Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché l’Italia vince i Mondiali di Nuoto?

aggiornato

Aggiungi tre medaglie d’oro, d’argento e di bronzo in questo torneo e punta a di più. “La Federazione si è concentrata sulla formazione degli allenatori, motivo per cui abbiamo più corridori”, afferma l’allenatore Federico Gros.

Ceccon, dopo aver vinto 100 volte.Tibor EliseEFE
  • Cronaca Thomas Ciccone stabilisce il suo primo record mondiale in una gara di 100 tempi a Budapest

La Spagna ha circa 70.000 nuotatori federali. In Italia 140.000, il doppio. In Spagna ha investito circa otto milioni di euro nel nuoto. In Italia 37, cioè quattro volte. Sono differenze evidenti, ma nessuno dei due spiega la massiccia disuguaglianza nei risultati che esiste tra i due paesi. Nell’attuale Coppa del Mondo a Budapest, mentre la Spagna non gioca una sola finale –Hugo González Questo martedì è stato escluso dai 200 stili: l’Italia ha già tre ori, un argento, un bronzo e quello che resta. Lontano dalla catastrofe stessa, e per molteplici ragioni, la domanda è essenziale: perché l’Italia vince così tanto?

“Possiamo analizzare molte cose, ma il motivo principale è la crescita di un’ottima generazione di giovani. Un grande gruppo si è unito e avrà la sua possibilità alle Olimpiadi di Parigi 2024”, spiega in una conversazione con EL MUNDO Fabio ScozzoliDue volte secondo classificato mondiale nel 2011 e tre volte campione d’Europa. Parlami di ciò Nicolò Martinini, 22 anni, che ha vinto 100 rana; Da Benedetto Pilato, solo 17 anni, e ha vinto anche la 100a rana; o da Tommaso lo sarà, 21 anni, che ha totalizzato 100 dorso, incluso un record mondiale. I tre erano già saliti su podi importanti prima che Martinje vincesse e sarà alle Olimpiadi di Tokyo, e Pilato era medaglia mondiale a 14 anni, ma in questi giorni hanno confermato la storica ascesa del loro Paese.

I tre guidano una tendenza che non è casuale. Appena un decennio fa, l’Italia mancava di corridori e faceva affidamento sui suoi successi nelle medie e lunghe distanze grazie alle sue stelle, Federica PellegriniE il Alicia Felipe anche Gregorio Paltrinieri. Ora brilla veloce, non magico. “Questa nuova generazione si dedica allo sprint per la strategia che la Federazione Italiana Nuoto (FIN) ha seguito negli ultimi 20 anni. In tutto questo tempo si è concentrata consapevolmente sulla formazione degli allenatori, fornendo loro le risorse per migliorare la loro conoscenza del nuoto subacqueo, all’inizio, alternativamente, con la velocità. …tecnicamente, vincere le prove rapide è più difficile e dimostra che ha funzionato bene”, ha affermato in una conversazione con questo giornale. Federico Grossin particolare il tecnico FIN e collaboratore della rivista il nuovoche, a suo avviso, indica il motivo principale di questo buon momento: “Certo, l’attività è nata da 1500 piccoli club del Paese, con circa 30.000 tecnici coinvolti, e questo è ora, dopo il COVID, in grave crisi finanziaria Nonostante i successi attuali, c’è una minaccia che i giovani talenti piacciano Pilato e sarà che smettano di nuotare perché non hanno un club vicino”.

Gli europei sognano a Roma

Le Olimpiadi di Parigi 2024 sono l’obiettivo dell’attuale girone, ma prima avranno una seconda possibilità di brillare quest’anno ai prossimi Campionati Europei di Roma, che si svolgeranno ad agosto. Un sogno nella mente di tutti: con le sanzioni contro la Russia, l’Italia può battere il Regno Unito e conquistare per la prima volta il medagliere.

“Sarei sorpreso se non ce l’avessimo fatta”, dice Gross. “Ci sono molte aspettative sull’Europeo e so che per molti è l’obiettivo principale”, aggiunge Scozzoli. Alcuni dei nuovi talenti, infatti, si allenano a Roma, anche se la maggior parte è concentrata nell’High Performance Center di Verona, nel nord del Paese, dove lavorano da anni per applicare il metodo scientifico al nuoto e dove un’epidemia, i nuotatori potevano allenarsi in ogni momento. Ci si aspetta che lanci più medaglie ai Mondiali di Budapest, alcune oggi, con molte opzioni. Ci sono dieci ambite medaglie olimpiche a Parigi dopo essere state sommate a sei a Tokyo.

Ci sono 860 club di nuoto in Spagna. In Italia, 1500, cioè doppio. 47 milioni di persone vivono in Spagna; In Italia 59, cioè 12 milioni. Sono differenze evidenti, ma nessuno dei due spiega la massiccia disuguaglianza nei risultati che esiste tra i due paesi.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più

READ  Euro 2020/2021: la Spagna infuocata con il pallone