Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Progetto europeo per la progettazione di una dieta per prevenire l’aggravarsi del diabete negli anziani – EUROEFE EURACTIV

Madrid (EuroEFE). Il progetto europeo FODIAC, guidato dall’Iberian International Laboratory of Nanotechnology (INL), ha progettato una dieta ricca di antiossidanti per prevenire il declino cognitivo negli anziani con diabete e la testerà in studi clinici nelle residenze spagnole entro la fine dell’anno.

Insieme a inl in Foodiac (cibo per diabete e cognizione) Partecipano aziende e università di Spagna, Portogallo, Italia, Svezia e Regno Unito con l’obiettivo di prevenire gli effetti negativi del diabete attraverso un’alimentazione adeguata per “migliorare la qualità della vita delle persone anziane” che ne soffrono.

Così spiega a EFE Lorenzo Pastrana, responsabile dell’ufficio ricerche dell’INL ispano-portoghese e principal investigator del FODIAC.

Pastrana afferma che il diabete è “un problema molto serio nel primo mondo” ed è direttamente collegato all’obesità, in aumento in Europa “soprattutto in Spagna e Portogallo”.

“Oggi sarai obeso I diabetici di domani »quando dettagliato, prevede che un cinquantenne in sovrappeso “sicuramente” entro i 60 o 70 anni “svilupperà il diabete di tipo 2”.

che provoca il diabete Compromissione cognitiva in molte persone anziane Ed “è noto che ci sono molte conoscenze scientifiche” che entrambe le malattie “possono essere notevolmente migliorate dall’assunzione di alcuni composti nella dieta”, in particolare dalla famiglia degli antiossidanti.

Dall’accademia alle industrie

Secondo Pastrana, ciò che FODIAC sta facendo è trasferire questa conoscenza “dal mondo accademico all’industria” per progettare una dieta ricca di antiossidanti.

Tra le aziende che aderiscono a FODIAC ci sono cantine, i cui resti (bucce d’uva) sono fonte di antiossidanti, e produttori di frutti di bosco che forniscono materie prime.

Università e centri tecnologici stanno collaborando con questo settore produttivo per trasferire tecnologie di incapsulamento che permettano di proteggere molecole “altamente malleabili”, preservandone così le “proprietà quando devono lavorare nella dieta”, afferma Pastrana.

READ  Il quarto presidente della medicina interna dell'UBA cerca di umanizzare il trattamento dei pazienti - GENTE Online

La società spagnola DomusVi, che gestisce le case di cura dove si svolgeranno le sperimentazioni cliniche, e Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica (CSIC), Bioinicia, società di tecnologie di confezionamento, e Associazione nazionale produttori di pesce in scatola (ANFACO).

Oltre all’INL, con sede a Braga, partecipano l’Università Cattolica Portoghese e le aziende alimentari del Portogallo, mentre la parte italiana è rappresentata da due aziende e dall’Università del Sacro Cuore.

L’Università di Reading (Regno Unito) contribuisce con la conoscenza della tecnologia alimentare e gli esperti di nutrizione dell’Università di Lund (Svezia) che hanno progettato le sperimentazioni cliniche.

Pastrana lo offre Questi processi “cominceranno ora a dicembre”.durerà alcuni mesi e sarà “probabilmente” svolto nelle case di cura in Galizia “per la vicinanza” al trasporto delle diete preparate nell’INL.

“Il progetto termina nella prima metà del 2023, ma l’idea è che possiamo dimostrare che funziona ed entreremo in un’altra fase”, conclude Pastrana, e spera che le persone anziane con diabete possano incorporare la dieta progettata nell’ambito del FODIAC struttura.

A cura di m. Moja