Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per la prima volta nella storia del Perù, la Corte Suprema ha autorizzato l’eutanasia di una donna malata terminale

Per più di 30 anni, Ana Estrada ha sofferto di una malattia incurabile chiamata polimiosite (Reuters / Sebastian Castaneda)

Per la prima volta nella storia del Perù, La Corte Suprema, giovedì, ha autorizzato l’eutanasia della psichiatra Ana Estrada, che soffre di una malattia terminale. Questo conferma un ordine di prima classe che permetterà al peruviano di togliersi la vita quando vuole.

Decisione della Corte Suprema Augusto RuediazConfermato dall’agenzia AP Da una fonte della magistratura che ha chiesto l’anonimato perché non autorizzato a parlarne pubblicamente. La risoluzione ha aggiunto i quattro voti favorevoli necessari per concedere questo diritto al 45enne Estrada. Altri due giudici supremi avevano già votato contro la decisione. Ruediaz ha tenuto un’audizione a giugno per decidere il suo voto.

Il diritto a una morte dignitosa concesso a Estrada è stato motivato da una domanda di protezione presentata dal difensore civico per conto dello psichiatra. In una dichiarazione ufficiale, il Mediatore ha indicato di essere stato informato della decisione dalla Corte suprema.

L’autorizzazione non apre la possibilità di ulteriore eutanasia e si applicherà solo a Estrada. “È una frase davvero trascendente perché riconosce il diritto di decidere nell’ultima parte della sua vita, di porre fine alla sofferenza, di porre fine a una condizione che alla fine potrebbe considerare indegna di vivere”, ha detto in dichiarazioni alla televisione pubblica. Walter GutierrezL’avvocato di Estrada.

“Questo diritto è stato confiscato dallo Stato, non solo da Anna, ma dai cittadini in generale, perché è possibile che prima o poi avremo una malattia che ci degraderà, ci farà soffrire e renderà la nostra esistenza irresistibile. Questo è un diritto fondamentale perché viene riconosciuto il diritto alla libertà, viene riconosciuto il diritto alla dignità e il diritto a non essere sottoposti a trattamenti crudeli e disumani”, ha aggiunto Gutierrez.

La Corte Suprema del Perù ha autorizzato per la prima volta nella storia del Paese l'eutanasia
La Corte Suprema del Perù ha autorizzato per la prima volta nella storia del Paese l’eutanasia

Estrada non ha ancora deciso sulla decisione della Corte Suprema.

READ  Cinque previsioni di Bill Gates sul prossimo futuro: la pandemia, i progressi tecnologici e le opportunità per il metaverso

A giugno, la psichiatra peruviana ha partecipato all’udienza del giudice Ruediaz dal suo letto clinico all’interno della sua minuscola camera da letto, che ha descritto come una specie di “unità di terapia intensiva”. Ha spiegato che dava valore alla vita e non chiedeva la morte immediatamente, ma di controllare la propria volontà, indipendenza e decisioni.

Ha detto che il processo del suo declino non può essere cambiato, ma che la “fine” della sua vita potrebbe essere se gli avessero lasciato prendere la decisione. “Voglio la possibilità di accedere alla procedura di eutanasia quando non posso soffrire nella vita e voglio dire addio ai miei cari in pace e tranquillità”, ha detto.

In quell’occasione, Estrada ha detto al giudice di essere stata aiutata diversi anni fa da un’infermiera e “costretta a letto, su un ventilatore” a respirare attraverso una tracheostomia in una procedura sempre più “difficile e stressante”. Con i capelli corti e gli occhiali, ha ringraziato il giudice per avergli permesso di partecipare all’udienza e ha aggiunto: “Spero con tutto il rispetto che sarà l’ultimo, il che significa che ho vinto il mio diritto di decidere”. riguardo la mia vita.”

Per più di 30 anni, Estrada ha sofferto di una malattia incurabile chiamata polimiosite Era paralizzato in quasi tutti i suoi muscoli. Nonostante questo, ha studiato e praticato fino a cinque anni fa, il deterioramento l’ha costretta a rimanere a letto mettendo in pericolo i suoi muscoli respiratori.

Per diversi anni, un'infermiera ha aiutato Estrada e
Per diversi anni, un’infermiera ha aiutato Estrada e un “costretto a letto, collegato a un ventilatore” a respirare (AP Photo/Martin Mejia)

Nel suo appartamento situato in un quartiere borghese di Lima, Estrada ha scritto un blog intitolato “Anna per una morte gentileSpiega le ragioni che l’hanno portata a prendere questa decisione. Nel 2019 ha scritto: “Una morte decente in Perù è illegale, vivo in un paese che mi toglie la libertà e una vita senza libertà non è una vita perché il mio corpo appartiene a questo paese”. Nel 2020, con il supporto dell’ufficio del difensore civico, ha presentato una denuncia affinché potesse morire con dignità ogni volta che voleva.

READ  Dopo settimane di preparazione, la Russia lancia una grande offensiva nell'Ucraina orientale | Il presidente Zelensky ha dichiarato "l'inizio della battaglia per il Donbass"

Il tribunale ha anche ordinato nella sua sentenza iniziale che le autorità mediche preparassero un protocollo procedurale per l’eutanasia a Estrada.

L’eutanasia non è consentita in Perù e chiunque aiuti un’altra persona che ne faccia richiesta è punito con la reclusione fino a tre anni.

(con informazioni da AP)

Continuare a leggere: