Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Portare campioni di roccia da Marte potrebbe portare a un’altra pandemia per alcuni specialisti

La sonda Perseverance ha prelevato diversi campioni di roccia e suolo su Marte e saranno trasportati sulla Terra in una data ancora da stabilire (illustrazione della NASA tramite Getty Images)

La NASA ha annunciato all’inizio del mese scorso che la sonda Perseverance aveva prelevato il primo di numerosi campioni di roccia e suolo su Marte, che saranno riportati sulla Terra in una data ancora da stabilire. L’evento è stato descritto come un punto di riferimento storico.

“Questo è un traguardo molto importante E non vedo l’ora di vedere le incredibili scoperte fatte da Perseverance e dal nostro team”.Amministratore dell’Agenzia spaziale statunitense, Bill Nelson. “Utilizzando gli strumenti scientifici più avanzati sulla Terra, ci aspettiamo scoperte sorprendenti in una vasta gamma di campi scientifici, inclusa l’esplorazione dell’esistenza della vita su Marte”, ha aggiunto l’astrofisico Thomas Zurbuchen, direttore associato della direzione della missione scientifica della NASA.

Tuttavia, per alcuni esperti e attivisti, questo evento avvicina l’umanità a un’eventuale catastrofe. Se la materia entra nella nostra biosfera, Contengono un organismo o un virus potenzialmente pericoloso che potrebbe diffondersi tra la popolazione, sarebbe il seme di una nuova epidemia o pandemia.

Lo ha detto l'astrofisico della NASA Thomas Zurbuchen (Illustrazione della NASA via Getty Images)
Lo ha detto l’astrofisico della NASA Thomas Zurbuchen (Illustrazione della NASA via Getty Images)

“Non credo che portare campioni direttamente da Marte sia sicuro al momento, almeno fino a quando non verranno condotti ulteriori studi su Marte per valutare se è presente vita e non solo fossili microbici”, ha affermato Barry DiGregorio, uno scrittore scientifico. Infobae e ricercatore Membro del Centre for Astrobiology della Buckingham University, Regno Unito, che presiede l’International Committee Against Returning Samples from Mars (ICAMSR).

La situazione era immaginata in libri e film di fantascienza come Dinastia Andromeda di Michael Crichton, o successivo Vita: vita intelligente, pubblicato nel 2017. Come osservato quasi mezzo secolo fa dal famoso astronomo Carl Sagan.

Perseverance rover su Marte (Reuters)
Perseverance rover su Marte (Reuters)

Sagan ha scritto nel suo libro connessione cosmica. strana prospettiva, pubblicato nel 1973: “Poiché Marte è proprio un ambiente di potenziale grande interesse biologico, è possibile che vi siano presenti agenti patogeni., organismi che, se trasportati nell’ambiente terrestre, possono causare enormi danni biologici: la peste marziana, una svolta nella trama di H.G. Wells guerra dei mondi, ma nella direzione opposta.

Per Sagan, questo era un punto molto pericoloso. “D’altra parte, possiamo dire che gli organismi marziani non possono causare seri problemi agli esseri terrestri, perché Non c’era alcun contatto biologico 4,5 miliardi di anni fa tra organismi marziani e terrestri. D’altra parte, si può ugualmente affermare che gli organismi terrestri non hanno sviluppato difese contro eventuali patogeni marziani, proprio perché tale contatto non esiste da 4,5 miliardi di anni. La possibilità di un’infezione del genere potrebbe essere molto piccola, ma i rischi, se si verificasse, sarebbero sicuramente molto alti “, ha descritto lo scrittore.

Barry DiGregorio, scrittore di scienze e ricercatore in astrobiologia presso l'Università di Buckingham, nel Regno Unito, ha dichiarato a Infobae:
“Non credo che portare campioni direttamente da Marte sia sicuro al momento”, ha detto a Infobae Barry DiGregorio, scrittore di scienze e ricercatore in astrobiologia presso l’Università di Buckingham, nel Regno Unito.

Nel suo contatto con Infobae, DiGregorio ha citato la frase di Sagan, nonché un’altra dell’eminente microbiologo americano Carl Woese (1928-2012): “Quando è in gioco l’intera biosfera, si avventura all’estremo portando qui la vita marziana. Certamente , C’è una possibilità di non ferire. Ma non quella voluta. A meno che non si escluda la possibilità che causi danno, non si dovrebbe intraprendere questa strada. “

READ  ISO per perdite di "esperimento" beta

ritorno operativo

Secondo il progetto congiunto tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA) “Resa operativa” dei campioni, la capsula sigillata che li contiene potrebbe atterrare in 10 anni con un paracadute nel deserto dello Utah, negli Stati Uniti, da trasferire successivamente in un laboratorio Livello 4 BiosicurezzaÈ lo stesso tipo usato per trattare microrganismi altamente pericolosi come il virus Ebola. Altri paesi, come la Cina e il Giappone, hanno i propri piani in questo senso.

Questo sarà il rendimento praticabile secondo l'Agenzia Spaziale Europea (Credit ESA/European Space Agency)
Questo sarà il rendimento praticabile secondo l’Agenzia Spaziale Europea (Credit ESA/European Space Agency)

Come temeva Sagan, fino ad ora, non era noto se questi campioni marziani potessero contenere agenti patogeni per i quali non abbiamo difese, ha osservato in un recente articolo sulla rivista. nuovo mondo Il rispettato giornalista tecnologico britannico Paul Marks, un assiduo collaboratore di media come BBC Future, The Economist o The Guardian.

Inoltre, non sappiamo se la capsula potrebbe esplodere all’impatto, minacciando di contaminare la fauna selvatica, i fiumi, le piante e la pesca, nonché le città.. E sebbene i laboratori di livello 4 siano molto sicuri, in passato si sono verificati errori e generalmente si sospetta l’errore umano”, ha aggiunto Marks.

Il primo scenario è quello che teme DiGregorio, che ha ricordato a Infobae l’incidente del 2004, quando il paracadute di una capsula della missione Gemini della NASA che aveva portato campioni dal vento solare fallì e un oggetto di 200 chilogrammi si schiantò sul deserto dello Utah a 360 km/ h.

Più di 10 anni possono ritardare l'intero processo di restituzione dei campioni da Marte (Credito ESA/Agenzia spaziale europea)
Più di 10 anni possono ritardare l’intero processo di restituzione dei campioni da Marte (Credito ESA/Agenzia spaziale europea)

Ora immagina, se vuoi, che questa capsula contenga microbi viventi e vitali di Marte. L’astrobiologia è lo studio della vita nell’universo ancora nella sua infanzia. Non dobbiamo presumere che non ci possano essere esseri viventiDiGregorio, che era un amico e condivideva la visione di Gilbert Levine, un ingegnere di missione della NASA morto mesi fa, ha avvertito. Era convinto di aver trovato la vita sul pianeta rosso nel 1976 È stato anche membro del Comitato ICAMSR.

READ  Catturano una stella gigante sull'orlo della distruzione

DiGregorio suggerisce di ripetere gli esperimenti per scoprire la vita marziana nel sito o, eventualmente, di analizzare i campioni presso l’unità di biosicurezza del sito previsto. Cancello della stazione lunare. “Questo sarà l’unico modo per garantire che la nostra biosfera sia protetta al 100%”, ha affermato, sebbene questa opzione sia proibitiva per le agenzie spaziali e renderà difficile l’analisi dei campioni a causa della microgravità.

Scienziati specializzati in protezione planetaria, prevenzione delle infezioni e gestione di microrganismi pericolosi, hanno descritto in un articolo pubblicato sulla rivista “Health Security”, uno scenario in cui gli agenti patogeni extraterrestri portati negli Stati Uniti non riescono a contenere. I ricercatori hanno identificato diversi problemi nel prepararsi a rispondere a quella crisi a livello locale e federale. Il bene? C’è quasi un decennio per colmare le lacune.

Giorgio Bianiardi, astrobiologo italiano del Dipartimento di Biotecnologie Mediche dell’Università di Siena, è uno di quelli reclutati tra coloro che temono o temono il ritorno di campioni da Marte.

Immagine topografica crittografica del cratere chiamato Ismenia Patera su Marte (Credito ESA/European Space Agency)
Immagine topografica crittografica del cratere chiamato Ismenia Patera su Marte (Credito ESA/European Space Agency)

“E’ chiaro il grado di pericolo che queste missioni possono rappresentare per l’ecosistema terrestre, perché anche se questo è vero Non siamo sicuri che la vita attuale esista su Marte, e non possiamo in alcun modo escluderne l’esistenza, come molte prove fanno ritenere‘, ha detto Bianardi prima di un’inchiesta da Infobae.

“Devi stare molto attento. Per quanto interessanti siano questo tipo di missioni, se non vogliamo rischiare di essere ‘apprendisti magici’, allora questo tipo di studi dovrebbe essere fatto nelle basi spaziali orbitanti attorno alla Terra o al prossimo basi lunari”, suggerì. .

D’altra parte, altri scienziati sono dell’opinione che il rischio che le forme di vita su Marte alla fine rappresentino un pericolo per la popolazione o per il nostro pianeta sia trascurabile. Andy Spree, uno scienziato del SETI Institute in California e consulente in protezione planetaria presso la NASA, ha osservato che il COVID-19 e altre infezioni mostrano che esiste sempre un precedente processo di interazione o contatti ripetitivi tra un microrganismo e i suoi ospiti che i patogeni diventano , come se fossero interruttori e serrature molecolari. . “È altamente improbabile che un’entità biologica che si è evoluta e adattata a un ambiente extraterrestre tragga beneficio dalla vita sulla Terra”, ha affermato sul sito specializzato. Space.com.

READ  Come metti la musica nelle tue storie?

Tuttavia, il rischio non è zero. “È un problema che la NASA e altre agenzie spaziali prendono molto sul serio”, ha detto a Infobae l’argentino Miguel San Martín.D., capo dell’ingegneria di guida, navigazione e controllo dei sistemi per la missione Curiosity della NASA e consulente per la missione Perseverance.

L'ingegnere argentino della NASA Miguel San Martín ha detto a Infobae:
“Il ritorno di campioni da Marte è un problema che la NASA e altre agenzie spaziali prendono molto sul serio”, ha detto a Infobae l’ingegnere argentino Miguel San Martin.

San Martin ha notato che la probabilità di trovare vita pericolosa e abitabile su Marte può essere molto bassa, ma non dobbiamo fermarci a pensarci. Inoltre, l’argentino ha detto a Infobae che “sarebbe una delle scoperte scientifiche più importanti della storia umana”.

“Non è una novità. Ricordiamo tutti come gli astronauti dell’Apollo 11 furono isolati e messi in quarantena dopo aver viaggiato. Anche i campioni lunari che hanno portato sono stati accuratamente trattati e isolati come se fossero materiali biologici. Una volta confermato che non c’era vita sulla Luna, il che non era sorprendente, ha aggiunto San Martin, tutte queste misurazioni sono state omesse.

NASA e Agenzia Spaziale Europea Prevedi che durante il viaggio di ritorno da Marte e ancora nello spazio, I campioni vengono posti all’interno di un contenitore il cui coperchio è saldato e il contenitore viene sterilizzato dall’esterno. “Lo stanno prendendo molto sul serio. Non esporranno in alcun modo gli abitanti della Terra a tale pericolo. Ha sottolineato che anche le organizzazioni nazionali e internazionali non lo permetterebbero”.

Continuare a leggere: