Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Patto di stabilità: la Francia guida la riforma delle regole finanziarie | economia

Il 31 dicembre la Commissione europea ha chiuso la casella delle proposte e delle proposte di revisione del Patto di stabilità e crescita e delle sue regole “stupide”, come le descrisse quasi vent’anni fa l’allora presidente Romano Prodi. Il giorno successivo, in coincidenza con il nuovo anno, la Francia ha assunto la presidenza del Consiglio dell’Unione europea con l’obiettivo di rafforzare questo processo. “Dobbiamo tornare alle regole del bilancio comune, ma non possiamo far finta che non sia successo nulla”, ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron presentando le sue priorità per il semestre di presidenza. E per questo si è cercato un potente alleato: il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, con il prestigio con cui è visto tardivamente da molti come il salvatore dell’euro nella crisi finanziaria.

Entrambi hanno firmato una lettera sul quotidiano britannico Financial Times con Un riferimento a una delle numerose proposte accademiche Introdotto di recente, è stato siglato da Francesco Giavazzi, famoso economista e consigliere del Presidente del Consiglio italiano. Sostiene la fissazione di un obiettivo di debito/PIL a medio termine (ora 60%), ma non lo stesso per tutti, ma piuttosto un obiettivo adattato alla situazione di ciascun paese. L’obiettivo sarebbe quello di andare in modo affidabile verso la riduzione del debito. L’altra parte di questa proposta cerca di facilitare gli investimenti pubblici e suggerisce che possono essere realizzati se migliorano l’economia in futuro, ma con meccanismi di supervisione e traguardi di conformità, simili a un fondo di rimborso.

Né Draghi né Macron sono stati molto specifici nel loro articolo. Né lo fanno gli alti funzionari del governo francese quando presentano i loro obiettivi per questi mesi fuori dal microfono. Sì, sono favorevoli al fatto che le nuove regole non siano uguali per tutti, in cambio del ripristino dei saldi debitori degli Stati membri, che in alcuni casi si sono deteriorati (Francia, Grecia, Italia, Spagna, Portogallo…), dove le passività sono più del 115% del debito rispetto al loro PIL totale. Dichiarano inoltre di aprire le mani agli investimenti pubblici.

READ  Aliexpress ha aperto il suo secondo negozio fisico in Catalogna

Tuttavia, il governo di Macron sa che non tutti i paesi si impegnano in questo dibattito e condividono le proprie opinioni. Quindi le fonti esecutive francesi aggiungono che la sua metodologia passerà per “dialogo e rispetto”. E un’altra cosa, da arbitro nella polemica da parte della Presidenza della Repubblica, promettono di non imporre linee rosse. Resta da vedere se le elezioni presidenziali del prossimo aprile non recideranno tutti questi obiettivi.

Sembra che anche i paesi che potrebbero, in linea di principio, essere all’altra estremità del piatto, si stiano allontanando dai siti estremi. L’Olanda, leader del Paese frugale, ha appena lanciato un governo che ha messo da parte l’austerità nei conti pubblici e sta impegnando importanti investimenti per promuovere una trasformazione verde e digitale.

Ma un grande giocatore dovrebbe ancora mostrare le sue carte: la Germania. Fino all’ingresso nel governo, il ministro delle finanze della coalizione Semaphore, il liberale Christian Lindner, è stato un falco finanziario nella politica tedesca, ma l’accordo firmato con SPD e Verdi prevede anche importanti investimenti. Lui stesso ha dimostrato flessibilità indicando un’altra interessante proposta tecnica pubblicata per riformare l’Accordo di stabilità, la proposta firmata da molti economisti al Meccanismo europeo di stabilità (organi guidati da Klaus Regling, vicino ai liberali), che propone di alzare il tetto. Dal debito al 100% del PIL.

Conosci in profondità tutti gli aspetti della moneta.

Partecipare

In ogni caso, il prossimo passo formale spetta ora alla Commissione europea, che, dopo aver raccolto le proposte per il dibattito riaperto a ottobre, deve ora mettere in atto la lettera. Due mesi fa, il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, e il vicepresidente Valdis Demprovskis sembravano cinguettare sullo stesso tono: “Ci sarà un alto costo sociale ed economico se gli adeguamenti vengono accelerati”, hanno avvertito.

READ  L'Italia richiederà a tutti i lavoratori di avere un passaporto sanitario da venerdì