Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Polo Oliveira: Il pensionamento obbligatorio, la vita in Italia e il “no” al pentito Tabares – Ovation – 04/03/2022

Ad aprile 2021, dopo la partita con FC Aprilia, Ruben “Pollo” OliveraTornato a casa con dolore al petto. Andò a dormire, ma il disagio persisteva, quindi non poteva riposare. La mattina dopo è andato in ospedale e hanno pensato che avesse un infarto, ma i test hanno rivelato che era qualcos’altro. Quattro giorni dopo, quando fu trasferito Roma Per valutarlo, hanno scoperto che aveva una condizione rara chiamata edema arterioso. Doveva andarsene dopo quella diagnosi Calcio professionistico.

“Hanno scoperto che avevo un problema cardiaco dalla nascita e mi sono svegliato l’anno scorso all’età di 38 anni”, ha detto Chicken. ovazione.

E ha aggiunto: “Succede a uno su un milione, cosa molto rara, è successo anche a me. Gioco a calcio da quando ne avevo cinque, non ho problemi. Ma è una malattia che può insorgere in qualsiasi momento in vita.

La squadra però non glielo permise: entrò subito come supervisore delle divisioni giovanili, che aveva già le due patenti sportive necessarie per correre. Europa.

Oggi, a quasi un anno dal ritiro forzato, dirige la terza divisione della squadra, ma sta valutando nuove opportunità per continuare la sua carriera da allenatore: “Ho intenzione di iniziare con i professionisti o con altri il prossimo anno. La squadra è qui in Italia. Se non fossi al terzo posto non sarebbe un problema e valuterei quali sono le opzioni migliori”, ha spiegato.

“Ho completato due corsi e ora ho le finali a giugno, quindi ho tutti i permessi per lavorare come allenatore professionista”, ha aggiunto.

Sa chiaramente cosa riserva il suo futuro Italia, Ha creato un sito lì e ha costruito una famiglia. Il suo compagno è di Napoli, a due ore da Latina – la città del Lazio dove soggiorna – è stata decisiva.

“Rimanere è stata una scelta professionale. Pensavo di andare a vivere a Madrid, in Spagna, ma poiché la mia famiglia è italiana, abbiamo deciso di stabilirci qui definitivamente perché stiamo bene in questa città in cui sono venuto per via del calcio”, ha rivelato.

READ  Matic partirà lunedì per l'Italia per firmare un contratto con la Roma

Nonostante abbia gestito la possibilità di tornare, almeno nei suoi ultimi anni in Uruguay, la situazione non è migliorata.

“Due anni fa ho pensato di tornare indietro e andare in pensione Danubio. Ho parlato con loro un’ultima volta prima di iniziare con Latina ed era fisicamente abbastanza in forma per continuare a giocare. Era quello che volevo, ma non mi è stato concesso tempo o momenti a causa di problemi familiari”, ha detto. Quindi il suo ritiro era urgente e non poteva tornare dal dipinto che affermava di essere un fan del dipinto in cui era apparso.

Ruben Oliveira nel Danubio.  Foto: Archivio El País
Ruben Oliveira nel Danubio. Foto: Archivio El País

Una carriera nel calcio.

Da quando ha iniziato da bambino, Spyker ha passato una palla. Danubio, Juve, Atletico Madrid, Penarol, Samptoria, Fiorentina, Genova, leccese, Presia, Lega di Kitto, latino e aprilia Le squadre di cui faceva parte.

Tuttavia, c’è stata una cosa che ha lasciato un segno speciale: “La squadra migliore in cui mi trovavo Juve. È stato il primo club italiano in cui ho giocato e ci ho passato quattro anni buoni perché sono cresciuto mentalmente e sono maturato molto”, ha detto.

Per lei Vecchia Signora È una delle più grandi aziende in Europa: “È un club in Europa e in Italia, come organizzazione e nel suo insieme.

Ruben Oliveira alla Juventus.  Foto: Archivio El País
Ruben Oliveira alla Juventus. Foto: Archivio El País

In merito alla possibilità che il Torino torni in squadra, ha svelato di essere stato invitato a visitare le strutture giovanili.

“Di recente abbiamo parlato con la Juventus della questione giovanile ea fine aprile mi hanno invitato a visitare la struttura. Se succedesse, sarebbe fantastico”, ha spiegato.

Nella sua nuova fase, da allenatore, il calciatore si vede allo specchio di chi lo ha guidato a esibirsi ad un livello superiore.

La sua nota chiave, ha sottolineato, è l’attuale direttore tecnico della squadra italiana Atallanda, Gian Piero Casperini.

READ  L'Italia vuole che gli argentini visitino le loro città ancestrali

“Ho passato un anno e mezzo con Casparini GenovaÈ ad Atlanta da sei o sette anni e porterò con me il suo modello”, ha detto.

Secondo El Polo, parte della qualificazione dell’allenatore è il cambio che ha apportato alla squadra che sta lottando per l’accesso alle Coppe dei Campioni e il primo posto in Serie A.

“Fino a qualche tempo fa, l’Atlanta era una piccola squadra qualche anno fa e l’hanno trasformata in una squadra europea. Champions League“, ha sottolineato.
Commentando il sistema di gioco dell’allenatore, ha detto: “Mi piace il suo stile di gioco con tre, due centrocampisti, un attaccante, due centrocampisti e esterni”.

Ma Casparini non era l’unico a riferirsi a lui. Ce n’era uno Fabio CappellaloChe lo ha diretto durante il suo periodo allo Zoo. “Era un allenatore, sapeva gestire giocatori importanti, ha dato loro molta libertà, si è allenato molto in tattica”, ha detto.

Riguardo al suo futuro da allenatore, ha spiegato che sebbene voglia lavorare come allenatore, crede nella gestione della prima squadra.

“Mi piace lavorare con i giovani perché vedi come progrediscono, ti fa molto piacere, vedo come imparano e ottengono risultati sul campo. Voglio però allenare una prima squadra perché so essere più diretto a parole che giovani calciatori. Lo sento”, ha sottolineato.

Con selezione.

Il calciatore lo sa Nazionale dell’Uruguay, Nei minori e negli anziani.

Ruben Oliveira, però, si rammarica della sua vita da calciatore: il giorno in cui ha detto ‘no’ Oscar Washington Tabares.

“Ho lasciato la squadra dell’Uruguay più di quanto non abbia fatto. Quando ho iniziato con la nazionale ho rifiutato la chiamata di Tabares e lui mi ha dato il cross. Da allora ho avuto anni molto buoni e ho perso la Copa America e la Coppa del Mondo”, ha promesso.

Dalla maturità ha fatto eco alla situazione: “Ho preso le decisioni sbagliate quando erano giovani e inesperti in alcune situazioni e le ho pagate”.

Ruben Oliveira nella nazionale uruguaiana.  Foto: Archivio El País
Ruben Oliveira nella nazionale uruguaiana. Foto: Archivio El País

Il Nazionale dell’Uruguay H giocherà nel girone Coppa del Mondo del Qatar In Portogallo, Ghana e Corea del Sud.

READ  Mario Draghi: l'Italia flirta con un'altra crisi di governo | Internazionale

Commentando la competizione, il migliore ha detto: “La squadra sarà molto complessa, ma non ho dubbi quando guardo all’Uruguay adesso. Andare al 16° turno non dovrebbe intimidire perché la squadra ora fa quello che fanno i suoi giocatori in Europa: si sentono pienamente e pienamente con questo staff di formazione.

Il pollo si incontra Diego Alonso Durante il suo periodo come giocatore nella squadra nazionale dell’Uruguay e in Penarol. “Ho una buona impressione di lui. Molti colleghi mi hanno parlato del suo lavoro in Messico, ha una mentalità di successo e viene dalla Julio Ribas School “, ha detto.

Per quanto riguarda l’ex Danubio e Penarol, la differenza tra gli astronauti è che ha una visione dei tempi. “È un allenatore aggiornato, gioca come fa nel calcio moderno; infonde tutto ciò che ha imparato come calciatore ed è qualificato per portare una mentalità di successo”, ha detto.

E ha concluso: “Da giocatore non è stato il massimo, ma ha sempre avuto la volontà, questo è quello che manda ai suoi giocatori”.

Foto di Ruben Oliveira a Penarol: Archivio El Pice
Foto di Ruben Oliveira a Penarol: Archivio El Pice

Oltre il campo: un’azienda gastronomica

Quando Ruben Oliveira ha lasciato il calcio e ha deciso che la città di Latina (40 minuti dalla Roma) sarebbe stata la sua casa, ha voluto fare qualcos’altro. Ecco perché è stato incoraggiato a costruire la propria attività fuori dal campo: ROD Caffé.

Come ha rivelato, il suo obiettivo era fare qualcosa di diverso in Italia, e quello era il suo nuovo piano gastronomico.

Il nome fa riferimento alle iniziali del calciatore Ruben Oliveira da Rosa (ROD) e sarà svelato nei prossimi giorni.

“E’ un ristorante, un bar con la fame e l’anoressia”, ha spiegato l’ex attaccante uruguaiano. Tuttavia, ha chiarito che nel senso italiano tradizionale sarebbe “più di un bar” perché servirebbe cibo fino a cena.

Il latino era la città che amava e ho sentito che lui e la sua famiglia erano stati ben accolti in essa, motivo per cui il progetto è in quel luogo.