Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pedro Castillo sarà il prossimo presidente del Perù: influenze, promesse elettorali e priorità per il suo governo

Pedro Castillo (Stampa Europa)

Lo ha annunciato la giuria delle elezioni nazionali Pedro Castillo come nuovo presidente del Perù. Politico di sinistra sconfitto nel sondaggio Keiko Fujimori Con una leggera differenza, in questo modo, governerete il Paese per i prossimi cinque anni.

Questo risultato era atteso da settimane Ma il lento conteggio dei voti dei verbali annotati dai rappresentanti (i revisori dei conti) sul tavolo nonché dalle autorità dell’Ufficio nazionale per le operazioni elettorali (ONPE), ne ha impedito la conferma anticipata.

Da parte sua, la missione di osservazione elettorale dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS) Escludere l’esistenza di “gravi irregolarità” Nelle elezioni peruviane, contrariamente a quanto condannato dal candidato Fujimori, che ha perso nel conteggio dei voti.

Lo afferma in una dichiarazione il capo della missione, l’ex ministro degli Esteri del Paraguay Ruben Ramirez Lescano, il quale ha chiarito che in tutti gli incontri che ha tenuto durante il suo lavoro”Notare il processo elettorale positivoin cui sono registratiSostanziali miglioramenti tra il primo e il secondo turno round“.

Allo stesso modo, il diplomatico ha rilevato che “La missione non ha scoperto gravi irregolarità“.

Il piano di Pedro Castillo

Pedro Castillo con i suoi sostenitori (Reuters/Liz Tassa)
Pedro Castillo con i suoi sostenitori (Reuters/Liz Tassa)

Prima del sondaggio, Castillo ha cercato di prendere le distanze da alcune linee guida del suo partito, il cui piano di governo mostra Vicinanza alla dottrina del “socialismo del XXI secolo”.

Il piano Peru Liber è stato firmato dal fondatore del partito, Vladimir CeronUn controverso ex governatore di una regione andina è stato sospeso dall’incarico a causa di una condanna penale, accusato di aver abusato della sua posizione. È un rappresentante della linea dura e la Camera di oltre 30 membri eletti del Congresso è più vicina alla sua posizione.

READ  I senatori degli Stati Uniti chiedono a Joe Biden di aumentare la pressione sulla dittatura di Daniel Ortega

Quello che governerà sono ioCastillo, dopo aver respinto l'”ideologia” presentata e firmata da Cerrone davanti alla Giuria delle elezioni nazionali, ha spiegato, oltre alle opinioni di sinistra radicale di altri membri del suo partito politico.

Lo spettacolo è stato scritto prima che scoppiasse la pandemia di coronavirus, quindi Non include alcuna menzione della malattia o misure per combatterla. Sì, d’altra parte, hanno le basi della situazione che viene definita come marxista e leninistaIn armonia con altri regimi di sinistra nella regione.

Supporto asse sinistro per l’America Latina

Citazioni di documenti Più volte per leader come Fidel Castro e boliviano Alvaro Garcia Linera, ma il più citato è l’Ecuador Rafael Correa. Inoltre, non lesina sulla nomina di altri leader, alcuni dei quali sono considerati dittatoriali per le loro violazioni dei diritti umani.

“I presidenti Rafael Correa, Evo Morales, Nestor Kirchner, Cristina Fernandez, Lula da Silva, Dilma Rousseff, Fidel Castro, Raul Castro, Hugo Chavez, Nicolas Maduro, Manuel Zelaya, Daniel Ortega e Pepe Mujica erano al punto più alto dell’integrazione latinoamericana . , basato su principi sovrani”, osserva Cerrone nel suo documento. Come indicato, il gruppo”Ha dato dignità al continente“Ma Perù”Purtroppo questi tentativi sono sempre stati deludenti“.

Una donna alza bandiere a sostegno di Castillo (Reuters/Angela Pons)
Una donna alza bandiere a sostegno di Castillo (Reuters/Angela Pons)

L’opposizione agli Stati Uniti e l’imperialismo

Il tono antimperialista è mantenuto in tutto il documento. “Gli Stati Uniti hanno progettato un piano politico, legale, economico, commerciale, finanziario, mediatico e militare per adottare i nostri paesi secondo il loro progetto e hanno creato a questo scopo molte istituzioni democratiche apparentemente sovranazionali”, afferma Cerrone.

in quell’aereo, Critica l’Organizzazione degli Stati americani (OAS)., un’organizzazione alla quale né Cuba né il Venezuela appartengono. “Costituisce un insieme di controllo geopolitico sull’America Latina e sui Caraibi (…) sotto la cui protezione o indifferenti colpi di stato militari sono stati compiuti in molti paesi che si attengono rigorosamente agli ordini degli Stati Uniti”, afferma Cerrone, notando invece la sua preferenza per una società degli Stati americani e dei Caraibi (CELAC).

READ  Thiago de Mello, una figura cruciale y un amigo | El poeta brasileño murió a los 95 años

Il segretario generale peruviano Lieber ha anche espresso aspri commenti contro le ONG, i centri di arbitrato internazionale e la Commissione interamericana per i diritti umani, tra gli altri organismi multilaterali.

Stesura di una nuova costituzione

Castillo, che ha ricevuto il sostegno delle zone povere, Ha annunciato durante la sua campagna elettorale che se avesse vinto la presidenza, avrebbe indetto un referendum per riscrivere la costituzione politica. Dare allo Stato un ruolo dominante nell’economia. Un percorso seguito da Venezuela (1999), Ecuador (2008) e Bolivia (2009). Shelley lo sta anche perseguendo attraverso un’assemblea costituente.

in quell’aereo, I confini di Castillo non sono delimitati in misura maggiore rispetto al piano originale del partito. Infatti, nell’alleanza che hanno firmato con la sinistra Veronica Mendoza, hanno indicato che avrebbero cercato un “nuovo patto sociale” attraverso una nuova costituzione redatta dall'”Assemblea popolare”.

Quello che è in dubbio è come cercherai di cambiare la Magna Carta. “Rispetteremo questa costituzione politica finché non sarà decisa dal popolo tramite referendum, finché il popolo non avrà la sua volontà, in modo che ciò che viene dal popolo.“, ha sottolineato. Ma il quadro giuridico non è facile per il percorso che Peru Libre sta perseguendo.

Un sostenitore di Castillo (Reuters/Angela Pons).
Un sostenitore di Castillo (Reuters/Angela Pons).

Avanzamento nei media

Se ci sono molte lamentele in Venezuela sulla persecuzione contro la libertà di espressione, Un piano come quello svelato da Beru Liber porterebbe a scenari simili.

I media sono potenti strumenti di controllo e dominio culturale, quindi la destra ha il potere di far credere ai poveri che ciò che funziona per loro è anche un bene per loro.‘, Argues Cerrón nel piano del suo governo.

READ  La famiglia che l'ha buttata fuori dalla voragine a Puebla è stata vittima di una truffa telefonica

In questo senso, suggerisceRimuovere i programmi “spazzatura”“Sì Critica che lo Stato abbia “abbandonato” il suo ruolo preventivo. Suggerisce esplicitamente una revisione da parte del governo prima della trasmissione dei programmi: “I ministeri dell’istruzione e della cultura dovrebbero valutare i contenuti delle emittenti televisive e radiofoniche prima della trasmissione, evitando così un assalto alla morale e alle buone abitudini della società peruviana”.

Critica anche l’attenzione dei media e suggerisce di riorganizzare la linea guida dello Stato per sostenere il “giornalismo alternativo”, su un piano di parità con i media pubblici (nazionali e regionali) e il settore privato.

Nazionalizzazione dei depositi

Il piano del governo per il suo partito “Perù Liber” afferma che “settori strategici“Dalla produzione, come l’estrazione mineraria, è la chiave per l’economia locale.

Il documento di Cerrone propone di rivedere “tutti i famigerati contratti legali che erano di fatto la libertà di saccheggiare il popolo peruviano” con l’obiettivo che lo stato mantenesse l’80% dei profitti. Ha sottolineato che “l’Ecuador e la Bolivia hanno dimostrato, sotto i governi di sinistra, che questo è sia possibile che praticabile”. In seguito, ha chiarito che si riferiva al fatto che i profitti delle multinazionali dovrebbero essere investiti nel paese e non portati all’estero.

Continuare a leggere: