Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Proprietà intellettuale: la sfida in sospeso per l’America Latina nonostante il suo contributo economico | Stati Uniti d’America

Situata nel centro del Perù, la città di Huancayo ha dato vita ad Agrobot Robotics, un robot autonomo con testa mobile intercambiabile con visione artificiale e realtà aumentata in grado di operare nelle dure condizioni tipiche della regione, come gelo e parassiti. A migliaia di metri sul livello del mare, il robot può svolgere attività di cura degli ortaggi, coltivazione, irrigazione, potatura, raccolta, nebulizzazione elettrica e irrorazione.

Questa invenzione, sviluppata dagli insegnanti dell’Università Nazionale del Centro del Perù, ha ricevuto a metà giugno un brevetto da Indecopi, un ente governativo che protegge la difesa dei consumatori e della proprietà intellettuale in Perù.

Tuttavia, nonostante il paese sudamericano sia considerato uno dei paesi più imprenditoriali al mondo, questo spirito non si riflette nel maggior volume di invenzioni e brevetti registrati dalle aziende locali. Vale a dire, che oltre a rispettare la registrazione di un brevetto, marchio o disegno industriale, i diritti di proprietà intellettuale sono una base essenziale per lo sviluppo delle attività dell’imprenditoria, dell’innovazione, della scienza, della tecnologia e delle industrie creative.

Secondo lo studio dal titolo “The Economic Contribution of Intellectual Property in Peru, realizzato dal progetto europeo IP Key Latin America e Indecopi, dei 1.472 brevetti concessi tra il 2015 e il 2018, solo il 3% riguarda persone o società nazionali e il 97% stranieri.

“Non ci sono registrazioni di brevetti perché non c’è più un’innovazione tecnologica nazionale e perché l’innovazione che può venire da aziende estere che fanno ricerca e sviluppo e vogliono registrare i propri brevetti nel Paese, non trovano i giusti incentivi per farlo “, afferma Enrique Caveiro, Partner. In compagnia di Hernandez e Peruvian Seiya. Avvocati.

Secondo Cafiero, un altro fattore per il basso tasso di deposito di brevetti in Perù è il fattore regionale. “Il brevetto in Messico o in Brasile è più redditizio per chilometro quadrato perché sono mercati più grandi del Perù. Ci sono eccezioni, come l’Argentina, che nonostante sia un grande paese, ha un paese terribile”. L’obbligo di far rispettare (applicabilità) La proprietà intellettuale è sempre meno rispettata. L’altro è il rischio operativo che dipende da ciascun brevetto”, afferma.

READ  Al via l'asta 5G Millionaire, che sarà vinta da chi non parteciperà | Economia

In generale, la regione latinoamericana non è caratterizzata da un’attività dinamica nel campo dei diritti di proprietà intellettuale. La Copyright Alliance ha recentemente pubblicato l’International Patent and Trademark Index, che valuta la qualità e il livello di protezione dei marchi e dei brevetti in ciascun paese, con i paesi dell’America Latina che ottengono punteggi inferiori rispetto ad altri mercati globali in termini di protezione della proprietà. Diritti di proprietà intellettuale.

L’elenco, che fissa una scala finale di voti da 0 a 1, colloca Messico, Brasile e Uruguay come i tre paesi con il miglior punteggio di protezione del marchio nella regione con un punteggio di 0,69; 0,60 e 0,59, rispettivamente. Nel frattempo, i primi cinque paesi con i migliori punteggi di protezione del marchio sono costituiti dagli Stati Uniti, che hanno un punteggio di 0,87 ed è considerato il paese con la legislazione più completa, seguiti dalla Cina con un punteggio di 0, 86, Austria, Italia e il Regno Unito a 0,73 ciascuno.

Nel caso dei brevetti specifici ha stabilito la classifica su una scala da 0 a 6 e ha posizionato Cile, Messico e Perù tra i primi tre con un punteggio di 4,63; 4,18 e 3,63 rispettivamente.

I risultati dello studio mostrano che il basso livello di sviluppo della conoscenza e della ricerca gioca uno scherzo ai paesi latinoamericani non solo in termini di diritti di proprietà intellettuale, ma anche in materia economica.

Ad esempio, nel caso del Perù, secondo lo studio di IP Key Latin America e Indecopi, i settori intensivi dei diritti di proprietà industriale legati alla protezione dei prodotti, o delle innovazioni in genere, attraverso brevetti, modelli di utilità, disegni industriali e marchi , ha generato una media Il valore aggiunto annuo di S/. 338.754 milioni (~ $ 85.170 milioni), che rappresentano il 55% del PIL dell’economia peruviana, avendo impiegato circa 5,6 milioni di lavoratori (33% dell’occupazione totale), nel 2015-2018.

READ  Esportazioni: la dogana ha fissato valori di riferimento per le pere e le mele

Allo stesso modo, nel periodo analizzato, le aziende che fanno largo uso di proprietà industriale hanno offerto salari del 32% superiori alla media, mentre il contributo al PIL per addetto è stato del 66% superiore alla media.

In Messico, da parte sua, anche IP Key in America Latina ha condotto uno studio e ha stabilito che il contributo delle aziende che proteggono i loro beni immateriali come marchi, brevetti e modelli di utilità, tra gli altri, è stato vicino al 50% del PIL tra il 2010 e il 2019 . Nel frattempo, queste aziende hanno rappresentato oltre il 70% nell’esportazione e nell’importazione di merci.

Ciò è particolarmente importante per comprendere il contributo di questo sistema ai principali indicatori macroeconomici come PIL, occupazione, importazioni, esportazioni e profitti pro capite; Ma anche costruire politiche pubbliche di vari settori del governo centrale, regionale e locale che permettano un maggiore e migliore sfruttamento della proprietà intellettuale nelle aree che hanno il maggior impatto potenziale sul Paese”, ha affermato Hania Pérez de Cuéllar, CEO di Indecopi, dopo il rilascio del rapporto.

Attività commerciale in linea e industrie culturali marchi registrati

Sebbene la mancanza di ulteriore sviluppo e promozione di innovatori e scienziati per cercare e promuovere lo sviluppo delle varie industrie e dell’economia in generale sia un ostacolo alla registrazione di più marchi e brevetti, Enrique Cafiero questo processo non richiede interruzioni significative.

“A volte l’innovazione tecnologica non deve essere accompagnata da grandi scoperte, invenzioni o scoperte. Utilizzando la stessa tecnologia, è possibile apportare miglioramenti ad altre cose. Il concetto di applicazioni esistenti ne è un esempio. È la tecnologia software che supporta un tipo di business o Un’idea imprenditoriale che si adatta bene a questo senso di imprenditorialità che esiste in Perù e in altri paesi della regione”, afferma. “Questa imprenditorialità può essere più tecnica se c’è un’app dietro il lavoro di sviluppo. Devi tornare al business online. Molte persone lavorano tramite WhatsApp perché non conoscono un modo migliore. Le app vengono sviluppate insieme ai progetti. Dalle applicazioni perché non abbiamo più business o perché quelli che abbiamo non sono legati a questo fattore tecnologico, continuiamo letteralmente nel secolo scorso”.

READ  Le vendite di posti a sedere crescono del 23% nei primi quattro mesi dell'anno

Le industrie creative sono un’altra area in cui l’America Latina può eccellere nella proprietà intellettuale. “Questa economia arancione, come la chiamano i colombiani, può muovere milioni di persone. Musica, libri, film, moda e contenuti Internet come Podcast E anche TikTok continuerà ad evolversi e ad essere più innovativo e ad avere diritti d’autore o di proprietà intellettuale, afferma Cafiero.

Pertanto, i paesi dell’America Latina affrontano la sfida di attuare regole del gioco che incoraggino e promuovono l’ulteriore sviluppo e ricerca, ma allo stesso tempo proteggano questa innovazione e abbiano processi semplici che garantiscano l’accesso ai diritti di proprietà intellettuale per le persone e le aziende che beneficiano dei loro economie.