Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Polemica in Italia: smettono di pagare e la mandano via perché è rimasta incinta

Negli ultimi tempi, il calcio femminile è progredito molto e sta diventando sempre più popolare. Anche se hanno continuato a verificarsi situazioni riprovevoli, come in Italia, hanno guadagnato terreno in termini di diritti. Lachies, una squadra di calcio Serie CIl terzo tipo Calcio femminileSmesso di pagare ed escluso il portiere Alice Pignagnoli poiché aveva annunciato di essere incinta.

La 34enne, nata nella città di Reggio Emilia ed ex giocatore del Milan, ha detto al suo club di essere incinta del suo secondo figlio a metà ottobre. La reazione della Lucchese non è stata affatto anticipata da Alice Pignagnoli Si è sentito un “vecchio burattino” per il contratto e ha condannato la situazione sui suoi social.

“Sono stati mesi molto duri. Stare lontano dal campo è sempre stata una lotta completa per me. Quindi, contro le mie aspettative, Mi ha fatto molto male incontrare un club ostile come Lachise, che mi aveva perseguitato come donna, madre e atleta.. Mi sono sentita sola, inutile, incapace, una vecchia bambola da buttare”, ha detto Alice Pignagnoli sul suo account Instagram.

Smettono di pagarla e la ostracizzano per essere rimasta incinta.Smettono di pagarla e la ostracizzano per essere rimasta incinta.

Inoltre, ha aggiunto:Prima mi hanno chiesto di restituire l’attrezzatura sportiva nonostante il mio contratto fino alla fine della stagione, poi mi hanno chiesto di liberare il mio posto letto, e senza dire una parola mi hanno cacciato dalla squadra.. Se è proprio necessario escludermi, e non capisco perché, possono dire qualcosa perché ho giocato per loro per due mesi e ho fatto la mia parte”.

Quando Cesena era un membro della Serie B, era un netto contrasto con quello che ha vissuto con la sua prima gravidanza. “Sono arrivata lì due mesi fa. Ho scoperto di essere incinta. Il club mi ha trattato da uomo perché mi hanno detto che ero un giocatore importante per loro e che potevo stare vicino alla squadra se volevo”. .

Messaggio di Alice Pignagnoli.Messaggio di Alice Pignagnoli.

Situazione contrattuale

Il contratto di Pignagnoli scade il 30 giugno e non può essere risolto prima di allora, in quanto è stata rimossa la clausola che prevedeva l’interruzione del contratto per un’atleta incinta. La Lucchese, che ha taciuto, dovrà prendersi lo stipendio fino a gennaio e da lì la cassa maternità della Federcalcio italiana.

Continuare a giocare

Nonostante la complessità della situazione, il portiere sta già pensando al rientro in campo. “Sto lavorando sodo per rimettermi il più in forma possibile e tornare in campo, anche se ho una figlia di tre anni e un neonato quindi sarà più difficile rispetto alla prima volta. Mi sto godendo la gravidanza e poi vedremo se qualcuno vuole provare la mamma. Chissà se ci sarà un club abbastanza forte da propormi un contratto“, condannato.

READ  Un'accoglienza commovente per alcuni bambini di rifugiati ucraini durante le prime classi in una scuola in Italia