Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Progressi nella comprensione della rotazione meteorologica di Venere

Venere
Una delle più grandi incognite sul comportamento dell’atmosfera di Venere riguarda le poche informazioni su ciò che accade di notte.

Uno dei più grandi misteri riguardanti il ​​clima di Venere è il comportamento notturno della rotazione della sua atmosfera, poiché l’assenza di nuvole e buio rende molto difficile ottenere queste informazioni. Ma ora, secondo quello che dico EurekaAttenzione!I ricercatori hanno escogitato un modo per utilizzare i sensori a infrarossi a bordo di un veicolo spaziale Venere Akatsuki Per rivelare i primi dettagli del tempo notturno del nostro vicino più prossimo. La cosa interessante di questo lavoro è che I loro metodi di analisi possono essere utilizzati anche per studiare altri pianeti, inclusi Marte e giganti gassosi come Giove e Saturno.

Inoltre, questo studio del clima di Venere Potrebbe consentire l’applicazione di metodi per saperne di più sui meccanismi che supportano i sistemi meteorologici del nostro pianetaكوك. La Terra e Venere hanno molte cose in comune. Sono simili per dimensioni e massa, entrambi si trovano all’interno della stessa regione tropicale nota come zona abitabile (che si pensa sia sede di acqua liquida e forse di vita), entrambi hanno superfici solide ed entrambi hanno un’atmosfera ristretta esposta alle intemperie. .

E quindi, Studiare il clima su Venere può aiutare i ricercatori a comprendere meglio il clima della Terra. Per questo, i ricercatori devono monitorare il movimento delle nuvole su Venere durante il giorno e la notte a determinate lunghezze d’onda dell’infrarosso. Finora, il tempo è facilmente accessibile solo da una faccia che guarda in pieno giorno. In precedenza, alcune osservazioni limitate potevano essere fatte di notte tramite infrarossi, ma erano troppo limitate per dare un’idea chiara del tempo generale su Venere.

READ  Questi sono i telefoni cellulari che emettono la maggior parte delle radiazioni

notte dei fiori chiusi

Lo studio è stato sviluppato da Università di TokyoÈ stato pubblicato sulla rivista natura. Per fare ciò, hanno ottenuto informazioni fornite dal Venus Climate Orbiter, Akatsuki, che è stato lanciato nello spazio nel 2010. Questa è la prima sonda giapponese in orbita attorno a un altro pianeta. La sua missione è osservare Venere e il suo sistema climatico con una serie di strumenti di bordo. L’Akatsuki contiene una termocamera a infrarossi che non si basa sulla luce solare per la visione. Tuttavia, questo non potrebbe nemmeno risolvere direttamente i dettagli della parte notturna di Venere, ma ha fornito ai ricercatori i dati di cui hanno bisogno per vedere le cose indirettamente.

Sebbene Venere sia simile alla Terra, la sua rotazione nell’atmosfera è completamente diversa È mal descritto. I venti sono stati misurati nella parte superiore delle nuvole principalmente sul lato diurno. Notevoli deviazioni nella direzione del polo sono state osservate con il monitoraggio delle nuvole diurne e sono state interpretate come dovute alle maree termiche e al turnover cellulare di tipo Hadley. Tuttavia, la mancanza di misurazioni sul lato notturno ad ampie latitudini ha impedito una caratterizzazione conclusiva di queste componenti. In questa ricerca, i dati del vento tracciati dalle nuvole sono stati acquisiti in tutte le ore locali utilizzando immagini termiche a infrarossi scattate dall’orbiter Akatsuki, che sono sensibili a un’altitudine di circa 65 km.

con queste informazioni Flussi notevoli si trovano verso l’equatore sul lato notturno, che si traduce in velocità lineari nulle alla media logica. La struttura della velocità di marea termica è stata determinata senza l’influenza della rotazione di Hadley. Ha scoperto che le maree semi-diurne hanno un’ampiezza abbastanza grande da contribuire al mantenimento della super rotazione dell’atmosfera, che si muove sessanta volte più velocemente della sua superficie. Venere si ruota così lentamente, che un giorno dura 243 giorni terrestri.

READ  La Direzione nazionale per la protezione dei dati personali sta indagando sulla nuova politica sulla privacy di WhatsApp

Pianeta super spin nell’atmosfera

“I modelli di nuvole su piccola scala nelle immagini dal vivo sono deboli e spesso indistinguibili dal rumore di fondo”, spiega il professor Takeshi Imamura, della Graduate School of Frontier Sciences dell’Università di Tokyo. “Per vedere i dettagli, avevamo bisogno di sopprimere il rumore. In astronomia e scienze planetarie, è comune combinare le immagini per farlo, poiché le caratteristiche reali all’interno di una pila di immagini simili mascherano rapidamente il rumore. Tuttavia, Venere è un caso speciale, poiché l’intero sistema meteorologico ruota molto rapidamente بسرعة, quindi abbiamo dovuto compensare questo moto, detto superspin, per far emergere le formazioni interessanti da studiare. Lo studente laureato Keichi Fukuya ha sviluppato una tecnica per superare questa difficoltà”.

atmosfera floreale
La super rotazione dell’atmosfera di Venere fa sì che si muova sessanta volte più velocemente della sua superficie.

La violenta rotazione di Venere domina l’intero sistema meteorologico est-ovest attorno all’equatore del pianeta, facendo impallidire qualsiasi vento forte che potremmo vedere sulla Terra. Imamura e il suo team Esplora i meccanismi che mantengono questa super rotazione e credi che le caratteristiche del clima notturno di Venere potrebbero aiutare a spiegarlo. Con questo anticipo, di notte si possono osservare i venti da nord e da sud, noti come circolazione meridionale. “La cosa sorprendente è che corrono nella direzione opposta rispetto alle loro controparti diurne”, ha detto Imamura. “Un cambiamento così drastico non può avvenire senza grandi conseguenze. Questa osservazione può aiutarci a costruire modelli più accurati del sistema meteorologico su Venere che speriamo risponderà ad alcune delle domande a cui non abbiamo risposto da molto tempo sul clima di Venere e forse anche su quello della Terra.”

Agenzia spaziale statunitense NASA Annunciate di recente due nuove missioni per esplorare Venere utilizzando sonde chiamate Da Vinci + Veritas, e il Agenzia spaziale europea European Ha anche annunciato una nuova missione su Venere chiamata EnVision. In combinazione con l’abilità di osservazione di Akatsuki, Imamura e il suo team sperano di poter presto esplorare il clima di Venere non solo nella sua forma attuale, ma anche nel corso della sua storia geologica.

READ  Babylon's Fall è sceso a meno di 10 giocatori simultanei su PC