Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per 45 anni, ha lasciato che la sua famiglia lo credesse morto in un incidente aereo perché si vergognava dei fallimenti della sua vita.

Sajid Thongal, oggi ha 70 anni, e dal 1974 ha lasciato la sua casa a Kottayam (India), per poi far credere alla sua famiglia che è morto quasi mezzo secolo fa. Credito: reverendo Philip/ladbible.com

Un uomo che si finge morto da 45 anni sta per ricongiungersi con la sua famiglia. Sajid Thongal, oggi ha 70 anni, Dal 1974 lascia la sua casa di Kottayam (India) per andare a lavorare organizzando eventi con cantanti e ballerini ad Abu Dhabi.

Due anni dopo, mentre era in viaggio verso la città indiana di Chennai con un gruppo di artisti con cui lavorava da 10 giorni, il suo aereo ha avuto un incidente. Era l’ottobre del 1976 e Sajid aveva 22 anni.

All’epoca, tutti i 95 passeggeri, inclusi l’equipaggio e i passeggeri del volo India Airlines per Madras, avrebbero perso la vita dopo che uno dei motori dell’aereo aveva preso fuoco e il veicolo si era schiantato.

Sajid è sopravvissuto all’incidente, ma ha deciso di non contattare la sua famiglia. Si sentiva in colpa per quello che era successo e considerava la sua carriera un fallimento. Nel 1982 si è trasferito a Mumbai e da allora vive lì.

“Non ho comunicato con la famiglia perché mi sentivo un fallito” Sajid ha detto al National News.

Ero destinato a fare fortuna nel Golfo e non l’ho fatto. Quindi continuavo a pensare che avrei fatto qualcosa per me stesso a Bombay e poi avrei contattato tutti. Ma anche questo non è avvenuto. Sono passati così 45 anni.aggiunto.

Negli ultimi due anni, Sajid ha vissuto in un rifugio per senzatetto, dove è stato portato da un amico che lo ha trovato per strada in condizioni orribili.

Sajid Thungal, con Phillip Pastures che gestisce il rifugio per senzatetto dove ora vive.  Credito: reverendo Philip/ladbible.com
Sajid Thungal, con Phillip Pastures che gestisce il rifugio per senzatetto dove ora vive. Credito: reverendo Philip/ladbible.com

Il Seal Ashram è gestito dal reverendo KM Phillip, che ha ordinato un’indagine sulla moschea di Kottayam per trovare la sua famiglia e vedere se vivono ancora nella stessa città.

READ  Alberto Fernandez, in isolamento protettivo dopo il ritorno dal Perù | Come tutti i compagni che hanno viaggiato per prendere Pedro Castillo

Incredibilmente, l’imam ha appreso della famiglia Sajid ed è rimasto scioccato nell’apprendere che era ancora vivo.

Il reverendo Filippo ha detto: “Sono rimasti sorpresi di sentire che è vivo. Suo padre è morto molto tempo fa e sua madre ha 91 anni”.

Sajid ha fatto una videochiamata alla sua famiglia in cui riusciva a malapena a parlare a causa di quanto fosse irritabile.

“Voglio andare a casa. Se alle persone qui non importasse di me, sarei morto senza che la mia famiglia si riunisse”, disse l’indiano.

Suo fratello Muhammad Kanjo sta per arrivare a Mumbai per prendere Sajid e portarlo a casa.

Mohammed ha detto ai media locali che la sua famiglia non aveva mai dimenticato suo fratello ed era andata ad Abu Dhabi a cercarlo.

“Ho mostrato la sua foto ovunque ma nessuno ne sa niente. Ora che è finalmente tornato a casa, non lo perderemo di vista”, Maometto ha confessato.

Continuare a leggere