Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché i numeri ufficiali dei decessi in molti paesi non includono il numero reale delle vittime di COVID-19?

In molti paesi, le vittime che non sono risultate positive al coronavirus prima di morire vengono squalificate (EFE/Fernando Bizerra Jr/File)

Con la diffusione della pandemia di COVID-19 in tutto il mondo, le persone hanno normalizzato la presenza di annunci giornalieri di decessi per questa malattia, che vengono pubblicati ufficialmente ogni giorno.

La mortalità può essere maggiore a causa di una combinazione di cause.

Da un lato, le statistiche ufficiali In molti paesi escludono le vittime che non sono risultate positive al virus prima di morire, che può essere una grande maggioranza su siti con poca testabilità.

Nel secondo caso, c’era già Ritardi negli ospedali e negli archivi civili, e gli enti che non necessariamente elaborano i certificati di morte al momento del loro verificarsi, Occorrono anche settimane, con conseguenti ritardi o discrepanze dei dati nella misurazione dell’infezione e dei rischi coinvolti.

finalmente L’epidemia ha ostacolato il trattamento dei trattamenti cronici, di emergenza o di altro tipo in corso, poiché alle persone è stato consigliato di non recarsi nei centri di cura O che molte persone non si sentivano a proprio agio con la telemedicina, che potrebbe aver indirettamente causato l’aumento dei decessi per malattie diverse dal COVID-19.

Un modo per spiegare questi problemi metodologici è usare la scala demografica
Un modo per spiegare questi problemi metodologici è usare la scala demografica “eccesso di mortalità” (REUTERS/Bruno Kelly)

Un modo per spiegare questi problemi metodologici è usare Scala demografica “eccesso di mortalità”: Prendi il numero di persone che muoiono per qualsiasi causa in una determinata regione e periodo, quindi confrontalo con la linea di base storica degli ultimi anni.

Molti paesi occidentali, e alcuni stati e regioni altrove, pubblicano regolarmente dati su tutte le cause di morte. Nella maggior parte dei luoghi, il numero di decessi in eccesso (rispetto alla linea di base) è maggiore del numero di decessi per COVID-19 registrato ufficialmente dal governo.

READ  “Covid-22”: un ricercatore svizzero avverte della possibilità di un nuovo supervisore

settimanale britannico L’economista Ha sviluppato una tabella che include i dati completi per ogni paese, così come il codice di base, il database della mortalità umana, una collaborazione tra L’Università della California, Berkeley e il Max Planck Institute in Germania, e il Global Mortality Data Set, creato da Ariel Karlinsky e Dmitriy Koback.

La maggior parte dell'America Latina ha vissuto una prima ondata devastante da aprile a luglio 2020, secondo i dati sviluppati dal sistema.  Bolivia ed Ecuador sono stati particolarmente colpiti (EFE / Juan Ignacio Roncoroni)
La maggior parte dell’America Latina ha vissuto una prima ondata devastante da aprile a luglio 2020, secondo i dati sviluppati dal sistema. Bolivia ed Ecuador sono stati particolarmente colpiti (EFE / Juan Ignacio Roncoroni)

Utilizzo dei dati da EuroMOMO, una rete di epidemiologi che raccolgono report settimanali Sulla base dei decessi per tutte le cause in 23 paesi europei, sono stati ottenuti dati che mostrano che, rispetto alla linea di base storica degli ultimi cinque anni, l’Europa ha sperimentato alcune stagioni influenzali fatali dal 2016, ma il numero di decessi per COVID-19 è molto maggiore . Sebbene la maggior parte di queste vittime avesse più di 65 anni, il numero di decessi tra gli europei di età compresa tra 45 e 64 anni era del 40% superiore al normale all’inizio di aprile 2020.

La maggior parte dell’America Latina ha vissuto una prima ondata devastante da aprile a luglio 2020, secondo i dati sviluppati dal sistema. Particolarmente colpite sono state la Bolivia e l’Ecuador. Una seconda ondata è emersa nella regione alla fine del 2020, con Messico, Perù e Brasile che hanno riportato picchi di decessi in eccesso più elevati rispetto a qualsiasi momento precedente durante la pandemia. Da allora il virus ha continuato a diffondersi in tutto il continente, con la Colombia e il Paraguay che hanno subito il peggior numero di morti ad aprile e maggio 2021.

READ  Una coppia ha deciso di non farsi vaccinare contro il COVID-19 e i loro quattro figli ora sono orfani: l'ultima supplica della madre

I numeri sono sorprendenti per via delle chiusure che continua a subire. Uno schermo compilato dallo stesso The Economist, settimanale che misura il tempo che le persone trascorrono a casa, nei negozi, nei luoghi pubblici, negli uffici, nei cinema e in altri luoghi per confrontarlo con la situazione prima dello scoppio dell’epidemia di COVID-19, ha classificato l’Argentina al 45° posto su un totale di cinquanta paesi intervistati. Solo il Cile è il più basso nella regione, mentre Perù, Brasile e altri paesi duramente colpiti dal virus stanno per tornare alla normalità.

conti mondiali

L'Europa sudorientale ha seguito un modello simile.  Novembre e dicembre 2020 sono stati particolarmente letali (Reuters/Danish Siddiqui/foto d'archivio)
L’Europa sudorientale ha seguito un modello simile. Novembre e dicembre 2020 sono stati particolarmente letali (Reuters/Danish Siddiqui/foto d’archivio)

Mentre il COVID-19 ha devastato New York nel marzo 2020, anche le città dell’Europa occidentale hanno subito gravi epidemie. Gran Bretagna, Spagna, Italia, Belgio e Portogallo hanno alcuni dei tassi di mortalità in eccesso nazionali più alti al mondo, adeguati alle dimensioni della loro popolazione. Questi paesi hanno anche subito una seconda ondata di decessi nell’autunno e nell’inverno del 2020. Alcuni paesi dell’Europa occidentale hanno tardato a vaccinare i propri cittadini all’inizio del 2021. Ma a giugno, i tassi di mortalità sono tornati alla normalità in tutta la regione.

I paesi del Nord Europa hanno generalmente visto tassi di mortalità molto più bassi durante la pandemia. Alcuni paesi nordici non hanno registrato quasi nessun eccesso di morti. L’eccezione è la Svezia, che ha imposto alcune delle misure di distanziamento sociale meno restrittive del continente durante la prima ondata.

In Europa centrale, al contrario, solo i Paesi Bassi e la Svizzera hanno registrato un numero significativo di decessi in eccesso all’inizio del 2020. Dopo la ripresa dei viaggi internazionali, l’intera regione è stata devastata in autunno. Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca hanno registrato ulteriori picchi nel tasso di mortalità a marzo e aprile 2021.

Al di fuori dell'Europa e dell'America, pochi posti pubblicano dati sui decessi in eccesso (REUTERS/Baz Ratner/File Photo)
Al di fuori dell’Europa e dell’America, pochi posti pubblicano dati sui decessi in eccesso (REUTERS/Baz Ratner/File Photo)

L’Europa sudorientale ha seguito un modello simile. Novembre e dicembre 2020 sono stati particolarmente mortali, La Bulgaria ha il più alto tasso di mortalità settimanale in eccesso di qualsiasi paese nel nostro tracker. Da allora, molti paesi hanno visto nuovi focolai mortali.

READ  Polemica sul "turismo della salute": viaggiano per farsi vaccinare e farsi COVID | Cronaca

Tra le ex repubbliche sovietiche, solo la Bielorussia ha registrato un aumento significativo dei decessi all’inizio del 2020, dopo che quasi nessuna restrizione è stata imposta alla vita quotidiana. La seconda ondata alla fine del 2020 ha interessato l’intera regione. Da parte sua, la Russia ha ora uno dei più grandi divari di mortalità in eccesso al mondo. Ha registrato circa 580.000 morti in più del previsto tra aprile 2020 e giugno 2021, rispetto al numero ufficiale di COVID-19 di appena 130.000.

Al di fuori dell’Europa e dell’America, pochi posti pubblicano dati sui decessi in eccesso. Non ci sono tali informazioni in vaste aree dell’Africa e dell’Asia, dove alcuni paesi rilasciano certificati di morte solo a una piccola parte delle persone.

Continuare a leggere: