Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Progetto ceco per far rivivere i profumi dell’antichità


Sean Coughlin |  Foto: Jana Seehova, Istituto di Filosofia, Accademia delle Scienze

Sean Coughlin è ricercatore presso l’Istituto di Filosofia e scienziato associato presso l’Istituto di Chimica Organica e Biochimica presso l’Accademia delle Scienze di Praga. Per oltre un anno, lui e il suo team hanno cercato di riscoprire l’arte e la scienza dietro la profumeria greca ed egizia antica.

Il progetto chiamato The Alchemy of Perfume è iniziato nel 2021. Sean Coughlin parla della sua educazione.

Una ricetta per un profumo mendesiano conservato in un manoscritto medico greco dell'XI secolo nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, Italia |  Foto: Istituto di Filosofia dell'Accademia delle Scienze

Nel 2012, due archeologi dell’Università delle Hawaii, Robert Littmann e Guy Silverstein, hanno scavato in un luogo chiamato Tell Timee in Egitto. Timi è un’antica città conosciuta come Thmouis secondo le fonti antiche ed è vicina a un paese chiamato Mendes, che anticamente era famoso per la produzione di profumi. Mentre stavano scavando, hanno scoperto un luogo che sembra essere stato utilizzato per elaborare i fluidi. E ci si aspettava, secondo antiche vicende, che in quella zona ci sarebbe stata una fabbrica di profumi. Così hanno subito sperato che la scoperta fosse la fabbrica di profumi. Hanno anche trovato alcune bottiglie di profumo e molte monete d’oro nascoste lì. A causa di questa scoperta, hanno voluto analizzare i resti che hanno trovato nelle bottiglie. Hanno anche contattato Dora Goldsmith a Berlino e io per aiutarli a ricostruire la fragranza che potrebbe essere stata nelle bottiglie. Era per la mostra del National Geographic nel 2019 ed è stato lo slancio per questo progetto”.

Coughlin afferma che il progetto va oltre la ricreazione dei profumi dell’antichità, sta sperimentando un nuovo modo di fare la storia.

READ  Sud Sudan: l'OMS indaga su una misteriosa malattia che ha già ucciso 97 persone e colpisce soprattutto i bambini

Ingredienti del profumo Mendes |  Foto: Sean Coughlin, Accademia delle Scienze, Istituto di Filosofia

I profumi sono ricreati dalle informazioni conservate fino ad oggi. I ricercatori hanno preso due fonti come riferimento. In primis gli affreschi dei templi della dinastia tolemaica in Egitto, dove sulle pareti venivano scolpite nella pietra le ricette. Viene anche descritto lo scopo dei profumi, nella maggior parte dei casi erano usati per scopi religiosi, ma possono essere utilizzati anche nel campo della medicina.

Incisione raffigurante la produzione del profumo di mughetto in Egitto |  Foto: Christian Descamps, Museo del Louvre, Parigi

Coughlin sottolinea che quando si parla di profumi dell’antichità, dovrebbero essere intesi come fragranze abbastanza simili a quelle che esistono oggi. Gli usi che le persone facevano loro non sono molto diversi da quelli usati oggi, ad esempio il loro uso nelle opere religiose, come nel caso dell’incenso. Di solito un motivo è fare un’offerta a entità divine e l’altro è creare uno spazio “divino” in sé. È qualcosa che le persone hanno fatto e stanno ancora facendo.

Coughlin afferma che il processo di ricreazione dei profumi dell’antica Grecia e dell’antico Egitto è molto complesso.

“Per il processo, prendiamo due file che creiamo. Da un lato, uno dei materiali in cui acquisiamo tutte le resine e i liquidi aromatici, oltre ai semi del Mediterraneo, dell’Egitto e del Medio Oriente, li raccogliamo e quantifichiamo i composti chimici che contengono. Abbiamo un collega dell’Istituto Sperimentale di Botanica, Jan Rezek, che fa questo lavoro per noi. E poi abbiamo un lessico, un file scritto che raccogliamo da tutte le diverse parole e quali potrebbero essere . E così abbiamo iniziato a progettare esperimenti, che è un progetto molto noioso. Testiamo ogni variabile e vediamo cosa troviamo alla fine. Li quantifichiamo usando di nuovo l’attrezzatura chimica e poi abbiamo iniziato a confrontarla con prove archeologiche, come analizzare i resti , e confrontandolo con i nostri documenti scritti”.

In linea di principio, l’obiettivo del progetto è quello di ricreare cinque diverse fragranze. Attualmente sono concentrati su uno. Coughlin dice che sembra che stiano per risolverlo. La prima fragranza che ripetono è Gentlemen. Nonostante l’origine greca del suo nome, è stato ritrovato anche in alcuni documenti dell’antico Egitto. Al momento, hanno poche informazioni sull’origine di questa fragranza, a parte il fatto che sembra derivare dalla pianta della mirra.

Foto: Istituto di Filosofia dell'Accademia delle Scienze

La scelta di Stacte come primo profumo da clonare è dovuta a due ragioni. Il primo è che è la base di molti profumi successivi. Il suo componente principale è la mirra, che è praticamente la componente principale di qualsiasi profumo egiziano conosciuto di quel periodo. Il secondo motivo è che è l’unica fragranza semplice che non contiene composti.

Il progetto è stato lanciato presso l’Istituto di Filosofia dell’Accademia delle Scienze, ma comprende esperti di diversi settori. Egittologi, simbolisti, artisti olfattivi e persino drammaturghi lavorano con il team di Sean Coughlin per comprendere i profumi antichi da quante più prospettive possibili.

Oltre al progetto vengono organizzati anche laboratori dove questi antichi profumi possono essere realizzati in un certo modo.

Foto: Istituto di Filosofia dell'Accademia delle Scienze

“Organizziamo workshop in cui facciamo due cose. Primo, le persone vengono con noi e seguono una vecchia ricetta e creano profumi seguendo quella ricetta che possono portare a casa con loro. Ma incoraggiamo anche la scienza dei cittadini, e questo avvantaggia noi e il pubblico . Abbiamo molti materiali e ci sono molti modi diversi. Per creare la fragranza. Abbiamo persone che entreranno nel laboratorio e creeranno la fragranza secondo la loro interpretazione di ciò che pensano dica la ricetta. Lo registrano per noi e poi aggiornaci ogni due settimane, raccontaci la performance dei loro profumi, inviaci foto e informaci, e queste sono cose che possiamo includere nei nostri studi a lungo termine”.

Il progetto Alchemy of Perfume dovrebbe durare cinque anni, unendosi ai cinque profumieri che stanno cercando di ricreare con un dizionario di profumi greco-egizi. È un dizionario storico che registra le opinioni delle persone sui profumi nel tempo. Intendono raccogliere tutte le informazioni disponibili in un unico volume.

READ  Le donne tra i 65 e i 70 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro ovarico

Jean Rizk |  Foto: Sean Coughlin, Accademia delle Scienze, Istituto di Filosofia

Avranno anche un libro sul profumo, che documenterà tutto ciò che è stato fatto durante il progetto, così come la ricerca stessa. Nel caso specifico di Coughlin, sta lavorando a un libro sull’arte e la natura dell’antica Grecia.

Sperano di ampliare il progetto a causa del grande interesse mostrato da persone di tutti i campi nel collaborare ad esso.

Per Coughlin, la cosa più importante è insegnare al pubblico che la storia della scienza è qualcosa che può effettivamente sperimentare in prima persona.

Foto: Sean Coughlin, Accademia delle Scienze, Istituto di Filosofia