Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Polizia per favore, non tirate pietre”: video inedito di un cittadino tedesco imprigionato, torturato e condannato a Cuba

“Polizia per favore, non tirate pietre”: video inedito di un cittadino tedesco imprigionato, torturato e condannato a Cuba

Video inedito registrato da Luis Frometa Compti

Cittadino tedesco Louis Frometa Competi Questo sarà venerdì Tre anni di carcere Dopo essere stato condannato per aver registrato con il suo telefono le proteste di massa dell’11 e 12 luglio 2021 a Cuba.

Allora vai Difensori dei prigionieri Pubblica un Video inedito In esso si sente ciò che il prigioniero politico dice agli agenti e si osserva la brutalità degli agenti al momento dell’arresto. “Polizia, per favore, non lanciate pietre.“, afferma Frómeta Compte mentre corre accanto ad altre persone che cercano di sfuggire alla repressione.

E sul telefono che le sue figlie avevano in Germania c’era questo documentario che non fu mai pubblicato.. Non solo i manifestanti di La Genera sono stati dichiarati innocenti, come stabilito dalle Nazioni Unite il 3 giugno (…), ma anche Lewis ha parlato in modo pacifico ed educato agli agenti di polizia Mentre non hanno smesso di lanciare pietre, sparare e inseguire i manifestanti pacifici spaventati. Lì morì il giovane Diobis Laurencio Tejeda L’organizzazione ha spiegato in una dichiarazione inviata a: informazione.

Il cittadino tedesco Luis Frometa Compte trascorrerà venerdì tre anni in prigione a Cuba (Avvocati dei prigionieri)

Dopo più di 40 anni di vita in Germania. Louis Frometa CompetiUn cittadino tedesco nativo di Cuba ha visitato l’isola, È stato condannato per aver registrato le manifestazioni a La Linea con il suo cellulare il 12 luglio 2021.

“Sebbene sei mandati delle Nazioni Unite abbiano accusato Cuba il 3 aprile di aver violato tutte le dovute procedure nel perseguimento di tutti i manifestanti dell’11J, l’attuale parere dell’8 luglio”Rilascio immediato“Il Gruppo di Lavoro delle Nazioni Unite sulla Detenzione Arbitraria (WGAD) sul suo caso e su quello di altri 16 manifestanti pacifici, Il governo tedesco non è stato in grado di ottenere il suo rilascio. Durante i tre anni trascorsi lì, prima scomparve dalle autorità, poi fu imprigionato nel carcere di massima sicurezza, Combinado del Este all’Avana, È stato sottoposto a torture e aggressioni senza adeguate cure mediche, con grave pericolo per la sua vita. All’età di 61 anni, e con una condanna arbitraria ed illegale a 15 anni, Ha una condanna a morte in prigione“Ha confermato Difensori dei prigionieri.

Dichiarazioni di Javier Larrondo, presidente dei difensori dei detenuti, sul caso di Luis Frometa Compte

Nel primo video della sequenza, potete vedere come Lewis, con in mano la telecamera e la voce chiara, con un atteggiamento colloquiale e pacifico, cerca di spiegare agli agenti di polizia che “Non lanciate pietre, per favoreContro i manifestanti.

READ  Avviso di forte terremoto e tsunami in Giappone | Al largo di Fukushima e Miyagi

“Pochi secondi fa, il video – un unico clip della durata di 2 minuti e 26 secondi i cui metadati sono stati consultati dall’Internationale Gesellschaft für Menschenrechte (IGFM) e da Prisoners Defenders – è stato, Mostra come i manifestanti camminano pacificamenteSalvo – e possiamo immaginare – pochissime eccezioni. Tuttavia questa non era la posizione di Lewis, come risulta chiaramente dal video.”

Ha continuato: “Qualche istante dopo, alcuni manifestanti, tra cui Lewis, sono usciti. Avvertono che la polizia li accuserà di lapidarli. Poi i manifestanti cominciano a fuggire in preda al panico. Il terrorismo controlla tutti. “Puoi vedere Lewis girarsi verso il lato della strada e vedere la polizia e i paramilitari che passano, raccolgono pietre da terra e le lanciano contro i manifestanti in fuga, in un atto di terrorismo di stato tipico di un governo criminale”.

“L’atteggiamento coraggioso e aperto di Louis deriva dalla sua convinzione di essere protetto essendo cittadino tedesco da più di 40 anni. Lewis si sbagliava di grosso, e purtroppo le posizioni incomprensibili assunte dal governo tedesco e dalla Commissione Europea in questi tre anni lo confermano.“I difensori dei prigionieri hanno espresso il loro rammarico.

“Le opinioni e gli scritti contro le azioni del regime cubano contro Luis e i manifestanti governati dalle Nazioni Unite lo attestano Il governo cubano ha arrestato, scomparso per settimane, imprigionato e torturato migliaia di manifestantiPer ragioni di pensiero politico, arbitrariamente e, per di più, illegalmente. Si tratta di quattro degli 11 crimini di Stato classificati dallo Statuto di Roma come crimini contro l’umanitàArticolo 7, commi e), h), i) e k).” Li ha dettagliati:

  • e) Reclusione o altra grave privazione della libertà fisica in violazione delle norme fondamentali del diritto internazionale;
  • h) Persecuzione di un gruppo o di un gruppo con una propria identità sulla base di motivi politici, razziali, nazionali, etnici, culturali, religiosi o di genere specificati nel paragrafo 3, o per altri motivi universalmente riconosciuti come inaccettabili dal diritto internazionale, in relazione a qualsiasi atto menzionato nel presente paragrafo o in qualsiasi crimine di competenza del tribunale;
  • i) sparizione forzata di persone;
  • k) Altri atti inumani di natura simile che causano intenzionalmente grandi sofferenze o minacciano gravemente l’integrità fisica o la salute mentale o fisica.
READ  L'Australia offre visti gratuiti ai giovani che viaggiano nei prossimi tre mesi e li invita a lavorare

“Ma, L’Unione Europea e il governo tedesco non intendono classificare il governo cubano come governo criminale.“, rendendo ‘ammissibile’ che Cuba non riconosca nemmeno la nazionalità di Luis Frometa Compte, o che decine di migliaia di manifestanti, cittadini cubani e di altre nazionalità abbiano sofferto a causa di questi eventi dell’11 giugno per 65 anni.”

Alla fine disse:Né la Germania né l’Unione Europea hanno denunciato la violazione dell’accordo di dialogo politico e di cooperazione con Cuba.su cui si basa Rispetto illimitato dei diritti umani E supporto per Società civileChe, se violata, prevede una chiara clausola rescissoria che 26 dei 27 Stati membri dell’Ue, compresa la Germania, si sono finora rifiutati di utilizzare, facendo orecchie e occhi sordi alla realtà.

Ciò non ha cambiato il fatto che Cuba sostiene apertamente e fortemente la guerra in Ucraina.Ha concluso dicendo: “Nemmeno all’invio di forze militari attraverso la Bielorussia per combattere in Ucraina, o alla creazione di una rete di reclutamento per migliaia di civili che sono ex soldati cubani per mandarli in guerra contro l’Ucraina”.