Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pericolo o pericolo? | Gaspar Mayral Boyle

Nelle recenti crisi che abbiamo vissuto in Spagna, causate da calamità naturali, incidenti catastrofici o epidemie, abbiamo potuto verificare quanto sia importante, anche decisivo, il modo in cui, attraverso il linguaggio generale e specialistico, si realizzano questi episodi critici. residente.

Il terribile susseguirsi di incendi che affligge la geografia spagnola mi ha dato questa riflessione derivata dallo studio per anni del concetto di pericolo e del suo sviluppo storico. È del tutto vero che per valutare una minaccia collettiva vengono utilizzati concetti che si diffondono come il citato approccio di minaccia nello spazio e nel tempo e che i media li comunicano alla popolazione utilizzando un linguaggio specifico. Secondo me e considerando quanto sta accadendo in Spagna, almeno dall’inizio del secolo, sono prevalsi due termini che hanno creato un malinteso, spesso molto dannoso per la buona gestione di queste crisi. Si tratta di rischio e pericolo, che sono spesso usati in modo poco appariscente anche nel nostro linguaggio abituale, poiché sono cose diverse, sebbene strettamente correlate.

Il rischio è un concetto creato attraverso il linguaggio e il calcolo matematico, per esprimere la probabilità che accada qualcosa che non è ancora accaduto. Un vulcano attivo rappresenta un pericolo per gli abitanti che vivono nelle sue vicinanze, ma la sua eruzione diventa pericolosa. Già all’inizio di questa estate, le alte temperature e la siccità hanno già creato un rischio di incendio nelle nostre foreste, nonché un’alta probabilità che si verifichino. Gli incendi, da quando sono scoppiati, hanno rappresentato un pericolo per la popolazione colpita E le squadre che hanno partecipato alla sua estinzione. Quindi non esistono pericoli in natura o nell’uomo, ma piuttosto l’idea che il pensiero esperto in vari rami della scienza e della cultura si sia trasformato in un concetto che può essere raccontato o calcolato. Tuttavia, il pericolo è una proprietà della natura o delle persone e come tale esiste in esse. Ad esempio, la lava, le fiamme, i virus o gli stessi prodotti tossici sono pericolosi e la loro vicinanza o contatto con essi li rende mortali. Da qui possiamo vederlo Un rischio ha un periodo di tempo, cioè un momento in cui è possibile intraprendere un’azione per neutralizzare o mitigare la minaccia, che può essere un rischio. Ora poi il pericolo quando si profila come una minaccia che manca di tempo o questa è troppo limitata e non permette la prevenzione, anzi, basta agire per combatterlo.. Questa domanda non è solo linguistica o concettuale, poiché mescolare i due ha talvolta avuto effetti molto dannosi.

READ  Gli spagnoli iniziano a programmare e sviluppare software durante la pandemia

Incidente alla petroliera Prestige È un tipico esempio. Poiché la suddetta petroliera ha avuto un incidente il 13 novembre 2002 al largo delle coste galiziane, era pericolosa perché stava già sversando un prodotto tossico: le migliaia di tonnellate di carburante che trasportava nei suoi serbatoi. Le autorità dell’epoca hanno impedito alla nave di essere rimorchiata in un porto sicuro per il trasporto del carico e hanno emesso un ordine restrittivo, ritenendo che più lontano dalla costa e in acque più calme, il suo carico mortale potesse essere spostato. Non è stato così e tutti conosciamo molto bene le conseguenze dell’affondamento della Prestige nove giorni dopo la traversata dopo l’incidente. In questo caso, il trattamento che le autorità hanno previsto per questa crisi era rischioso quando era veramente grave. In tal modo, presumevano che ci sarebbe stato tempo per le operazioni navali per prevenire la minaccia che il carico di questa petroliera rappresenta per la costa.

Nel 2020, quando erano già stati allertati i primi casi in Italia di covid-19 E si sapeva che questo virus è molto contagioso, il portavoce della salute spagnolo ha affermato che ci saranno al massimo alcuni casi in Spagna. Anche durante le prime settimane dell’epidemia, autorità ed esperti fino alla nausea hanno ripetuto la seguente affermazione: “L’influenza stagionale provoca più morti ogni anno”. In questo modo, dal momento in cui il Covid-19 ha iniziato la sua rapida espansione in Italia, Paese molto vicino e molto connesso alla Spagna, quella che si è presentata è stata una situazione pericolosa, molto diversa dal pericolo. Anche in questo caso si è creduto che ci fosse tempo per evitare che il virus raggiungesse il nostro Paese con alcuni accorgimenti e contemporaneamente si sono evitati altri, più stringenti. Anche in questo caso, la situazione è stata valutata in termini di tempo del pericolo e non in termini di ritardi spazio-temporali di un pericolo.

READ  Consapevolezza dell'infezione fungina

Logicamente ci si deve chiedere perché questo sta accadendo ea mio avviso la spiegazione è soprattutto politica. Non ho dubbi al riguardo Le valutazioni di studiosi ed esperti che consigliano le autorità sono solitamente mediate, in misura maggiore o minore, dagli interessi dei governanti Da ogni momento e per quello Politicamente parlando, il pericolo è più trattabile del pericolo. Pertanto, il trasferimento di “Prestige” in un luogo sicuro sulla costa della Galizia è stata una decisione impopolare con un costo elettorale elevato, data la sensibilità dei galiziani a causa dei passati incidenti delle petroliere sulle loro coste. Anche nel caso del Coronavirus, le decisioni di chiudere aeroporti, sospendere il traffico terrestre e marittimo o misure di isolamento più rigorose, adottate in seguito, hanno indubbiamente spaventato le autorità presumendo, giustamente, che non sarebbero state molto apprezzate.

Nel caso degli incendi di quest’estate, abbiamo assistito a un’azione rapida, sicuramente perché gli incendi boschivi sono un disastro ricorrente e c’è già molta esperienza nel combatterli, ma ha attirato la mia attenzione, dopo le informazioni su questi eventi, la confusione tra qual è il pericolo e qual è il pericolo espresso da politici, informatori e colpiti E anche alcuni esperti si denunciano frequentemente.

Jaspar Mayral Boyle, professore di antropologia sociale