Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Politica estera italiana: continuità sotto Giorgia Meloni?

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. Fonte: Second Captains

L’Italia è uno dei paesi fondatori dell’Unione Europea e la terza economia dell’Eurozona, ovvero uno dei più importanti attori del blocco europeo. Ora, a Roma, regnerà l’estrema destra, guidata da Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. Tuttavia, nonostante ciò che può sembrare, Meloni non cambierà le linee principali della politica estera italiana, almeno non sostanzialmente: rapporti con la Nato, politica su Bruxelles e sul Mediterraneo.

Italia e Nato

I rapporti con la NATO sono uno dei pilastri della politica estera di Roma. Tuttavia, negli ultimi anni, i legami con la Nato sono stati messi in discussione dai vari partiti che hanno formato le successive amministrazioni italiane, in particolare il Movimento Cinque Stelle e la Lega. Quando entrambe le parti hanno formato un governo nel 2018, hanno rivisto il rapporto con l’organizzazione per approfondire i legami con potenze come Russia e Cina. Con Pechino i legami economici si sono rafforzati e, infatti, Roma ha aderito alla Belt and Road Initiative (BRI) durante la visita di Xi Jinping nel Paese. D’altra parte, Mosca è rimasta un importante partner energetico per l’Italia, che è cambiata con lo scoppio dell’invasione dell’Ucraina.

Tuttavia, con la caduta del governo Conte I (Movimento Cinque Stelle e Lega) e l’arrivo del secondo governo Conte (M5S più Pd), le tradizionali alleanze italiane sono riemerse per la nuova posizione euro-atlantica. Questa stessa linea continuerà a rafforzarsi dopo la caduta del secondo governo Conte e l’arrivo di Mario Draghi alla carica di presidente del Consiglio. Draghi, che guiderà un governo mirato, manterrà una politica chiaramente in linea con la NATO e l’Unione Europea. Infatti, nonostante la dipendenza energetica di Roma dalla Russia, cercherà risolutamente altre opzioni di mercato come prova del sostegno all’iniziativa europea e atlantica di una strategia di pressione contro Mosca dopo l’invasione.

Ingrandisci: Mario Draghi guida un nuovo governo in Italia

Con Giorgia Meloni questa continuità dovrebbe continuare. Fratelli d’Italia è un convinto sostenitore della NATO e la stessa Meloni ha sostenuto l’invio di armi e l’imposizione di sanzioni a Mosca. Allo stesso modo, la squadra ha difeso la politica della NATO di aumentare il budget della difesa al 2% del PIL. Tuttavia, nella futura alleanza di destra troviamo due sillabe dissonanti, il leader di Matteo Salvini Lega, e Silvio Berlusconi del leader di Forza Italia. Il primo aveva storicamente un atteggiamento positivo nei confronti della Russia e dopo la guerra in Ucraina ha criticato le sanzioni europee a Mosca, sostenendo che fanno più male all’Europa. Quest’ultimo ha sempre mantenuto un rapporto di amicizia personale con il presidente russo Vladimir Putin, arrivando persino a giustificare l’invasione. Anche se si prevede che ci saranno tensioni interne su questo tema, Meloni dovrebbe dominare la politica estera e le sue idee prevalgono perché è la figura forte del partito, per la debolezza della Lega e per Berlusconi. adattabilità.

READ  Nonostante lo stigma di criminali e liberi professionisti, i latini contribuiscono con 2,7 miliardi di dollari all'economia statunitense

Bruxelles e Roma, un rapporto complesso

Come descritto sopra, l’Italia è uno dei paesi fondatori dell’Unione Europea e la terza economia più grande del blocco. Nonostante la sua indubbia importanza in Europa, la verità è che Roma ha un rapporto complesso con Bruxelles. A causa della crisi economica del 2008-2012 e delle successive politiche di austerità, il sentimento anti-europeo in Italia è cresciuto notevolmente. Questo malcontento ha capitalizzato l’eredità di Salvini, che ha pronunciato un discorso molto schietto contro Bruxelles e l’euro, arrivando al punto di chiedergli di lasciare l’Unione Europea. Tuttavia, il partito di Salvini ammorbidirà notevolmente la sua posizione sul progetto europeo.

Gli affari europei sono strettamente legati al discorso politico italiano. Ad esempio, la gestione dei fondi di riscatto ha portato al rovesciamento del secondo governo Conte. Nelle prime fasi della pandemia di coronavirus, il movimento anti-europeo crescerà in modo esponenziale, spinto dalla lenta risposta di Bruxelles e dalla chiusura mentale degli altri Stati membri. Infatti, in quei giorni di marzo, le forze armate russe sarebbero venute a sfilare per Roma, oltre che a vedere le immagini dell’arrivo di forniture mediche dalla Cina. Tuttavia, dopo la successiva forte risposta europea, il sentimento anti-europeo è svanito di nuovo.

Bandiere dell'UE sbarrate a una manifestazione guidata da Casapound a Roma
Bandiere dell’Unione europea sbarrate durante una manifestazione guidata da Casapound a Roma. Fonte: EPA-EFE / Angelo Carconi

Con Draghi presidente del Consiglio, i rapporti con Bruxelles hanno raggiunto il culmine. L’ex capo della Banca Centrale Europea, infatti, è diventato uno dei principali leader europei. Da notare che l’accordo del Quirinale con la Francia, guidato da Emmanuel Macron, è stato alla base della crisi diplomatica avvenuta quando il ministro degli Esteri Di Maio ha deciso di fare una foto con il leader del movimento dei gilet gialli. L’asse Roma-Parigi è stato un forte impegno per il rilancio delle relazioni tra i due Paesi.

Qual è la politica di Fratelli d’Italia nei confronti dell’Unione Europea? Il partito di Meloni ha mantenuto un atteggiamento più riformista nei confronti dell’Europa, cioè ha voluto cambiare dall’interno il progetto europeo, un ritorno alla “sovranità statale”, oltre che un cambio di politica identitaria. Una posizione che lo ha sempre avvicinato al gruppo di Visegrad, guidato da Polonia e Ungheria. Fratelli afferma che Roma dovrebbe difendere i suoi interessi nazionali nella massa della società e adottare una posizione più assertiva.

READ  Valladolid riunirà più di 190 aziende turistiche alla Fiera Internazionale dell'Enoturismo

L’alleanza di destra ha promesso di non toccare i pilastri della politica estera di Draghi: le relazioni atlantiche, la politica europea verso l’Ucraina e la struttura economica. La vittoria di Meloni, infatti, è stata accolta con relativa calma a Bruxelles. Lo scontro dell’Italia con le istituzioni europee potrebbe avvenire su questioni di aborto, diritti LGBT o immigrazione, non su questioni come la “sovranità”. Né Meloni avrà più pressioni per rinegoziare il recovery fund: l’Italia ha bisogno dei soldi e ha ricevuto solo una frazione di quello che merita. Inoltre, Bruxelles può chiudere il rubinetto se Roma si allontana troppo dalla road map.

Per le alleanze europee, Roma dovrebbe collaborare strettamente con Budapest e Varsavia. Certo, nonostante il riavvicinamento, l’Italia guidata da Meloni difenderà soprattutto i suoi interessi nazionali. Va tenuto presente che Visegrad è attualmente molto divisa sull’atteggiamento nei confronti della Russia. Il governo polacco ha una politica molto rigida nei confronti di Mosca, a differenza di Viktor Orban. La Roma, in questo caso, si allineerà maggiormente alle posizioni polacche. A causa della sua posizione nella guerra in Ucraina, la Polonia ha acquisito un’influenza significativa in Europa, costringendo Bruxelles a voltarsi dall’altra parte nel suo conflitto con Varsavia per aumentare la pressione sull’Ungheria.

Il Mediterraneo, il cortile d’Italia

Per l’Italia il Mediterraneo è una delle principali priorità della politica estera. L’interesse di Roma per il Mediterraneo ha molti aspetti: la migrazione, la sicurezza energetica, la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, nonché il suo interesse per un Mare di Nostrum stabile, pacifico, prospero e sicuro.. La politica italiana prevede il miglioramento del dialogo e della cooperazione con i paesi della regione con l’obiettivo di tutelare i loro interessi energetici, sviluppare il commercio e l’integrazione economica nella regione. In questo senso, l’Italia punta sui rapporti con Libia, Algeria, Marocco e altri.

La Libia è uno dei Paesi più importanti per l’Italia da un lato per il flusso di migranti e dall’altro per la sicurezza energetica. L’immigrazione è una questione di prim’ordine in Italia, che è di grande importanza nella politica interna. Le guerre civili in Libia hanno portato a una grande instabilità, costringendo il Paese al servizio Una piattaforma per l’arrivo dei migranti sulle coste italiane. I partiti populisti di destra e di estrema destra, come Lega e Fratelli, hanno approfittato di questo fatto per alzare bandiera e realizzare conquiste politiche. Da qui l’importanza che Roma sia in grado di controllare questi flussi. Dall’altro lato c’è la questione energetica, perché la Libia è un’importante fonte di idrocarburi per l’Italia. La società energetica italiana ENI ha importanti interessi nel Paese nordafricano.

La raffineria italiana Eni
La raffineria italiana Eni. Fonte: Reuters/Alessandro Bianchi

Una delle priorità della politica estera italiana nel Mediterraneo è il rapporto con l’Algeria. Tra i grandi successi di Mario Draghi c’è la conclusione di un’importante alleanza energetica con Algeri. La mossa di Roma è stata duplice: ridurre la dipendenza dal gas russo dopo la guerra in Ucraina e sostituire la Spagna come partner preferito dell’Algeria.

READ  Le esportazioni di dolciumi danno impulso all'economia dei comuni di Guanajuato - El Sol de Irapuato

Prima dell’invasione russa, il 40% del gas importato dall’Italia proveniva dalla Russia. Dopo l’inizio del conflittoRoma ha iniziato a cercare nuovi partner per ridurre questa dipendenza, per poter fornire più spazio di manovra per fare pressione su Mosca e per garantire l’approvvigionamento di fronte a potenziali interruzioni. Attualmente, secondo i dati del governo, l’Italia è riuscita a dimezzare gli acquisti di gas russo grazie a nuovi contratti con Egitto, Azerbaigian e, soprattutto, Algeria.. Questo successo è stato il frutto di mesi di incontri bilaterali che hanno fatto dell’Italia Algeria il principale partner europeo. In base al nuovo accordo, la società energetica algerina Sonatrach aumenterà le spedizioni di gas di 4 miliardi di metri cubi, con un aumento del 113%.

L’Italia è stata molto intelligente nell’approfittare della crisi diplomatica in cui si sono aggiunte Algeria e Madrid dopo il cambio di posizione spagnola nei confronti del Sahara. Conoscendo la posizione di forza dovuta al contesto geopolitico, l’Algeria decise di rivolgersi a Roma e offriva condizioni migliori rispetto alla Spagna.


La decodifica della guerra dipende dai contributi dei suoi aderenti da portare avanti come media indipendente che racconta le ultime notizie della realtà internazionale. Se vuoi collaborare finanziariamente con il lavoro di decifrazione della guerra, ti offriamo le seguenti opzioni. Grazie ai vostri contributi, possiamo continuare ad analizzare la geopolitica globale con la massima precisione.

I pagamenti con carta vengono effettuati in modo sicuro tramite Stripe.

Contributi suggeriti

Puoi scegliere tra uno degli importi suggeriti. (L’operazione è esente da IVA, articolo 20.1.12ª della LIVA)

è in elaborazione ...

Contributo gratuito

Puoi scegliere l’importo da donare. (L’operazione è esente da IVA, articolo 20.1.12ª della LIVA)

è in elaborazione ...


Laureato in Storia e Master in Cooperazione Internazionale presso UCM. Interessato alla geografia politica e alle relazioni internazionali. Cercando di capire come funziona il mondo. https://twitter.com/PablodelAmo77?s=09