Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più di 100 premi Nobel chiedono la fine della guerra in Ucraina e sollevano la minaccia nucleare

Più di 100 premi Nobel per la scienza chiedono la fine della guerra in Ucraina, sollevando la minaccia nucleare, mentre la scienza francese e olandese si stanno disimpegnando dalle istituzioni scientifiche russe. L’Unione Europea delle Accademie delle Scienze ha sospeso le istituzioni in Russia e Bielorussia.

Più di 100 premi Nobel di varie discipline scientifiche hanno firmato una dichiarazione che chiede la pace di fronte alla guerra in Ucraina e solleva la minaccia nucleare.

La Dichiarazione è stata proposta dalla Società tedesca Max Planck e supportata dai Meeting dei Premi Nobel che si incontrano dal 1951 ogni anno a Lindau (Baviera).

I Lindau Nobel Laureate Meetings forniscono un forum di fama mondiale per lo scambio tra premi Nobel e giovani scienziati. Ispirano generazioni di scienziati e creano reti sostenibili di giovani scienziati in tutto il mondo.

I 105 firmatari della dichiarazione invitano i governi e i leader aziendali a utilizzare le conoscenze e le tecnologie scientifiche in modo responsabile e ad essere consapevoli delle loro conseguenze a lungo termine.

Hanno esortato il presidente russo Vladimir Putin a rispettare gli accordi legali internazionali, ritirare le sue forze, avviare negoziati e stabilire la pace.

La Conferenza del Premio Nobel di Lindau e la Max Planck Society sono convinti che la scienza debba continuare il dialogo, anche se la politica tace o combatte la conquista. La dichiarazione afferma che la dichiarazione indica la loro speranza che questa iniziativa, insieme a molte altre, porti al ritorno di uno scambio pacifico tra i paesi.

I firmatari del premio Nobel provengono principalmente dagli Stati Uniti e da alcuni paesi occidentali, ma non includono nessuno dei 40 cittadini russi che abbiano mai vinto un premio Nobel.

READ  Agamben, follia e pestilenza

minaccia nucleare

Sebbene la dichiarazione non inviti a interrompere la cooperazione scientifica con la Russia, sottolinea la minaccia nucleare rappresentata dalla guerra in Ucraina, sebbene in nessun momento si riferisca allo stato di allerta nucleare imposto dal leader del Cremlino, né all’insicurezza nucleare globale. Causato dagli effetti dei missili russi che hanno acquisito impianti nucleari a Chernobyl, Zaporizhia e Kharkov.

A questo proposito, la dichiarazione ha chiarito che la scoperta della fissione nucleare ha creato le basi per la costruzione di armi nucleari di distruzione di massa.

Aggiunge che l’attuale volume di scorte ha il potenziale per rendere la Terra inabitabile per le creature viventi e porre fine alla civiltà umana. Pertanto, tali armi non dovrebbero essere utilizzate, affermano i premi Nobel.

Vale la pena notare che questa dichiarazione evoca la prima Dichiarazione di Mainau firmata nel 1955 dai Premi Nobel alla Conferenza di Lindau.

Questa dichiarazione era un appello contro l’uso delle armi nucleari mesi dopo la costituzione del Patto di Varsavia, di cui facevano parte sette paesi europei, come reazione alla creazione della NATO nel 1949.

La bandiera francese contrasta con la bandiera russa

Da parte sua, il Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS) in Francia, prima istituzione scientifica in Europa (prima dell’Istituto Max Planck in Germania e del CERN di Ginevra), nonché terzo centro al mondo, ha rilasciato un comunicato indicando che stava sospendendo tutte le nuove forme di cooperazione scientifica con la Russia e annullando tutti i futuri eventi scientifici a cui la Russia parteciperà.

Mentre ha aggiunto che i ricercatori russi che lavorano nei laboratori francesi possono continuare le loro attività, il Centro nazionale per la ricerca scientifica allo stesso tempo condanna con la massima fermezza l’invasione russa dell’Ucraina.

READ  La donna indagata per pratica illegale di medicina è stata indagata a Esperanza

Assicura inoltre all’Ucraina il suo pieno sostegno e solidarietà. “È inaccettabile che un conflitto di questo tipo sorga nel ventunesimo secolo all’interno della stessa Europa”, si legge nella nota.

Più misure di isolamento

I Paesi Bassi hanno anche annunciato che avrebbero congelato tutti i legami di ricerca e istruzione con la Russia e la Bielorussia a causa dell’attacco guidato dalla Russia all’Ucraina.

In una dichiarazione, le istituzioni della conoscenza nei Paesi Bassi (rappresentate da Università dei Paesi Bassi, Vereniging Hogescholen, KNAW, NWO, Dutch Consortium of University Medical Centers e De Jonge Akademie) avrebbero congelato tutte le partnership di ricerca e insegnamento con Russia e Bielorussia, e sono raccomandando a tutti gli studenti, insegnanti o ricercatori olandesi esistenti in Russia e Bielorussia di tornare in Olanda.

Aggiunge che non verranno avviate nuove collaborazioni, tutti gli eventi scientifici congiunti saranno cancellati e nessun ricercatore affiliato a un’istituzione russa o bielorussa sarà invitato a svolgere un ruolo nella valutazione delle proposte di ricerca delle accademie olandesi.

Nella stessa direzione si sono espressi nei giorni scorsi anche Germania, Danimarca e Lituania, mentre il ministro spagnolo della Scienza e dell’Innovazione, Diana Morante, ha dichiarato che stanno rivedendo la cooperazione scientifica spagnola con la Russia, in coordinamento con il ministero degli Affari esteri, di conseguenza dell’invasione dell’Ucraina.

associazioni universitarie

Anche l’Associazione Europea delle Accademie delle Scienze e delle Lettere (ALLEA), un’alleanza di oltre 50 accademie in Europa, ha annunciato la sospensione dei membri russi e bielorussi che fino ad allora avevano fatto parte del sindacato.

Le due istituzioni eccezionali sono l’Accademia delle scienze russa, che conta 1.008 istituzioni in tutto il paese e impiega circa 47.000 ricercatori, e l’Accademia nazionale delle scienze bielorussa, che impiega più di 6.000 ricercatori nel paese che hanno collaborato con la Russia nell’invasione dell’Ucraina .

READ  La salute di Mendoza in crisi: quando l'accesso diventa "epico"

In precedenza, la European Universities Association (EUA), che rappresenta più di 850 università e conferenze nazionali di presidenti di università in 48 paesi europei, ha interrotto i contatti e la cooperazione con qualsiasi agenzia del governo centrale nella Federazione Russa o qualsiasi altro paese che sostiene attivamente la Russia invasione. Ucraina.

Allo stesso modo, le accademie scientifiche del cosiddetto “Group of Seven”, formato da Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito, comprendente la Royal Society of the United Kingdom e la National Academy of Sciences degli Stati Uniti, gli Stati Uniti hanno anche condannato l’invasione dell’Ucraina.

Il potente Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha anche annunciato la fine della sua partnership di 11 anni con il centro tecnologico russo Skolkovo, meglio conosciuto come la Silicon Valley russa.

Notizie correlate

Infine, società matematiche di diversi paesi hanno annunciato che non avrebbero partecipato alla Conferenza internazionale dei matematici, che avrebbe dovuto svolgersi a San Pietroburgo, in Russia, a luglio, in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.