Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Proteste in Europa: rivolte in Europa: contadini nei Paesi Bassi, tassisti in Italia, aziende di trasporto in Francia

La crisi economica che sta attraversando l’Unione Europea comincia a farsi tangibile con l’allarme in vari settori e in tutti i Paesi. Le immagini più scioccanti delle ultime ore sono arrivate dai Paesi Bassi.

Sparatoria della polizia olandese

Protesta degli agricoltori nei Paesi Bassi. Foto: EFE

Questa settimana sono iniziate alcune proteste nel settore sul campo contro il governo per una regolamentazione delle emissioni che potrebbe portare alla chiusura dell’attività del 50% dei produttori. I produttori rurali hanno scaricato letame negli uffici del Dipartimento dell’Ambiente, ma questa era la storia se guardiamo agli eventi di ieri sera. La polizia olandese ha sparato agli agricoltori che protestavano e diversi agricoltori sono stati arrestati a Heerenveen.

Le foto si sono ampiamente diffuse sui social network, ma stanno raccogliendo la notizia anche i principali giornali del Paese come De Telegraaf. Alla fine, nessuno è rimasto ferito. Un trattore è stato colpito da un proiettile e tre persone sono state arrestate. Gli eventi sono avvenuti sul pendio dell’autostrada, quando un agente ha aperto il fuoco. Una clip mostra gli agenti che sembrano essere sulla strada con le armi sguainate mentre un trattore e un rimorchio passano davanti a un posto di blocco della polizia.

Non vi è alcuna indicazione di alcun attacco ai clienti. Ora, un’indagine è stata aperta dal National Criminal Investigation Service. Parallelamente, i contadini guidati dall’Aractie hanno denunciato il silenzio del governo e soprattutto il silenzio del ministro competente Christian van der Waal.

I tassisti italiani vogliono entrare in Parlamento


Se andiamo in Italia, i tassisti si arrabbiano. Centinaia di loro hanno saltato le barricate che delimitano il parlamento del governo a Roma e hanno sfidato la polizia nel tentativo di assaltare questa sala con la forza. Lo sciopero è iniziato questo martedì alle 8 e alle 12, un corteo è partito da Piazza della Repubblica per protestare e chiedere il ritiro dell’articolo 10 del bando di gara sull’adeguamento dell’offerta dei servizi alle forme di mobilità realizzate attraverso l’utilizzo di applicazioni web che utilizzare piattaforme tecnologiche per collegare passeggeri e conducenti.

READ  Il prezzo dell'energia elettrica scenderà del 33% e domani sarà di 127,23 €/MWh

Lì, il problema della liberalizzazione di questo settore porta anche a disagio e tutte le critiche si concentrano sull’ingresso di Uber. La protesta è la maggioranza nel Paese, secondo i suoi sindacati al 99%, e per mercoledì è prevista anche una nuova giornata.

In Francia, senza treni

E in Francia sta per scoppiare un’altra ribellione. Il presidente Emmanuel Macron ha dichiarato che “l’economia di guerra” è entrata di fronte al conflitto in Ucraina e questo martedì il gabinetto francese ha approvato una legge sul “potere d’acquisto” che includerà una sezione sulla “sovranità energetica”.

Da SNFC, i suoi lavoratori hanno già annunciato uno sciopero che riguarderà il traffico ferroviario. Sono previste interruzioni sulla maggior parte delle linee e i quattro sindacati rappresentativi della SNCF hanno già comunicato lo sciopero mercoledì. Chiedono salari più alti per far fronte all’inflazione. In programma un incontro tra l’azienda e i sindacati, che si rammaricano di non aver ricevuto un aumento di stipendio dal 2014.

(Informazioni da El Nacional.cat)