song Empire: Europe and the Nation all’Eurovision Song Contest Daphne Tragaki ammette di non essere un fan dell’Eurovision, ma gode “dell’illusione della canzone dell’annuale Eurovision Grand Prix che attira milioni di appassionati di cinema in altre parti del mondo, che condividono con loro la “passione per la realtà” e l’incredibile “impatto” di esso. Per tutti gli spettatori, Eurovision ha la capacità di catturare la nostra attenzione, di sospendere la nostra percezione. È una festa mediatica che trasforma l’esperienza e la successiva vita della modernità europea in uno straordinario intrattenimento musicale – l’intrattenimento in L’Europa che ogni anno viene creata, contestata e celebrata in musica.(…) Anno dopo anno Siamo invitati a parlare e riflettere sul nostro io europeo / Patriottica nelle interpretazioni delle canzoni troviamo abbagliante, volgare, eccentrico, sentimentale, comico o campy. Tuttavia, siamo felici di partecipare ai sistemi sensuali europei costituiti dai suoni controversi della canzone dell’Eurovision, che ci piaccia o no. Forse perché l’importanza dello spettacolo non è tanto ciò che vediamo quanto ciò che vediamo. Se guardiamo all’Europa, l’Europa guarda anche a noi”.

Nelle parole del sociologo Paul Alatson, “Il vero fenomeno dell’Eurovision è che, nonostante le divisioni politiche e gli scontri culturali, nonché le differenze nei gusti musicali, ha favorito l’integrazione e l’unione europea. È anche relativamente unico nel dare al pubblico televisivo europeo il opportunità di partecipare Allo stesso tempo nell’essere europei e stabilire un risultato, collettivamente, al di fuori della politica dello stato-nazione. E nonostante le continue tensioni politiche, Questo referendum culturale popolare annuale continua a fornire uno spazio di appartenenza e vale chiaramente la pena di cantarlo.“.